Nintendo perde la causa per le restrizioni al pre-ordine dell'eShop

0

Dopo il successo del ricorso del gruppo tedesco per i diritti dei consumatori.

C’è una nuova svolta nella lunga saga della politica di cancellazione dell’eShop di Switch di Nintendo, che per anni è stata disapprovata dai gruppi europei per i diritti dei consumatori.

Un tribunale tedesco ha ribaltato una precedente sentenza favorevole a Nintendo e si è invece pronunciata a favore della Federazione delle organizzazioni tedesche dei consumatori (VZBV).

Il VZBV ha sostenuto con successo in appello che l’attuale politica di Nintendo di consentire ai clienti di annullare i preordini solo fino a sette giorni prima dell’uscita di un gioco era ingiusta, poiché, prima dell’uscita di un gioco, non c’era modo per un cliente per testare effettivamente il prodotto, anche se è stato reso disponibile come download.

“Nintendo aveva già offerto videogiochi da scaricare nel suo eShop prima della data di uscita ufficiale”, si legge in una sintesi del caso pubblicato su

VZBV.de, tradotto da Nintendo Life. “Il download di solito includeva un “pre-caricamento” completo del software del gioco e un’icona visualizzata sulla console di gioco. Lo sblocco del gioco è avvenuto tramite aggiornamento solo alla data di inizio ufficiale. Tali acquisti online di solito possono essere revocata entro 14 giorni senza indicarne le ragioni.

“Nintendo aveva escluso il diritto di recesso e invocato un’eccezione legale. Tuttavia, i prerequisiti per il diritto di revoca non sono stati soddisfatti, in quanto il download reso disponibile dopo il pre-ordine non conteneva ancora alcun gioco utilizzabile. Fino alla data di uscita, il gioco non ha valore per gli acquirenti e il contratto di Nintendo non viene rispettato in alcun modo.”

Ad oggi, la politica dell’eShop di Nintendo non è cambiata – sei ancora obbligato a accettare i termini secondo cui “Nintendo inizia con l’adempimento dei propri obblighi prima della fine del periodo di cancellazione” e perde il diritto di annullare sette giorni prima dell’uscita di un gioco.

Eurogamer ha contattato Nintendo per un commento.

Nintendo ha modificato la politica del suo negozio eShop solo lo scorso settembre per consentire la cancellazione dei preordini a tutti – anche se con quel limite di sette giorni. Prima di allora, il pagamento veniva preso immediatamente al momento del preacquisto – a quel punto non era più possibile annullare.

L’impossibilità di annullare i preordini effettuati tramite l’eShop è stato etichettato come illegale da alcuni gruppi europei per i diritti dei consumatori e la questione è stata più volte portata a corte.

Per quasi quattro anni s, le autorità per i consumatori tedesche e norvegesi hanno lavorato per modificare le pratiche di pre-ordine dell’eShop di Nintendo. Il processo per spingere Nintendo a cambiare è iniziato in Norvegia, ma poi si è trasferito in Germania, dove ha sede la sede europea dell’azienda a Francoforte.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.