RaiseTheGame di Ukie lancia Access November per “ispirare l’industria dei giochi a renderli più accessibili”

0

Se cliccate su un link ed effettuate un acquisto, potremmo ricevere una piccola commissione. Leggi la nostra politica editoriale.

La campagna vuole anche “promuovere la rappresentazione di persone disabili e neurodiverse nei giochi”.

Un gruppo di persone diversamente abili si riunisce sotto un cerchio con la scritta
Ukie

L’Ukie, l’ente britannico che si occupa di giochi, ha collaborato con il Royal National Institute of Blind People (RNIB) per lanciare Access November, una nuova campagna lanciata nell’ambito dell’iniziativa RaiseTheGame per “creare un significativo cambiamento culturale e comportamentale nelle aziende di giochi del Regno Unito”.

Da lunedì 14 novembre a venerdì 25 novembre, la campagna offrirà sessioni di networking virtuale, workshop e presentazioni, oltre a risorse online e “alcuni eventi satellite di persona” per “ispirare i professionisti e le aziende dell’industria dei videogiochi a rendere i loro giochi più accessibili”.

Eurogamer Newscast: Chi comprerà PlayStation VR2?

Alla prossima conferenza sull’accessibilità e la progettazione inclusiva, TechShare Pro, è prevista anche una serie di workshop, conferenze e chiacchierate sul gioco, tra cui risorse per le migliori pratiche e un workshop sull'”importanza di considerare l’accessibilità visiva nei giochi e nei luoghi di lavoro”.

“L’obiettivo è ispirare i professionisti e le aziende dell’industria videoludica a rendere i loro giochi e servizi più accessibili e a promuovere la rappresentazione di persone disabili e neurodiverse sia nelle storie che i giochi raccontano sia nei team che li realizzano”, spiega l’organizzazione in un comunicato stampa.

“Nell’ambito della campagna, tra martedì 15 e giovedì 17 novembre si terranno una serie di workshop, conferenze e chiacchierate sul tema dei giochi al TechShare Pro, la più grande conferenza europea sull’accessibilità e il design inclusivo.”

L’iniziativa vuole anche aumentare il numero di persone disabili che lavorano nell’industria dei videogiochi, e cita il fatto che solo il 4% dell’industria dei videogiochi è disabile, e il 18% si identifica come neurodiverso il 21% degli adulti in età lavorativa nel Regno Unito si considera disabile.

“Sostenere l’ingresso di questi lavoratori nell’industria dei videogiochi e sostenere quelli che già vi lavorano è un modo eccellente per promuovere l’accessibilità e la rappresentazione all’interno della progettazione dei videogiochi stessi”, conclude la dichiarazione.

RaiseTheGame è “l’impegno collaborativo e ad alto impatto dell’industria dei videogiochi per migliorare l’uguaglianza, la diversità e l’inclusione – creando culture in cui tutti appartengono, le voci sono ascoltate e le idee possono prosperare”. Realizzato da Ukie, attualmente conta poco meno di 170 partner ed è aperto a tutti coloro che operano nell’industria dei giochi

È possibile leggere un estratto del rapporto di RaiseTheGame a un anno di distanza – che ho scritto per Ukie l’anno scorso – sul nostro sito gemello, GamesIndustry.biz.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.