Come Inertial Drift ha rivitalizzato il genere delle corse arcade

0

Dopo l’infame doppio colpo di Split/Second e Blur che sembrava annunciare la fine del genere, negli ultimi anni abbiamo avuto l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda i corridori arcade di alta qualità. Hotshot Racing ha dato il via alle danze, mentre l’espansione Senna Forever dell’anno scorso ha dato nuova linfa all’eccellente Horizon Chase Turbo e sulla sua scia è arrivato l’impressionante tributo al superscaler Slipstream – eppure, in mezzo a questa messe di titoli, ce n’è uno che si è distinto

Inertial Drift è un arcade racer familiare e allo stesso tempo diverso; ispirato all’eterno Ridge Racer Type 4, il debutto dello sviluppatore Level 91 si distingue per un nuovo modello di guida basato su un sistema a doppio stick. È un sistema innovativo e piuttosto ingegnoso, che pone l’accento sull’arte di lottare con un’auto che vuole vivere di traverso

“Ho iniziato a lavorare su questo prototipo basato su Ridge Racer”, racconta Michael O’Kane, direttore e programmatore di Inertial Drift. “Amavo Ridge Racer e sentivo che c’era uno stile di gioco arcade di drifting che era scomparso”

Inertial Drift è stato il tentativo di O’Kane di tornare a uno stile di racer che si era perso nel tempo, in cui l’attenzione era rivolta alla derapata stessa. “Ogni volta che si inizia a creare un gioco, si comincia a pensare alle distinzioni di genere”, dice O’Kane. “Mi sembra che ci sia una grande distinzione tra i giochi di drifting puro e vecchio stile e il passaggio ai boost che sono diventati un incentivo alla derapata – ha cambiato completamente tutto, e quindi i tracciati sono diventati sempre più ampi per renderli possibili e la precisione è diventata meno importante”

Twilight Rivals introduce nuove auto, nuovi rivali e alcuni nuovi tracciati, oltre a un nuovo sottofondo Eurobeat.

Nel gioco di corse arcade ideale di O’Kane, le derapate sono un’altra cosa è la ricompensa, ed è per questo che è fondamentale che abbia profondità e sfumature, cosa che Inertial Drift offre generosamente. Il suo esclusivo metodo di controllo a due stick è alla base di tutto ciò; qui, lo stick sinistro sterza mentre il destro controlla l’angolo di derapata, e il successo consiste nel trovare un equilibrio tra questi input e l’acceleratore e il freno. Il risultato è una danza elastica di cui non mi sono mai stancato, nonostante sia tornato più volte a Inertial Drift, e che lo distingue dai suoi simili

È la volontà di basarsi su classici come Ridge Racer, anziché limitarsi a imitarli, a rendere speciale Inertial Drift, e a contribuire al fatto che si basa su di essi in modo così affascinante. “Ridge Racer era fondamentalmente su binari”, dice O’Kane. “L’unica vera interazione che si ha è il momento in cui si inizia a derapare. Mi sono chiesto cosa sarebbe successo se si fossero presi alcuni degli obiettivi di base di ciò che stavano cercando di ottenere, ovvero la possibilità di fare una cosa fantastica con estrema facilità, ma con il vantaggio di avere due stick e molto più tempo da dedicare all’elaborazione della fisica. Qual è l’evoluzione successiva?

“L’idea iniziale era quella di abbassare la barriera dell’accessibilità senza però togliere il controllo all’utente: normalmente i giochi si frappongono tra l’utente e i comandi e fanno le cose al posto dell’utente, ma io non faccio nulla di tutto ciò, mi limito a rendere molto semplice il controllo di ciò che l’auto sta facendo.

