Elizabeth Olsen ammette che un ampio contratto con la Marvel può essere “frustrante”

0

Elizabeth Olsen ha confessato di essere diventata una volta “frustrata” dal suo contratto con la Marvel poiché le impediva di assumere altri ruoli di recitazione.

L’attrice è diventata famosa dopo essere apparsa in film indipendenti come Martha Marcy May Marlene del 2011 e il film horror Silent House, ma ha guadagnato importanza mondiale tre anni dopo quando ha ottenuto il ruolo di Wanda Maximoff/Scarlet Witch nel Marvel Cinematic Universe (MCU).

Eppure, dopo essere apparsa in una serie di film come Avengers: Age of Ultron, così come nella miniserie vincitrice di un Emmy WandaVision, Olsen ha iniziato a chiedersi se sarebbe mai stata in grado di tornare a lavorare sui suoi tipi di progetti preferiti.

“Mi ha tolto la capacità fisica di svolgere determinati lavori che pensavo fossero più in linea con le cose che mi piacevano come membro del pubblico. E questa sono io la più onesta”, ha detto in un’intervista al New York Times. “Ho iniziato a sentirmi frustrato. Avevo questa sicurezza sul lavoro ma stavo perdendo questi pezzi che sentivo fossero più parte del mio essere. E più mi allontanavo da quello, meno venivo considerato per questo.”

Ma anche se a volte si sente sfidata dal suo contratto Marvel, è pronta per apparire in un progetto MCU autonomo.

“Penso che lo farei”, ha osservato il 33enne. “Ma deve davvero essere una bella storia. Penso che questi film siano i migliori quando non si tratta di creare contenuti, ma di avere un punto di vista molto forte, non perché devi avere un piano di tre film.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.