Xiaomi finalmente gioca in serie A

0

Qualche mese fa Xiaomi ha iniziato a fare una dichiarazione di intenti. Lanci come lo Xiaomi 11 –recensione– o lo Xiaomi 11 Ultra –recensione– sono venuti a dirci “ehi, vogliamo iniziare a giocare in serie A”.

Infatti, poco a poco il discorso dell’azienda si è concentrato su questo: cercare di far capire all’utente che non sono più il marchio che si è fatto strada nel mercato durante tutti questi anni con cellulari di qualità, ma sotto il prezzo di mercato.

Il compito di convincere il consumatore è titanico, ma unitevi a me nell’analisi di questo Xiaomi 12 Pro perché, sicuramente, sarete sorpresi. Ed è che, anche se costa 1.099 euro , poche cose in più possono essere messe in questo cellulare.

Xiaomi 12 Pro
Display Pannello AMOLED LTPO da 6.73″ | Risoluzione WQHD+ di 3.200 x 1.440 pixel | Frequenza di aggiornamento da 1 a 120 Hz | Luminosità di picco di 1.500 nits
Procesador Snapdragon 8 Gen 1
Memoria RAM 8 o 12 GB LPDDR5
Storage 256 GB
Fotocamere principali 50 Mpx IMX 707 OIS fotocamera principale | 50 Mpx wide-angle f/2.2 | 50 Mpx telephoto 2x ottico f/1.9
Fotocamera frontale 32 Mpx f/2.45
Batteria 4.600 mAh | 120 W ricarica via cavo | Caricatore incluso | 50 W ricarica wireless | 10 W ricarica inversa
Sistema operativo Android 12 + MIUI 13
Dimensioni e peso 163,6 x 74,6 x 8,16 mm | 205 grammi
Prezzo 1.099,99 euro nel negozio Xiaomie

Sezioni dell’analisi dello Xiaomi 12 Pro:

Uno di quei telefoni che devi portare senza custodia

Mi piace che molti produttori di telefoni di fascia alta stiano passando al vetro con una finitura opaca. Lo stiamo vedendo da Oppo, Apple, Samsung e Realme. E ora anche da Xiaomi grazie a un nuovo 12 e 12 Pro che non fanno bene alle impronte digitali. In senso buono , cioè.

I tre nuovi colori hanno la stessa finitura, un vetro con una finitura smerigliata in modo che le impronte digitali non vi si attacchino al minimo tocco. Avendo il colore grigio, il più incline allo sporco, posso dirvi che “funziona” meravigliosamente e, inoltre, il tocco è un piacere .

Amo il tocco della finitura smerigliata perché è molto setoso e piacevole. Combinato con una grande ergonomia in questo modello, abbiamo uno dei cellulari più comodi lanciati quest’anno con quella diagonale di 6,73″.

È grande, non fate errori, e per alcune cose avrete bisogno di entrambe le mani, ma la verità è che Xiaomi ha prestato attenzione a qualcosa di importante come l’esperienza utente dal design e grazie ai lati curvi e gli angoli arrotondati, è un telefono molto comodo in mano.

Penso che i pulsanti, tutti sul lato destro, siano perfettamente posizionati e il lettore di impronte digitali sullo schermo è anche all’altezza ideale in modo da non dover fare strani gesti con il telefono in mano.

È quasi imbarazzante mettere la custodia che viene fornita nella scatola, una custodia abbastanza convenzionale che è apprezzata, ma declassa la sensazione del portatile. Se volete usarlo, fate pure, naturalmente, ma io lo porto senza custodia in questi giorni. Viene anche fornito con una protezione per lo schermo in plastica pre-applicata.

I bordi sono in alluminio con una finitura opaca e l’unica cosa, a livello di design, che non mi piace è che l’altoparlante superiore è oscurato dalla mano quando si tiene il telefono in orizzontale.

Ma, davvero, penso che Xiaomi possa farlo perché non possono mettere l’altoparlante sull’altro lato, dato che è dove si trova il modulo della fotocamera. Forse centrando un po’ l’altoparlante in alto?

Forse questo risolverebbe parte del problema, ma è anche dove si trova il modulo della fotocamera frontale… è difficile trovare un equilibrio, e nonostante questo, penso che sia un design molto riuscito.

