Gli aggiornamenti della seconda stagione non impediscono ad Halo Infinite di sembrare un’impresa incompleta

0

L’alone dall’altro lato.

Tutto ciò che dovete sapere sul perché ho abbandonato Halo Infinite poco dopo il lancio può essere racchiuso in una sola parola: crossplay.

Sono un fan accanito e di lunga data del franchise, ma è profondamente irritante non poterne fare a meno, anche perché al suo meglio il multiplayer di Halo, pur non essendo privo di problemi, rimane incredibilmente divertente. L’ho considerato a lungo uno dei più equi del suo genere, un gioco che non premia il tempo trascorso ma l’abilità, livellando di fatto il campo di gioco. Il gioco è composto da te, da loro, da loadout standard e da una manciata di armi ed equipaggiamenti speciali (mimetiche, overshield e simili) che compaiono periodicamente sulla mappa.

Costringere i giocatori di PC e Xbox a giocare insieme, tuttavia, va contro questo principio ed è così frustrante che, a sei mesi dall’uscita del gioco, la questione non sia stata ancora affrontata, frustrando i giocatori di tutte le parti, a quanto pare. I giocatori PC non sono contenti che i giocatori console abbiano l’assistenza alla mira. I giocatori di console si lamentano del fatto che, in realtà, sono i giocatori di PC ad essere avvantaggiati, anche grazie all’accesso a cheat come wallhack e aimbot. Nessuno è contento e nessuno può rinunciare a questa funzione, anche se le modalità multigiocatore free-to-play dello sparatutto sono state rilasciate a novembre.

È solo uno dei tanti problemi che continuano a gettare un’ombra su Halo Infinite, e anche lo stesso sviluppatore 343 Industries – che sembra scusarsi continuamente con i giocatori tramite gli aggiornamenti di Halo Waypoint e rilasciando numerosi aggiornamenti – ha giudicato il lancio della seconda stagione, sottotitolata Lone Wolves, “accidentato”. Ma anche dopo aver dato alla nuova stagione dello sparatutto un paio di settimane di rodaggio, Halo Infinite rimane purtroppo un gioco incompleto e gratuito.

Lone Wolves – una stridente contraddizione rispetto all’insistenza di Halo Reach di “lasciarsi alle spalle quella roba da lupo solitario”, anche se 343i lo riconosce – è arrivato all’inizio di maggio, fresco della promessa di più cose da fare, tra cui nuove modalità, mappe, eventi e l’interminabile battle pass.

La novità più rilevante è Last Spartan Standing, un’interessante modalità simile ad Attrition che vi vede affrontare altri 11 giocatori. Con soli cinque respawn, dovrete resistere il più a lungo possibile, sparando a tutto ciò che si muove per raccogliere punti e potenziare il vostro equipaggiamento mentre il cerchio di rimpicciolimento ispirato alla battaglia reale si stringe intorno a voi.

Il gioco è ora disponibile in tutte le mappe della Grande Battaglia a Squadre, ma la maggior parte del tempo che ho trascorso con Last Spartan Standing è stato speso sulla nuova mappa Breaker, un campo da gioco che sembra troppo vasto per dodici giocatori. Ho passato metà del tempo a cercare qualcuno con cui combattere e l’altra metà a farmi colpire alla testa da nemici che non riuscivo nemmeno a vedere, figuriamoci a sfidare.

Quello è l’Helghast? Forse Halo Infinite può finalmente essere il killer di Killzone di Microsoft.

A differenza di altri giochi tattici di questo tipo, tuttavia, la scelta di stare bassi comporta un rischio. Uno stile di gioco eccessivamente difensivo significa che non si accumulano i punti necessari per potenziare gli oggetti, quindi se si è un tipo di giocatore che si nasconde e non cerca mai, come spesso accade a me, si corre il rischio di incontrare nemici completamente impilati verso la fine. Non è proprio come affrontare i nemici con il Mozambico di Apex Legends o con la padella di PUBG – anche le armi vaniglia di Last Spartan Standing hanno un effetto piacevole – ma vale la pena tenerlo presente. Così come l’uscita dalla partita dopo aver esaurito le vite; un pop-up promette che non si verrà penalizzati per l’uscita se non si vuole fare da spettatori, ma io e la mia XP dobbiamo ancora convincerci che sia vero.

Si assiste anche a un ritorno rinnovato di King of the Hill – per me è un po’ troppo frenetico – e di Land Grab, una “modalità arena basata su obiettivi” di cui non posso parlare perché non è stata lanciata insieme alla nuova stagione. Tuttavia, è difficile rimproverare le aggiunte di mappe; un cambiamento di scenario è raramente una cosa negativa, e mi sono particolarmente affezionato ai corridoi claustrofobici e alle passerelle di Catalyst, che si inserisce con orgoglio nella lunga tradizione di mappe multiplayer superbe e impegnative di Halo.

Quale sarà il prossimo passo di Halo Infinite? Ovunque sia, speriamo che 343 abbia un percorso meno accidentato.

Trovo davvero difficile interessarmi ai cosmetici, comunque. Il pass per le battaglie è pieno di oggetti, ma anche quelli che strizzano l’occhio ai predecessori di Infinite non mi convincono. Non voglio dire che voglio che le ricompense mi diano un vantaggio in battaglia – non credo categoricamente che qualcuno debba essere in grado di acquistare un equipaggiamento di gioco migliore – ma al di là del sostegno a uno studio F2P, ho spesso faticato a capire perché si dovrebbe comprare un pass di battaglia, per non parlare di questo. Almeno con il pass di battaglia F2P di Destiny 2 – anche se non privo di problemi – è possibile sbloccare alcuni materiali di potenziamento; qui, non c’è molto altro. L’unica caratteristica che si salva è che se decidete di acquistare la versione premium e poi non riuscite a completarla – ci siamo passati tutti, no? – rimarrà disponibile anche dopo la scadenza ufficiale della stagione. È una bella cosa.

Un sistema di pass per le battaglie poco brillante è ulteriormente aggravato dalle sfide giornaliere che offrono ricompense misere per richieste a volte molto impegnative, tuttavia, e per quanto 343i possa armeggiare con i dettagli, il bilanciamento non sembra mai del tutto corretto. E questo è il principale risultato di tutto ciò che Lone Wolves ha da offrire.

Certo, ci sono altri contenuti in arrivo, ma ciò che la stagione 2 ha offerto finora non è sufficiente, e quasi ogni aspetto positivo è accompagnato da un’avvertenza. Le nuove mappe sono fantastiche, ma non sono abbastanza. Il gioco d’arme è favoloso, ma sembra che ci siano ancora molti imbroglioni che affollano le lobby. Il pass per le battaglie non ha scadenza, ma piacerà solo a chi riesce a trovare l’energia per interessarsi ai cosmetici. Se a tutto questo si aggiungono le scelte inspiegabili dello studio – una di queste è stata quella di ridurre i salti di abilità, con grande disappunto dei giocatori – si ha l’impressione che, anche nella Stagione 2, 343i non stia innovando quanto piuttosto si stia scusando e correggendo all’infinito gli errori precedenti.

Adoro Halo per il suo solido gioco di armi e per i suoi colpi di testa soddisfacenti, e non c’è dubbio: queste cose sono ancora molto presenti oggi. Ma senza un sistema di progressione convincente che ricompensi equamente la sua comunità di giocatori impegnati, non è chiaro per quanto tempo saranno soddisfatti di questo. Allo stato attuale, Lone Wolves è un buon inizio, ma potrebbe non offrire abbastanza per invogliare gli spartani che hanno abbandonato il gioco a tornare a combattere.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.