Dice Men: The Origin Story of Games Workshop è la quintessenza del libro da tavolo

0

Un tesoro di nostalgia.

Di recente ho ascoltato la storia di Fighting Fantasy e della Games Workshop in prima persona, dai creatori Ian Livingstone e Steve Jackson. È possibile ascoltarla in forma di podcast oppure leggi un articolo che ho scritto in merito. Ma c’era qualcosa che non potevo fare, un elemento della storia che non potevo dare, e che il nuovo libro di Ian Livingstone Dice Men: The Origin Story of Games Workshop di Ian Livingstone è assolutamente indovinato mostra la storia.

Attraverso decine di foto, lettere, libri mastri e idee scarabocchiate per nomi di aziende, Livingstone riesce a trasportarci nella storia come io non sono mai riuscito a fare. Dice Men è pieno di cimeli, anche rari e preziosi. Che ne dite delle immagini delle prime tirature di Dungeons & Dragons mai arrivate nel Regno Unito? Sono qui, controllate. Che ne dite delle prime edizioni dell’iconica rivista White Dwarf o della newsletter Owl & Weasel che l’ha preceduta? Ecco. Foto delle primissime miniature di Warhammer realizzate dall’azienda. Questo è un tesoro di nostalgia.

La mano di Bertie, e il braccio adiacente, che regge il libro di storia di Dice Men Games Workshop. È di colore rosso vivo con due personaggi - uno di fantasia, l'altro di fantascienza - che giocano insieme una partita a dadi. Sullo sfondo si vede l'appartamento di Bertie. Ci sono delle piante.
Eccomi nel mio appartamento, mentre lotto per tenere in piedi un libro piuttosto pesante per una foto. Il mio pollice non è contento.

Sono questi ricordi storici che danno vita alla storia raccontata da Livingstone, che a volte può risultare un po’ arida, anche se mi è piaciuto particolarmente l’aneddoto di Steve che un giorno è stato cagato da un uccello e non ha avuto altra scelta se non quella di sedersi con l’uccello addosso mentre i due guidavano da qualche parte, accompagnati dalla vista e dall’odore del sedere dell’uccello. Questo episodio ha dato il via a un’approfondita ricerca sul perché la cacca degli uccelli sia bianca, che Livingstone ha raccontato con le sue scoperte, e quindi è anche un libro educativo.

E sono storie come questa, insieme a tutti gli appunti scritti in modo disordinato su pezzi di carta e alle foto della coppia in viaggio per gli Stati Uniti – con l’aspetto di due giovani uomini, non di uomini d’affari – che rafforzano una parte davvero importante della storia di Games Workshop: queste due (originariamente tre) persone erano ordinarie. Non provenivano da un ambiente straordinario. Ma con passione, duro lavoro e una buona dose di fortuna, hanno raggiunto un risultato storico. Non riesco a immaginare un mondo di gioco senza di loro.

Anche il background di Ian Livingstone nella carta stampata (White Dwarf) si nota in abbondanza. Questo libro è splendidamente impaginato. Nel momento in cui si vede l’impressionante copertina, con l’immagine originale della Games Workshop realizzata da Ian McCaig, che avrebbe illustrato per sempre i libri di Fighting Fantasy, si capisce che ci si trova di fronte a una delizia visiva. Le pagine sono disegnate con cura e sempre con opere d’arte o immagini o qualcosa da guardare. Non credo ci sia una sola pagina di testo a sé stante. Dice Men è tutto ciò che un libro da tavolo dovrebbe essere.

Anche se la voce di Livingstone la fa da padrona, ci sono sezioni con contributi di Steve Jackson e commenti di personaggi chiave di Games Workshop come Brian Ansell e dei dipendenti originali. C’è anche una toccante lettera di Gail Gygax, moglie del defunto co-creatore di Dungeons & Dragons Gary Gygax, che rende omaggio al lavoro di Livingstone.

Una foto del libro cartonato Dice Men Games Workshop, che mostra una pagina di memorabilia di Fighting Fantasy.
Una foto del libro Dice Men Games Workshop, che mostra una foto a doppia pagina dell'apertura del negozio originale Games Workshop.
Una foto del libro Dice Men Games Workshop, che mostra due pagine di oggetti originali di Dungeons & Dragons, tra cui una copia di Advanced D&D firmata dal co-creatore Gary Gygax.
Una foto del libro Dice Men Games Workshop, che mostra l'appartamento originale in cui vivevano Ian Livingstone, Steve Jackson e John Peake, dove la gente si presentava in cerca di un negozio, ma non c'era.
Un esempio frettolosamente scattato di quello che c’è all’interno del libro. È ricco di foto e ricordi. E sì, questa è una copia di Advanced Dungeons and Dragons firmata da Gary Gygax

Dopotutto, Gygax e D&D sono stati una parte enorme di questa storia di inizio vita della Games Workshop. Games Workshop è stata l’azienda che ha portato D&D in Gran Bretagna e in Europa e, così facendo, ha dato il via alla propria attività. Senza D&D, le cose sarebbero state molto diverse.

Significa che Gygax, Livingstone e Jackson strinsero una forte relazione commerciale e una reciproca ammirazione e amicizia. Il libro racconta anche che, nel 1979, quando il contratto di distribuzione esclusiva di D&D, della durata di tre anni, giunse al termine, Gygax propose a Livingstone e Jackson una fusione aziendale, per farli lavorare formalmente con lui e farli entrare nel consiglio di amministrazione. Ma i due rifiutarono perché non volevano dividersi tra gli Stati Uniti e il Regno Unito e Gygax, a quanto pare, non riusciva a crederci. Ma si rivelò una decisione fatale, poiché Games Workshop andò sempre più forte e la TSR arrancò, e alla fine Gygax fu costretto a lasciare l’azienda che aveva creato, a metà degli anni Ottanta.

Dice Men non è un libro esaustivo, e naturalmente non traccia il destino della Games Workshop dopo il ritiro di Livingstone e Jackson nel 1985, o le loro successive vite nella terra dei videogiochi, ma c’è comunque molta storia al suo interno. Se Games Workshop ha toccato la vostra vita in qualche modo e avete voglia di sfogliare un po’ di storia del gioco, non posso che consigliarvelo.

Ecco la versione video del podcast di Fighting Fantasy che ho fatto con Ian e Steve. Potete trovare la versione solo audio qui sopra, oppure potete trovarla nell’account di Eurogamer Podcasts, ovunque riceviate i vostri podcast.

Divulgazione completa Dice Men è stato originariamente finanziato in crowdfunding su Unbound e io l’ho finanziato lì (e sono felice di averlo fatto). Ora è possibile acquistare le copie direttamente da lì o in altre librerie.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.