Ma mentre sono in tema di altoparlanti, abbiamo quattro altoparlanti, o meglio due altoparlanti doppi. Ogni altoparlante è composto da un woofer e un tweeter e il volume non è più alto che in altri telefoni di fascia alta, ma si nota che il suono ha più corpo.

E sì, se me lo chiedete, in ogni momento ho la sensazione di avere in mano un cellulare che costa 1.000 euro. Per design e suono è all’altezza e, inoltre, quella sensazione di un cellulare premium con tutta la legge si riafferma non appena accendiamo lo schermo.

Uno spettacolare LTPO AMOLED per divorare contenuti

Qui Xiaomi non si è trattenuta e ha introdotto un eccellente pannello per consumare contenuti. Abbiamo un AMOLED da 6,73 pollici che ha diverse modalità di immagine per noi per scegliere quella che ci piace di più.

Se ti piacciono i colori saturi, hai il “vivido” che si adatta ad ogni tipo di contenuto che stiamo giocando o il “saturo”, ma io sto usando la modalità “colore originale” che sì, è meno appariscente per certe cose, ma mi piace di più nella vita quotidiana.

Abbiamo anche una tecnologia adattiva del colore che cambia la tonalità dello schermo a seconda della luce ambientale. Funziona bene, ma non in modo così rapido e reattivo come True Tone di Apple, per esempio.

Ma, se continuiamo con il pannello, vi ho già detto che per consumare contenuti è una gioia e, anche se ha i lati curvi, per i videogiochi è fantastico . Non ho avuto alcun tocco falso questa settimana di utilizzo, come è qualcosa che è limitato dal software, quindi buon punto per Xiaomi.

E la luminosità è un’altra cosa che è all’altezza del terminale con, secondo le nostre misurazioni, 1.441 lux di luminosità con una deviazione media corretta. Di giorno per strada si vede perfettamente e il sensore automatico di luminosità non mi ha dato alcun problema.

D’altra parte abbiamo due modalità di risoluzione e frequenza di aggiornamento. Questo pannello è LTPO, il che significa che ha una frequenza di aggiornamento da 1 a 120 Hz se scegliamo, adattando la frequenza di aggiornamento al tipo di contenuto che stiamo giocando.

L’esperienza è molto liscia in ogni momento e la verità è che non si notano i salti di aggiornamento. In questo senso, tutto va bene. Consuma più batteria che impostando il tasso a 60 Hz, stranamente, ma in realtà preferisco questa fluidità.

Abbiamo anche due modalità di risoluzione, FullHD+ da una parte e WQHD+ dall’altra con un’opzione per ridurre automaticamente la risoluzione in certi momenti. Ho iniziato a usare il telefono con la risoluzione massima, ma alla fine sono passato al FullHD+.

Le ragioni sono che consuma meno batteria in questa modalità e, inoltre, sì, in 1440p sembra spettacolare, ma bisogna avvicinarsi molto allo schermo per distinguere i pixel in 1080p.

Una bestia con una buona MIUI 13, ma manca di essere perfetta

Dentro troviamo lo Snapdragon 8 Gen 1. Dopo diverse recensioni di telefoni cellulari con questo SoC, come il Realme GT 2 Pro –recensione– o il RedMagic 7 –recensione-, penso che non ci sia bisogno di una presentazione tecnica.

Dirò semplicemente che è un chip estremamente potente, soprattutto nella GPU, e che è un SoC con cui sarete in grado di giocare a qualsiasi gioco al massimo livello.

In Genshin Impact abbiamo un’esperienza fantastica a 60fps, anche se con alcuni cali a 50fps, e in Call of Duty Mobile sarete in grado di giocare al massimo ed eccellenti frame per secondo.

Xiaomi 12 Pro realme GT 2 Pro RedMagic 7 Galaxy S22 Ultra Google Pixel 6 Pro
Procesador Snapdragon 8 Gen 1 Snapdragon 8 Gen 1 Snapdragon 8 Gen 1 Exynos 2200 Google Tensor
Geekbench 5 Single 1.130 1.262 1.235 1.157 1.055
Geekbench 5 Multi 3.411 3.492 3.841 3.664 2.924
3D Mark Wild Life 7.160 | 42,9 fps 9.903 | 59,3 fps 10.160 | 60,8 fps 7.164 | 42,9 fps 6.647 | 39,80 fps
AnTuTu 961.300 1.023.789 1.043.833 892.692 719. 123
PC Mark 13.115 12.936 12.598 15.501 11.896

Nei test sintetici, la CPU è un vero e proprio standout e, curiosamente, la GPU è sotto quello che ci aspettavamo in questa generazione, come è lassù con l’Exynos 2200 e, come ho detto, non allo stesso livello (in punteggio) degli altri due terminali con Snapdragon 8 Gen 1.

