Scoprite la storia della creazione di Pokémon, il franchise di maggior successo al mondo

0

Se c’è un franchise in grado di superare in popolarità titani del settore come Mario o Sonic, questo è Pokémon. Creato nel 1996, si è presto evoluto da semplice gioco di ruolo a fenomeno mondiale. Da quel momento in poi, sia Game Freak che Nintendo iniziarono a sviluppare molteplici giochi e spin-off. L’obiettivo, ovviamente, era quello di mantenere la serie viva e redditizia il più a lungo possibile. E dato che ancora oggi attendiamo con ansia nuovi giochi della società, non c’è dubbio che entrambe le aziende abbiano raggiunto lo scopo.

In effetti, basta guardare alla prossima grande uscita di Nintendo Switch, che non è altro che la prossima generazione del franchise. Con Scarlet and Purple si prospetta una rivoluzione mai vista prima nella serie, che i fan aspettavano da tempo.Ma per capire meglio il presente, è sempre importante conoscere il passato. Ecco perché, in occasione del lancio della nuova generazione, oggi scaviamo nelle radici della serie per conoscerne le origini. Questo articolo vi aiuterà a conoscere le motivazioni che hanno portato alla creazione del franchise e a capire come è arrivato in Occidente. E allora, senza ulteriori indugi… via all’articolo!

Satoshi Tajiri, la mente dietro i mostri tascabili

Per parlare delle origini dei Pokémon, è necessario parlare di Satoshi Tajiri. Di origine giapponese, abbandona presto gli studi di ingegneria per dedicarsi alla passione per i videogiochi.Insieme al fumettista Ken Sugimori, con cui stringe presto una forte amicizia, crea una rivista di videogiochi nota come Game Freak. Nel 1989, i due si interessano allo sviluppo di videogiochi e decidono di programmare e pubblicare i propri titoli per NES. Tuttavia, questi non ebbero esattamente successo. Se volevano continuare su questa strada, dovevano trovare qualcosa di successo.

Così, dopo vari tentativi nell’industria, decisero di creare un gioco in stile Dragon Quest per il Game Boy. La console all’epoca era sulla cresta dell’onda e le sue funzioni potevano essere molto utili.Ad esempio, Tajiri pensò di sfruttare la connessione tra le console per creare una meccanica di scambio. La sua idea era che il giocatore potesse catturare i mostri che affrontava, influenzato dalla sua infanzia di appassionato di caccia agli insetti.

L’arte di Sugimori e i consigli di Miyamoto, pilastri fondamentali per Pokémon

Avevano già le basi, in quanto cercavano un classico JRPG a turni che stravolgesse il concetto di mostro classico. In parte influenzati dalle meccaniche di Dragon Quest V, hanno voluto rendere il sistema di cattura e di addestramento più semplice e accessibile. Sapevano anche che l’ambientazione sarebbe stata moderna, molto simile a quella della serie Mother. Sugimori ha iniziato con lo sviluppo dei mostri, che sarebbero stati i protagonisti assoluti del gioco. Per questo motivo il gioco fu inizialmente conosciuto come Capsule Monsters.

Il progetto, con Game Freak nel ruolo di sviluppatore, fu mostrato a Nintendo diverse volte durante lo sviluppo. L’azienda era molto interessata, tanto che lo stesso Shigeru Miyamoto diede il suo contributo fornendo consigli al team di Tajiri.In definitiva, la Grande N era interessata ad avere tutti i tipi di giochi sulla sua console, dato che il Game Boy non era al suo meglio. Le vendite stavano crollando e pochi giochi di alta qualità stavano arrivando sulla console. Nessuno alla Nintendo poteva sapere che il gioco sarebbe stato la chiave della resurrezione della sua console portatile.

Un successo inaspettato, a livello nazionale e internazionale

Dopo cinque anni di sviluppo, il 1996 vide finalmente l’uscita di Pokémon Rosso e Verde in Giappone. Un anno prima, il nome era stato cambiato da Capsule Monsters a Pocket Monsters Tuttavia, la somiglianza di quest’ultimo con un marchio Mattel ha portato a modificare leggermente il titolo, fondendo le due parole in una sola (Pocket + Monster: Pokémon). Il titolo, che era stato presentato come l’ultima grande esclusiva della console, ha venduto alla grande in Giappone. Nessuno voleva perdersi quella che sarebbe poi diventata nota come “Pokémania”.

Proprio per questo motivo, Nintendo iniziò a prendere in considerazione l’idea di portare il franchise in Occidente.Game Freak fu felice di questa decisione; dopo tutto, questo titolo aveva portato loro una fama che non avrebbero mai immaginato. Prima Pokémon Blu fu pubblicato in Giappone e poco dopo, nel 1998, le versioni migliorate di Pokémon Rosso e Blu arrivarono in tutto il mondo. Il franchise aveva iniziato il suo dominio mondiale e il resto, come si dice sempre, è storia.

E questo è tutto per l’articolo di oggi! Diteci, Qual è il vostro gioco preferito della serie Pokémon? Vi leggeremo!

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.