Recensione di Mundaun -horror disegnato che quasi lo inchioda

0

Lo stile inquietante e a matita di Mundaun fa miracoli, ma alcune ripetitive missioni di recupero e sistemi leggermente deludenti lo trattengono.

Nota dell’editore: Ciao! Nei prossimi giorni stiamo conducendo una serie “Games That Got Away”, in cui finalmente possiamo recensire i giochi che sono stati rilasciati ad un certo punto nel 2021 ma, per vari motivi, non siamo riusciti a coprire del tutto in quel momento .

Siamo tornati ad alcune vere gemme, quindi per altre recensioni di recupero come questo vai all’hub Games That Got Away , dove tutti i nostri pezzi della serie verranno raccolti in un posto conveniente. Buon divertimento!

Mentre lo skilift sale in cima alla collina, li vedo. Decine e dozzine, spuntavano rigide dalla neve, rigide e immobili. Teste basse, fucili appoggiati alla spalla sinistra, non so se questi soldati sono vivi o morti. Non so se sono reali o frutto della mia immaginazione. Tutto quello che so è che mi fanno impazzire – è facilmente la cosa più inquietante che ho vissuto finora, il che è qualcosa, dato che ho speso

la maggior parte del mio tempo qui mi sento irrimediabilmente al limite – e non ho alcun desiderio di avvicinarmi per scoprirlo in un modo o nell’altro.

Mundaun lo fa molto. È in punta di piedi tra il reale e l’immaginario, il potente e il mondano, barcollando tra questo luogo e uno oscuro e ultraterreno dove un vecchio con un cappello sbarazzino rimugina ancora su un contratto vecchio di decenni. A suo avviso, è stato truffato. Altri credono che il vecchio abbia avuto ciò che si meritava. Tu – Curdin, una parte innocente a detta di tutti, condotto in questo luogo dopo la morte di tuo nonno e una lettera particolarmente fredda del prete locale – sei partito per le Alpi svizzere per scoprire perché.

Un trailer che offre uno sguardo al mondo inquietante di Mundaun in movimento.

Quando sento il termine “disegnato a mano”, penso ai cartoni animati. Colori pastello. Soffici nuvole e cieli azzurri senza fiato. Mundaun, tuttavia, non ha nessuna di queste cose. Ogni tratto di matita – e la matita è tutto ciò che vedremo qui, poiché il sonnolento villaggio di Mundaun è ritratto solo con piombo e sfumature di seppia – è duro e spietato, rendendo questo mondo un luogo particolarmente oscuro e spigoloso. A volte, il metodo artistico lavora contro di te; è molto difficile seguire mappe che sono state scarabocchiate con rabbia, senza scala, a mano, e a volte le cose si fanno così scure – letteralmente e figurativamente – potresti ritrovarti a vagare nella notte d’inchiostro senza la minima idea di cosa ti aspetta . Ma questa assenza di colore rende anche un’avventura sognante e inquietante.

Per quanto soddisfacente sia la storia di Mundaun, una storia ricca di folklore antico e raccontata interamente attraverso il romancio, la lingua parlata più rara in Svizzera – il gameplay stesso è purtroppo meno robusto. C’è un sistema di “paura”, per esempio, ma che sembra assolutamente inutile, facilmente aggirabile semplicemente facendo un paio di passaggi. Anche se il mondo è piccolo e ci sono molte opportunità per tornare indietro e sbloccare una porta che hai visto in precedenza nella tua avventura, il tuo tempo sarà speso principalmente arrancando su e giù per il fianco della montagna in varie missioni di recupero poco entusiasmanti, a volte anche alla ricerca di oggetti che sono stati anche mandati a trovare prima – oa cercare le chiavi per le numerose porte chiuse a chiave del gioco. Interagire con il mondo intorno a te è problematico: il prompt del pulsante potrebbe apparire di fronte a questo lavandino, ma premendolo, per motivi inspiegabili, si aprirà la porta a cinque piedi di distanza alla tua destra e manovrando il vecchio mobile da fieno di tuo nonno, il Muvel , potrebbe farti desiderare la sofisticata gestione di un carrello della spesa.

