Una tragedia personale di Ryan Reynolds ha ispirato una scena in The Adam Project

0

Ryan Reynolds rivela che la morte di suo padre ha ispirato una scena emozionante in The Adam Project, il nuovo film di fantascienza in arrivo domani su Netflix.

Domani sbarcherà in esclusiva sul catalogo di Netflix The Adam Project, il nuovo film di fantascienza con Ryan Reynolds (Free Guy, Red Alert, The Other Bodyguard 2) e diretto da Shawn Levy (There You Stand, Night at the Museum: Secret of the Pharaoh, Free Guy).

La trama del film The Adam Project racconta la storia di Adam Reed, un viaggiatore del tempo dell’anno 2050 che si è avventurato in una missione di salvataggio per trovare la sua amata Laura, che si è persa nel continuum spazio-temporale in circostanze misteriose.

Quando la nave di Adam si rompe, viene mandato a spirale indietro nell’anno 2022, e l’unico posto che conosce di questo periodo della sua vita: la sua casa. Adam avrà bisogno dell’aiuto del suo io tredicenne per completare con successo la missione.

Mentre il nuovo film di Netflix è tutto fantascientifico fantasy, c’è anche spazio per il dramma, e ci sono alcune sequenze molto commoventi in tutto il film.

In una recente intervista per Entertainment Weekly, Ryan Reynolds ha condiviso che la tragedia personale della morte di suo padre ha ispirato uno dei momenti emotivi in The Adam Project.

C’è una frase che viene dalla mia vita reale, che dice “i ragazzi tornano sempre per le loro mamme”. E questo è molto vero quando mio padre è morto “, ha commentato l’attore.

Sono uno di quattro figli e fu un po’ come girare intorno a mia madre. Siamo davvero tutti tornati per lei in un modo che so essere incredibilmente significativo per lei. E ancora oggi ne parla “, ha aggiunto.

L’esperienza di vita reale di Reynolds non è stata l’unica dei membri del cast a connettersi con la storia di The Adam Project. Recentemente Jennifer Garner (With Love Simon, The Day of Yes) ha spiegato come si è identificata con l’essere madre di un ragazzo preadolescente, dato che attualmente vive quella realtà con suo figlio di 10 anni.

Questo articolo è stato pubblicato su Hobby Consolas da José Carlos Pozo.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.