Alcuni dipendenti di Activision Blizzard scioperano per la rimozione del mandato sui vaccini

0

“La salute e la sicurezza dei nostri impiegati sono al primo posto in tutto quello che facciamo”

I dipendenti di Activision Blizzard hanno preso parte ad uno sciopero pianificato per protestare contro la recente decisione della società di abbandonare il requisito che il personale in ufficio sia vaccinato.

La scorsa settimana, il maltrattato creatore di World of Warcraft e Call of Duty ha annunciato che non richiederà più che il personale in ufficio sia stato vaccinato con il Covid, incoraggiando un graduale ritorno al lavoro di persona nei prossimi mesi .

La decisione, annunciata in una e-mail da Brian Bulatao, dirigente di Activision Blizzard, è stata immediatamente criticata dal personale che ha detto che ha messo a rischio i dipendenti che possono essere immunocompromessi o che hanno vissuto con altri che lo sono, ed è stata mal temporizzata mentre gli Stati Uniti affrontano l’attuale sottovariante Omicron BA2 di Covid.

Le critiche dello staff hanno scatenato un leggero arretramento da parte di Activision Blizzard, in un’ulteriore email di Bulatao. Questo ha delegato la decisione sull’abbandono dei mandati di vaccinazione ai singoli studi, il che ha permesso a Blizzard di dire che avrebbe mantenuto il requisito in vigore per “almeno i prossimi mesi”.

Ma questo non è stato sufficiente a fermare gli scioperi del personale di ieri, con circa 80 (via Axios) a 115 (via Polygon) staff apparentemente partecipanti.

Il collettivo del personale di Activision Blizzard ABK Workers Alliance ha detto che i suoi membri stavano spingendo per un pieno ripristino del mandato vaccinale della società, e la possibilità per il personale di decidere di lavorare da casa in modo permanente.

“Abbiamo avuto 115 persone che hanno partecipato al nostro walkout virtuale”, ha detto un membro dello staff a Polygon. “La maggior parte delle persone ha scelto di non essere nel campus a causa di un aumento della trasmissione di Covid nella nostra zona. ABK inoltre non ha permesso alle persone di prendere tempo pagato per questo walkout, che è una pausa dal loro comportamento passato.”

1. Un’immediata inversione di rotta verso l’abolizione del requisito del vaccino
2. Il lavoro a distanza dovrebbe essere offerto come soluzione permanente
3. La decisione di lavorare a distanza o in ufficio dovrebbe essere presa da ogni singolo dipendente

– ABetterABK 💙 ABK Workers Alliance (@ABetterABK) 1 aprile 2022

“Coloro che hanno a che fare con qualsiasi forma di malattia o disabilità sono quelli che sopportano il peso di questa decisione di costringere tutti a tornare in ufficio”, ha detto un altro ad Axios. “È evidente che il lavoro a distanza è efficace. La maggior parte delle persone non ha bisogno di essere fisicamente presente per fare il proprio lavoro”.

“La salute e la sicurezza dei nostri dipendenti è in prima linea assoluta in tutto ciò che facciamo, compresa la nostra politica di ritorno in ufficio”, ha detto Activision in risposta. “Mentre il mandato vaccinale di Activision Blizzard negli Stati Uniti è stato revocato, per la maggior parte dei nostri dipendenti, stiamo ancora operando sotto un’opportunità di ritorno volontario in ufficio. Inoltre, i dipendenti che non si sentono a proprio agio nel tornare in ufficio sono incoraggiati a lavorare con il loro manager e il nostro team delle risorse umane per esplorare le opzioni di accordi lavorativi che si adattano alle loro situazioni individuali. Continueremo a monitorare le condizioni e ad apportare modifiche alla politica, se necessario.

“Riconosciamo che alcuni dipendenti potrebbero partecipare a uno sciopero per esprimere le loro opinioni. L’azienda sostiene il diritto dei nostri dipendenti di esprimere le loro opinioni in modo sicuro e non minaccioso, e non farà ritorsioni per qualsiasi decisione di partecipare a questo walkout. L’azienda spera anche che coloro che andranno in sciopero si comportino in modo legale, sicuro e non violento”.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.