Come diciamo sempre, i benchmark non sono tutto e, nonostante questo, le prestazioni nei giochi sono ottime. Si scalda, e in Call of Duty va bene, ma se passate un’ora in Genshin, c’è il thermal throttling.

L’abbiamo visto in altri portatili con questo SoC, quindi non è colpa di Xiaomi ma di Qualcomm, ma dovete sapere che c’è, e forse è per questo che Xiaomi potrebbe aver limitato la frequenza della GPU. E, dopo aver eseguito i test più volte con la modalità di prestazioni massime attiva, il punteggio era lo stesso.

Al di là di questo dettaglio, il cellulare vola su base giornaliera grazie a una memoria UFS che dà un ottimo risultato in lettura e scrittura e una MIUI 13 che non dirò che è ottimizzata, ma si muove alla grande con un SoC così potente.

Xiaomi 12 Pro realme GT 2 Pro Galaxy S22 Ultra Google Pixel 6 Pro OnePlus 9 Pro Xiaomi Mi 11 Ultra
Escritura secuencial 655,9 MB/s 579,08 MB/s 362,1 MB/s 205,57 MB/s 502, 92 MB/s 509,62 MB/s
Lectura secuencial 824,21 MB/s 1,06 GB/s 1,19 GB/s 1,05 GB/s 1,41 GB/s 1 GB/s
Escritura aleatoria 29,23 MB/s 29,69 MB/s 33,73 MB/s 21,33 MB/s 39,65 MB/s 20,26 MB/s
Lectura aleatoria 22,87 MB/s 24,84 MB/s 20,74 MB/s 11,49 MB/s 32,93 MB/s 18,53 MB/s
Velocidad de copia en memoria 12,36 GB/s 14,09 GB/s 14,90 GB/s 14,35 GB/s 12,33 GB/s 10.23 GB/s

Non posso dire che ci sia un’ottimizzazione perché non so se è questo o se è solo che, avendo quell’hardware, il software semplicemente……. vola, ma quello che dovrebbe interessarvi è che, su base giornaliera, avrete un telefono molto, molto veloce.

Il lettore di impronte digitali sullo schermo funziona bene, le animazioni sono fluide, le transizioni tra i menu e le applicazioni sono veloci, Non ho avuto crash o chiusure impreviste, il multitasking funziona perfettamente e, in breve, ho avuto una grande esperienza.

Di solito sono molto critico nei confronti della MIUI perché è un fatto che non ottimizzano quando rilasciano così tanti sistemi, ma qui, con Android 12, l’esperienza è anche ottima.

Ci sono, naturalmente, alcune cose . Per esempio, la modalità scura è utile per risparmiare la durata della batteria perché tinge molti menu di nero, ma ci sono aree del sistema e alcune applicazioni che sono difficili da vedere in modalità scura. Scoprire, per esempio, è molto importante ed è impossibile vedere correttamente i titoli se la modalità scura è attiva.

Inoltre, c’è un problema di consumo della batteria con la mia unità quando il wifi è acceso, di cui parlerò più tardi. Penso anche che ci voglia più tempo del solito per mettere le app pesanti in background, ma tutto questo può essere risolto con gli aggiornamenti.

Quello che non miglioreranno è il sensore di prossimità perché fondamentalmente non ne ha uno. Ancora una volta troviamo uno Xiaomi senza sensore di prossimità e va bene, in uno di 200 euro posso capire, ma non nell’ammiraglia.

Fotocamera all’altezza della gamma PRO con un IMX 707 bestiale

Si può avere un cellulare ben progettato, potente e con un buon schermo, ma non è questo che ti fa entrare dalla porta principale nella gamma TOP. Anche se in altre gamme “inferiori”, per così dire, le fotocamere sono i sacrifici, quando sei sopra i 1.000 euro, devi offrire un set che si distingue.

