Bungie ha intentato una causa contro gli individui dietro i falsi takedown del copyright di Destiny

0

Sbatte la “falla nella sicurezza” di YouTube

In risposta all’incidente della scorsa settimana in cui i video di Destiny di importanti creatori di contenuti su YouTube sono stati colpiti da una serie di falsi abbattimenti di copyright, lo sviluppatore Bungie ha intentato una causa contro dieci individui senza nome che ritiene responsabili.

Al momento dell’incidente, Bungie – il cui contenuto di YouTube è stato colpito dalle false richieste di copyright – ha insistito che i takedown non erano il risultato di una richiesta da parte sua o dei suoi partner. Lo studio ha poi rivelato che i takedown erano venuti da “account fraudolenti creati per impersonare il nostro servizio di protezione IP”, che credeva potesse essere una ritorsione per una “recente serie di takedown autentici di upload OST”.

A seguito dei risultati della sua indagine iniziale, Bungie ha ora (grazie TorrentFreak) lanciato un’azione legale contro dieci individui senza nome, di cui ammette di non conoscere ancora l’identità, ma dice che “lo scoprirà…presto, tramite mandato di comparizione o altro”. Tuttavia, mentre questi individui – e il “danno quasi incalcolabile” che le loro azioni hanno causato – sono al centro della causa, ha anche più di qualche parola di scelta per Google, evidenziando ampiamente le falle in quello che chiama la “falla nella sicurezza” della sicurezza del processo DMCA di YouTube “facilmente imbrogliato”.

Destiny 2: The Witch Queen – Savathûn’s Throne World.

“Per quanto riguarda YouTube”, la causa spiega, “qualsiasi persona, ovunque nel mondo, può emettere avvisi di rimozione per conto di qualsiasi titolare di diritti, ovunque. Un trasgressore scontento o un produttore di contenuti competitivo, per esempio, può emettere avvisi di takedown presumibilmente per conto di Disney, o Fox, o Universal – o anche Google stesso.”

“Mentre YouTube ha un modulo che permette a chiunque di affermare di rappresentare un titolare di copyright e di emettere avvisi di takown,” il documento continua, “non ha un meccanismo dedicato per i titolari di copyright che vengono impersonati per far sapere a YouTube della frode DMCA.” In effetti, la causa dice che questa mancanza di un meccanismo di segnalazione dedicato ha fatto sì che Bungie sia stata costretta a intensificare la questione attraverso il suo team legale fino a quando uno dei dirigenti di YouTube alla fine ha risposto, circa tre giorni dopo che le false richieste sono state inizialmente segnalate.

“Mentre l’ufficio legale di Bungie, la gestione e i dirigenti stavano cercando di negoziare il bizantino labirinto procedurale richiesto da Google prima di affrontare la frode che i suoi utenti stavano commettendo, per non parlare di identificare chi erano i suoi truffatori”, la causa continua, “gli stessi imputati sconosciuti stavano gongolando, confessando e minacciando.”

Bungie dice che, come risultato dei falsi takedowns, “ha sofferto, sta soffrendo e continuerà a soffrire danni sostanziali alla sua attività sotto forma di perdita di profitti e lesioni alla sua buona volontà e reputazione” come risultato dell’incidente. Come tale, ha citato in giudizio gli imputati – sostenendo la frode, la violazione del copyright, la diffamazione, la violazione del contratto, e altro ancora – e chiedendo “danni e provvedimenti ingiuntivi, compresi i danni statutari aumentati di 150.000 dollari per ogni Avviso di Takedown fraudolento che ha violato intenzionalmente i diritti d’autore di Bungie”.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.