C’è anche il combattimento – beh, una specie di – ma come molti giochi horror, potresti scoprire che la difesa è il miglior tipo di offesa, non ultimo perché le forche da fieno che incontri sono degradabili ( ugh), e Curdin fa oscillare il fucile in modo così oltraggioso, che essenzialmente lo rende inutile (questo è stato disperatamente deludente, non ultimo perché sei preso in giro cercando munizioni per questo ore prima di poterlo sbloccare). Puoi, tuttavia, usare i fiammiferi per accendere i fasci di paglia nella speranza che le fiamme lambiscano il sentiero che conduce agli empi abitanti in agguato nel retro, ma farlo inevitabilmente ti lascia anche in una posizione molto precaria – e calda – . Forse imparerai come ho fatto io che il Muvel e la tua fidata slitta si trasformano in macchine assassine meravigliosamente mobili.

Le primissime mostruosità che hai incontrato sono state le peggiori per me, tra l’altro. Sebbene lenti e un po’ poco eleganti, si trascinano attraverso Mundaun – metà umano e metà pagliaio – i loro ruggiti frustrati rimbalzano sul cielo ammaccato. Avvicinati troppo, e il tuo battito cardiaco si acuisce mentre una corona di fieno affilata come un rasoio colpisce la tua visione periferica, e le dita della tua mano sinistra – segnate in modo indelebile da quel vecchio all’inizio del tuo viaggio – si arricciano e si deformano, si spezzano e si spezzano come accendere un falò.

Se tutto questo suona un po’ strano, è perché lo è. La presa di Mundaun sulla realtà fluisce e rifluisce dolcemente in questa curiosa storia. Questo è un gioco in cui il protagonista può fare pipì – obbligatoriamente, a volte – e le melodie inquietanti simili a inni che escono dalle radio sono collezionabili per ragioni che ancora non capisco. Una campana magica può aprire la strada in una tempesta di neve e siamo seguiti da una ragazza muta con il nome femminizzato di nostro nonno – eppure Curdin non lo sente degno di nota?

Curdin non nota molto, in realtà. Nonostante gli orrori intorno a lui – pagliai che camminano e soldati spettrali e una strana rivisitazione dell’abominevole pupazzo di neve e api armate e una testa di capra mozzata che è sempre pronta a chiacchierare – è un tipo curiosamente distaccato. Dal momento in cui vede cosa lo sta aspettando tra le ceneri del fienile bruciato di suo nonno fino a quando non lascia il villaggio, scendendo serpeggiando lungo lo stesso passo di montagna che ha risalito quattro giorni fa, non sembra né sorpreso né particolarmente infastidito da ciò che ha vede e impara. Non è che io voglia che Curdin sia uno di quei protagonisti interminabilmente noiosi che chiacchierano all’infinito tra se stessi, spingendo lungo la storia con noiose discariche di esposizione, ma la sua totale mancanza di allarme è stridente fino all’incredulità. Potrei capirlo, immagino, se fosse un piccolo e accurato dispositivo narrativo, ma non lo è. È solo… beh, strano.

Questo non vuol dire che la recitazione vocale non sia buona; come gli effetti sonori e la colonna sonora di accompagnamento, il lavoro vocale è discreto ma efficace, e ho pensato che la decisione di raccontare l’intera storia attraverso la lingua madre fosse audace ma brillante. E mentre ho apprezzato la sua presentazione unica, l’intrigante premessa di Mundaun è compromessa da quegli elementi di gioco poco brillanti, le missioni di recupero ripetitive e occasionalmente sconcertanti enigmi, e quel sistema di paura che non sembra aggiungere molto.

Il 2021 è stato un buon anno per l’horror e Mundaun può stare con orgoglio tra i suoi pari. Anche se meccanicamente potrebbe non essere il miglior gioco a cui tu abbia mai giocato, è comunque un’avventura memorabile e distinta, e sicuramente non dimenticherò presto.

Sosterrai Eurogamer?

Vogliamo migliorare Eurogamer, e questo significa meglio per i nostri lettori, non per gli algoritmi. Puoi aiutare! Diventa un sostenitore di Eurogamer e potrai visualizzare il sito completamente senza pubblicità, oltre ad avere accesso esclusivo ad articoli, podcast e conversazioni che ti avvicineranno alla squadra, alle storie e ai giochi che tutti amiamo. Gli abbonamenti partono da £ 3,99 / $ 4,99 al mese.

Sostienici


Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.