Austin Butler è passato tre anni senza vedere la sua famiglia mentre girava Elvis

0

NOTIZIA

12 dicembre 2022

Edicola

Austin Butler non ha visto la sua famiglia per tre anni mentre lavorava a “Elvis”.

L’attore 31enne ha interpretato il re del rock and roll nel film biografico di Baz Luhrmann e ha detto di essere così impegnato nella parte che è passato anni senza vedere i suoi cari con le riprese che si svolgevano in Australia.

In una conversazione con Janelle Monae per la serie “Actors on Actors” di Variety, Austin ha ricordato: “Durante ‘Elvis’, non ho visto la mia famiglia per circa tre anni. Stavo preparando con Baz, e poi sono andato in Australia.

“Ho passato mesi in cui non parlavo con nessuno. E quando lo facevo, l’unica cosa a cui pensavo era Elvis. Parlavo con la sua voce per tutto il tempo.”

Austin ha spiegato come la pandemia di coronavirus abbia alterato il programma di produzione e abbia significato che lui e Luhrmann dovevano trovare “modi sottili” per rappresentare l’invecchiamento dell’icona della musica.

Ha detto: “Inizialmente, Baz ha detto che avremmo potuto filmarlo in sequenza. ‘Bene, OK, posso fare una pausa e aumentare di peso.’ Ma con il Covid tutto il programma è stato stravolto.

“Abbiamo finito per lavorare molto per trovare modi sottili in cui puoi invecchiare. Elvis ha finito per provare molto dolore alle ginocchia, alla schiena, e l’ho sentito completamente”.

Butler ha spiegato come ha trovato scoraggiante lavorare con Baz, che ha diretto film come ‘Moulin Rouge!’ e ‘The Great Gatsby’ – e ha paragonato il regista a un “musicista jazz”.

La star di ‘Shannara Chronicles’ ha dichiarato: “È la cosa più vicina a un musicista jazz che ho visto in un regista. Fa così tanti compiti. E poi ti presenti e potrebbe dire: ‘Ho riscritto questa scena ieri sera’ – su cui hai lavorato per un anno e mezzo. All’inizio è terrificante”.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.