Activision Blizzard riceve una nuova causa per molestie e discriminazione

0

Ancora una volta vi portiamo informazioni relative a Activision Blizzard . Sembra che l’azienda sia ancora coinvolta in problemi e accuse.

In questo caso, siamo venuti a conoscenza della conferma di una causa intentata dall’avvocato Lisa Bloom nella Corte Superiore della Contea di Los Angeles per conto di un’attuale dipendente indicata come “Jane Doe”.

Nella causa si sostiene che questa donna è stata spinta a bere alcolici e che le donne dell’azienda sono state “palpeggiate” da colleghi maschi.

A questo, ha aggiunto che queste accuse non hanno mai raggiunto i più alti livelli dell’azienda perché sono state ignorate e che lei ha cercato di andarsene diverse volte. La conseguenza fu che gli fu data una posizione meno pagata dopo essersi lamentata con l’ex presidente della Blizzard, J. Allen Brack. Che ha lasciato l’azienda l’anno scorso.

Con questa causa, chiede il licenziamento del CEO di Activision Blizzard Bobby Kotick, cosa che va avanti dall’anno scorso. Questo è il momento in cui sono iniziate le cause legali che denunciano molestie sessuali, discriminazione e altri gravi problemi. Microsoft ha anche confermato un’acquisizione di 68,7 milioni di dollari della società nel tentativo di girare le cose e far sì che Kotick lasci Activision Blizzard.

Cosa ne pensi? Vi leggeremo nei commenti.

Vía.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.