Due registi rivelano precedenti preoccupazioni sulla salute di Bruce Willis dopo la diagnosi di afasia

0

Due registi che hanno lavorato con Bruce Willis hanno rivelato di essere preoccupati per il suo stato cognitivo prima che la sua diagnosi di afasia fosse resa pubblica mercoledì.

La famiglia dell’attore Die Hard ha annunciato mercoledì che il 67 -year-old si stava ritirando dalla recitazione perché soffriva di afasia, una condizione che colpisce la capacità di comunicare di una persona.

In un lungo rapporto del Los Angeles Times pubblicato più tardi quel giorno, due registi hanno ricordato come si sono preoccupati per Willis mentre lottava con la sua memoria sul set.

Mike Burns, che ha diretto Willis in Out of Death del 2021, ha affermato che gli è stato chiesto di ridurre significativamente i dialoghi dell’attore.

“Dopo il primo giorno di lavoro con Bruce, ho potuto vederlo in prima persona e ho capito che c’era in gioco un problema più grande e perché mi era stato chiesto di abbreviare le sue battute”, ha detto Burns la pubblicazione, sostenendo che gli è stato chiesto di filmare tutti i dialoghi di Willis in un giorno.

Quando a Burns è stato chiesto di dirigere The Wrong Place, un film in uscita con Willis, gli è stato assicurato che l’attore stesse andando meglio, ma ha scoperto che non era così.

“Non pensavo fosse migliore, pensavo fosse peggio”, ha detto delle riprese di ottobre. “Dopo aver finito, ho detto: ‘Ho finito. Non farò nessun altro film di Bruce Willis.’ Sono sollevato dal fatto che si stia prendendo una pausa.”

Nel frattempo, Jesse V. Johnson, che ha diretto l’uomo d’azione nel prossimo White Elephant, ha affermato di aver rifiutato l’opportunità di fare altri due film con Willis dopo l’esperienza dello scorso aprile.

“Come squadra è stato deciso che non ne avremmo fatto un altro”, ha condiviso Johnson. “Siamo tutti fan di Bruce Willis, e l’arrangiamento sembrava sbagliato e alla fine una fine piuttosto triste per una carriera incredibile, con la quale nessuno di noi si sentiva a proprio agio.”

A proposito di lavorare con i Pulp Fiction la star, Terri Martin, il supervisore di produzione di White Elephant, ha dichiarato: “Sembrava così perso e diceva: ‘Farò del mio meglio’. Ha sempre fatto del suo meglio, è uno dei grandi di tutti i tempi e ho la massima ammirazione e rispetto per il suo lavoro, ma era ora che andasse in pensione.”

Il Los Angeles Times riporta che le recenti riprese del film dell’attore sono state limitate a due giorni e spesso ha lavorato solo quattro ore invece delle otto contratte. Sostengono anche che sia stato alimentato dalle sue battute tramite un auricolare e che nella maggior parte delle scene d’azione sia stato utilizzato un doppio del corpo.

Inoltre, la star del reality e attrice Lala Kent ha affermato che Willis ha sparato con una pistola carica con uno spazio vuoto sulla stecca sbagliata sul set del 2020 di Hard Kill. Avrebbe dovuto dire una battuta prima di sparare, ma si è dimenticato di dirlo sia al primo che al secondo ciak. Nessuno è rimasto ferito e due persone hanno contestato l’incidente.

Willis ei suoi rappresentanti hanno rifiutato di commentare la relazione.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.