Le auto di lusso BMW, Audi e Mercedes sono ora più costose

0

Con la carenza di microchip, BMW, Audi e Mercedes hanno dato la priorità alla produzione dei loro modelli più costosi e hanno battuto il record di prezzo delle loro auto

La carenza di chip di semiconduttori ha messo sotto scacco l’intera industria. Di regola, tutte le conseguenze sono negative, ma anche in tempi cattivi c’è chi prospera: BMW, Audi e Mercedes hanno battuto il record di prezzo sulle loro auto di lusso.

Può sembrare contraddittorio, ma ha perfettamente senso. In assenza del componente, la maggior parte delle marche (soprattutto quelle premium) hanno dato la priorità alla produzione dei loro modelli più costosi, perché sono quelli che portano loro il maggior profitto. E i risultati mostrano che la mossa è stata saggia

Mercedes è il più importante, poiché mentre nel 2019 il prezzo medio delle sue auto era di 38.000 euro, nel 2021 è salito a 54.000 euro.

Audi segue, come nello spazio di due anni le sue auto sono passati dal costo di 46.000 euro a salire a 57.500 euro.

BMW è il più sfortunato del trio, avendo registrato il più piccolo aumento nello stesso periodo, passando da una media di 36.000 euro tre anni fa a 38.000 euro l’anno scorso.

Questo cambiamento nella situazione generale li ha aiutati a superare meglio la tempesta e, per esempio, nel caso di Mercedes, durante l’ultimo trimestre del 2021 ha visto le sue vendite diminuire del 30% ma, nonostante questo, i suoi profitti durante quei tre mesi sono diminuiti solo dell’1%.

Con questo in mente, fonti vicine alle marche premium suggeriscono che, una volta che la crisi dei semiconduttori sarà finita (cosa che al momento non si sa con certezza quando accadrà), continueranno con questa stessa strategia.

Questo articolo è stato pubblicato su Autobild da Mario Herráez.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.