L’edizione per PS5 include una modalità a 120 fps, ideale per le corse arcade.

ho sempre pensato che Skate sia stato un salto incredibile rispetto a Tony Hawk: si sono seduti e si sono detti “e se ci dimenticassimo di come dovrebbero funzionare i giochi di skate? Hanno fatto tutta la roba del twin stick e ho sempre pensato che fosse incredibile. E così ho avuto un approccio simile: se ci si dimenticasse del funzionamento di un’auto e ci si chiedesse invece qual è il modo più interessante di controllare l’auto con un controller dotato di due stick?”

La prova definitiva del successo dello schema di controllo di Inertial Drift è che, da quando O’Kane l’ha ideato nel 2013, non si è ancora stancato. “Mi fa impazzire il fatto di poter giocare con il primo tracciato e di potermi distrarre facendo solo dei giri. E sono otto anni che faccio giri di quella pista ogni settimana. C’è ancora qualcosa, ed è una specie di meditazione”

È logico che O’Kane sia desideroso di offrire ancora Inertial Drift, che è arrivato la scorsa settimana sotto forma di Twilight Rivals, un pacchetto di contenuti scaricabili che coincide con l’arrivo del gioco su PS5 e che introduce nuovi tracciati, nuovi rivali e nuove auto che spingono il modello di gestione a doppio stick in direzioni nuove e interessanti

“Sto spingendo un po’ di più su alcune delle vetture ad alta aderenza in termini di maneggevolezza, perché non ho avuto modo di fare altrettanto in precedenza”, dice O’Kane. “E poi sto anche testando alcune cose come, ad esempio, il deflusso. È una cosa che abbiamo aggiunto relativamente tardi durante lo sviluppo e quindi non ho avuto modo di occuparmene. Ci sono un sacco di cose divertenti da fare, come correre sullo sporco per far scivolare la macchina. Su uno dei nuovi tracciati ho avuto l’opportunità di testare alcune di queste cose e forse in futuro le approfondirò ancora di più”

Il termine arcade racer aveva un significato diverso nel periodo di massimo splendore del genere negli anni Novanta. “In origine, arcade non significava facile”, dice O’Kane. “All’epoca i giochi arcade avevano tutti il volante e richiedevano molta precisione. Poi è diventato sinonimo di gioco e di gioco, e io volevo tornare a quel vecchio stile di drifting, a quel vecchio stile di arcade, quindi ho inserito nel gioco un sacco di profondità in modo che le persone potessero davvero approfondire il gioco”

Sembra che un seguito di Inertial Drift stia già frullando nella testa di O’Kane, e forse questa volta ci saranno un po’ più di risorse da mettere in campo: l’originale era effettivamente un’impresa di due persone, con O’Kane che si è fatto carico della maggior parte del lavoro e ha coinvolto amici e familiari per aiutarlo a portare a casa (sua sorella ha persino fornito la grafica dei personaggi del gioco)

“Ho altre idee”, dice. “Ed è la cosa che probabilmente inizieremo a esaminare quando avremo finito qui. Penso che la gestione abbia funzionato abbastanza bene su Inertial Drift e probabilmente non ci giocherei troppo – ma ci sono molte altre cose che si possono fare con la metastruttura degli eventi e cose del genere, da cui penso si possa ricavare molto più valore. Ma sì, possiamo fare qualcos’altro? Sarebbe un’opportunità per andare a perfezionare alcune delle cose che per me sono rimaste indietro in alcuni punti”

Mi piace l’idea di un futuro successore di Inertial Drift più grande e audace, così come mi piace l’idea che O’Kane si scateni su alcune delle più grandi proprietà del genere. Di tutti gli arcade racers degli ultimi anni solo uno è stato degno dei veri grandi: mi chiedo quindi cosa farebbe O’Kane se mettesse le mani sul franchise apparentemente dormiente di Ridge Racer

“Ci ho pensato molto!”, ammette. “So esattamente cosa farei se mi dessero davvero la licenza, perché è una cosa a cui penso di notte. Sarebbe una cosa piuttosto interessante da fare – e spero solo di non far arrabbiare tutti”

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.