Natasha Lyonne ha trovato l'apprendimento dell'ungherese per Russian Doll “traumatizzante”

0

Natasha Lyonne ha scoperto che l’apprendimento dell’ungherese è la parte “più traumatizzante” della seconda stagione di Russian Doll.

Il personaggio della star di Orange Is the New Black, Nadia scopre di avere la capacità di viaggia indietro nel tempo e abita nei corpi di altre persone nella seconda stagione dello show Netflix.

Una sequenza chiave è ambientata a Budapest e richiedeva a Natasha di parlare ungherese come se fosse la sua prima lingua, e in un’intervista con Entertainment Weekly, ha ammesso che era un compito arduo.

“Direi che la cosa più traumatizzante è stata imparare l’ungherese”, ha condiviso. “E’ stata un’impresa così folle. Incolpo Alex Buono, che è l’altro regista di questa stagione e davvero il mio partner quest’anno. Lo amo da morire, ma mio Dio, che pazzo.”

In un’intervista separata con IndieWire, la star di American Pie ha rivelato che cercare di imparare la lingua mentre serviva come showrunner e co-regista della stagione era pieno.

“E’ stato un incubo”, ha detto Natasha. “Ero lo showrunner, mi occupavo di fogli di calcolo, budget ungheresi. Ogni giorno, elenchiamo riprese, storyboard e non parlavo un parolina di ungherese.

” (continuavo a dire a Alex) non può essere un’impressione di ungherese. Dovrò essere come Dustin Hoffman in ungherese! E lui era tipo, ‘Questa è la vera merda! Puoi farlo!'”

Natasha ha lavorato con l’insegnante di recitazione Terry Knickerbocker e l’attrice ungherese Éva Magyar per inchiodare l’accento e ci ha lavorato ogni volta che poteva.

” Abbiamo solo continuato a martellarlo e martellarlo… Saremmo stati su fottuti scout tecnologici e ci lavorerei con il primo AD (assistente alla regia)”, ha ricordato.

La seconda stagione di Russian Doll è ora in streaming su Netflix.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.