Beh, anche se conosciamo le specifiche da dicembre, la verità è che non avevo tutto insieme quando pensavo alla fotocamera di questo cellulare. Apple, Samsung e Oppo hanno fissato la barra molto alta, ma la verità è che quello che ho trovato è un set quasi, quasi, eccellente.

Il sensore principale è l’IMX 707, un nuovo sensore Sony con 50 megapixel e una dimensione abbastanza grande. È stabilizzato otticamente e ci permetterà di catturare momenti con un grande livello di dettaglio sia all’interno che all’esterno.

Mi piace molto la funzione di messa a fuoco con un doppio tocco su un oggetto, una persona o un animale e che la messa a fuoco non si perde, essendo in grado di reinquadrare per posizione senza dover rifocalizzare. Se avete bambini o animali, vi piacerà.

Mi piace l’elaborazione, penso che abbia un buon livello di dettaglio e una corretta nitidezza e i colori sono super vividi, sì, ma penso che accentui troppo i verdi e i blu.

Questa è un’opinione personale e dipende dai gusti. Se non vuoi che sia così saturo, prova a spegnere l’intelligenza artificiale .

Questa AI è qualcosa di cui non sono molto entusiasta perché, fondamentalmente, ciò che fa è riconoscere la scena e se c’è molto verde pensa “erba, verde supersaturo” e lo stesso se c’è molto cielo nell’immagine, ma con più enfasi sui blu.

Penso che l’HDR funzioni molto bene e mi piace il risultato di notte. Tuttavia, tutto dipende dalla presenza o meno di lampioni ai lati dell’immagine, poiché ci possono essere situazioni in cui alcuni fastidiosi ‘aloni’ o bagliori possono insinuarsi nella foto.

Quando la luce si affievolisce, la dimensione del sensore e una buona elaborazione vengono alla ribalta. Penso che il filtro denoise sia un po’ esagerato e le texture possono essere un po’ slavate mentre la nitidezza è aumentata artificialmente, ma il cielo ha il colore del cielo e non è una modalità notturna che cerca di trasformare la notte in giorno.

Queste sono foto perfettamente utilizzabili per i social media, proprio come quelle che abbiamo con la 2X. Questo obiettivo può essere quello controverso perché può cadere un po’ in basso. Un 3X, come minimo, sarebbe stato fantastico , ma alla fine è quello che abbiamo e funziona molto bene.

Buone texture, buona nitidezza e un’elaborazione molto simile a quella della fotocamera principale. Arriviamo fino al 20x digitale, ma non mi sembra che sia di alta qualità . Anche se abbiamo 50 megapixel, si nota molto quando è ottico e quando è digitale.

Qui, forse, avremmo dovuto lavorare meglio sull’elaborazione AI, qualcosa che Samsung ha fatto brillantemente con l’S22 Ultra –analisi-.

Mi piace il fatto che ci sia questa coerenza tra i colori delle diverse telecamere e questo è qualcosa che viene mantenuto nel grandangolo.

Qui le texture sono più slavate e di notte si vede un netto calo, ma penso che di giorno regga perfettamente senza effetto barile e senza aberrazione cromatica. L’HDR funziona molto bene su tutte le fotocamere, compresa quella frontale .

La foto qui sotto è scattata in controluce e il livello di dettaglio che recupera è sorprendente, ma detto questo, è troppo slavata. Era solo una condizione estrema per vedere come funzionava bene.

Nel resto delle foto con la parte anteriore abbiamo un ottimo livello di dettaglio e nitidezza, e nel video la verità è che Xiaomi ha migliorato, ma si nota che ci sono piccole cose che devono essere ulteriormente lucidate.

Da un lato, mi piacciono i colori, mi piace l’esposizione e penso che abbiano un po’ esagerato con la stabilizzazione elettronica, ma crea un effetto molto morbido, come se fosse un gimbal. Tuttavia, non mi piace il fatto che la parte anteriore vada solo fino a 1080p, cosa che non capisco affatto.

Inoltre, Xiaomi ha messo l’accento sulla cattura di video di notte o in condizioni di scarsa luminosità e sì, c’è un miglioramento, ma gli artefatti appaiono ancora nel colpo.

Penso che la base sia buona andando nella prossima generazione, ma ciò che è chiaro per me è che come una macchina fotografica è spettacolare e come una videocamera abbiamo una B nella fascia di prezzo siamo in.

Un incredibile caricabatterie che dovrete sempre portare nello zaino

La potenza (e uno schermo come quello di questo Xiaomi 12 Pro) ha un prezzo e, in questo caso, chi si carica è la batteria.

Xiaomi penso che abbia fatto i suoi compiti includendo una batteria da 4.600 mAh, una quantità che penso sia adeguata considerando le dimensioni e lo spazio interno occupato dal dissipatore Snapdragon 8 Gen 1, così come il grande modulo fotocamera per i tre sensori che ci sono.

Quindi, da quel lato, niente di cui lamentarsi. Ora, su base giornaliera ottengo tra 4:30 (senza wifi, con fino a 120 Hz e WQHD+ in modalità automatica di risparmio energetico) e 5:30 ore di schermo, quest’ultimo caso essendo generoso e attivando il refresh a 60 Hz.

In totale sono circa 24 ore di cellulare lontano dalla corrente il giorno che non lo uso molto, ma se inizio a giocare o a registrare video a 4K60, le cose cambiano.

Dico sempre che non sono un utente modello perché uso molto il telefono, ma tra quello che i componenti consumano e lo strano bug della MIUI, questo non è un telefono che vi darà più di 6 ore di tempo di schermo, penso, in ogni caso.

Infatti, un bug che ho trovato è che il wifi prosciuga la batteria. Spegnerlo mi dà un’ora in più di schermo, ma non voglio usare sempre i dati, soprattutto a casa.

La cosa buona è che abbiamo una carica molto veloce inclusa nella scatola. Il caricatore da 120W permette il 100% in meno di mezz’ora con il 50% in soli 11 minuti, entrambe le misure con il telefono acceso, non da spento dove una carica completa si ottiene in circa 20 minuti.

Abbiamo anche 50W di ricarica wireless se abbiamo il caricatore giusto e saremo in grado di condividere il carico con fino a 10 W di potenza in modalità wireless, anche se non è qualcosa che consiglio considerando che l’autonomia del terminale è abbastanza giusto.

Xiaomi è cresciuta

L’anno scorso Xiaomi ha iniziato ad usare un discorso in cui annunciava le sue nuove intenzioni. Hanno voluto smettere di essere quel marchio qualità/prezzo che li ha portati ad essere una delle aziende più potenti in termini di vendite nel segmento mobile per essere più… premium.

Se vuoi qualità/prezzo hai il Redmi e il POCO, ma Xiaomi voleva salire di categoria. L’anno scorso avevamo già la sensazione che le intenzioni ci fossero, ma in alcuni casi non si sono realizzate per diverse ragioni.

Ora, però, abbiamo due proposte che sono perfettamente inquadrate nella categoria premium a cui aspirano. Analizzeremo lo Xiaomi 12, ma possiamo dire che questo 12 Pro “è nel prezzo”.

Cioè, sì, è costoso e, inoltre, non c’è uno sconto iniziale come eravamo abituati a vedere fino ad ora, poiché questo sarebbe un modo per svalutare, tra virgolette, il prodotto e le intenzioni di Xiaomi di lanciare qualcosa di premium ad un prezzo “giusto” per iniziare, ma con il telefono in mano, è chiaro che abbiamo a che fare con una gamma premium.

In termini di design, materiali e prestazioni, lo Xiaomi 12 Pro è totalmente convincente e le prestazioni delle fotocamere, che era ciò di cui avevo più paura, sono eccellenti in quasi tutte le situazioni.

Il video, è vero, non è ancora all’altezza del prezzo in termini di qualità dell’immagine, non la stabilizzazione che ho amato, e manca un 3x invece del 2x con cui viene fornito, ma al di là di questo, questo set di fotocamere può dare un sacco di gioia.

MIUI 13 funziona bene con un hardware così potente, la ricarica 120W è un vero piacere e il consumo elevato della batteria può essere mitigato dagli aggiornamenti. La ridicola mancanza di un sensore di prossimità non può essere risolto, però.

Quindi, sì, in quella gamma di 1.000 euro ha un sacco di concorrenza, ma penso che hanno guadagnato il loro posto nella gamma TOP, qualcosa che hanno inseguito per diversi mesi ora.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.