Call of Duty WWII – Recensione

0

La veterana serie Call of Duty ci riporta nella seconda guerra mondiale dopo otto anni con Call of Duty WWII, un nuovo inizio per la serie?

Sono passati otto anni da quando abbiamo giocato l’ultimo Call of Duty ambientato nella seconda guerra mondiale. In Call of Duty WWII torniamo a rivivere il conflitto più grande di tutti i tempi, dallo sbarco in Normandia fino all’attraversamento del Reno, con nuove modalità multiplayer, zombie nazisti e la solita spettacolarità della serie.

Call of Duty WWII

Call of Duty: WWII - Pro Edition - PlayStation 4

by Activision Blizzard [Activision Blizzard Italia]
Rank/Rating: 688/-
Price: EUR 164,90

Sledgehammer Games pare aver ascoltato i propri fan durante lo sviluppo di Call of Duty WWII. Dopo il disappunto generato dagli ultimi capitoli ambientati nel futuro, finalmente torniamo a rivivere un conflitto reale: la più grande guerra della storia. La prima buona notizia, per i fan, è che lo sparatutto Activision recupera lo stile caratteristico dei primi giochi ambientati nella seconda guerra mondiale.

Ma la linea tra uno sviluppo classico e un antiquato è molto sottile. Call of Duty WWII rischia di rimanere ancorato su meccaniche che sono state abbandonate diversi capitoli fa. Alcuni giocatori apprezzeranno il ritorno dei medikit per recuperare salute (anziché limitarci ad aspettare nascosti) le sequenze classiche o lo sviluppo lineare, ma a volte può anche sembrare un piccolo passo indietro.

Una campagna storica

La modalità campagna è uno degli elementi che sembra più familiare. La storia della recluta “Red” Daniels e i suoi compagni della prima divisione di fanteria inizia con lo sbarco in Normandia il 6 giugno del 1944. Non è la prima volta che siamo protagonisti di quest’operazione in un videogioco, ma non è mai stata così cruda, realista e spettacolare; infatti non c’è nemmeno colonna sonora durante questa sequenza in modo da ottenere un impatto maggiore.

Call of Duty WWII

Da questo momento e fino all’attraversamento del Reno, la storia si divide in 11 livelli (da sei a sette ore di durata in modalità normale) in cui si alternano battaglie in prima persona, momenti di infiltrazione e utilizzo di veicoli: un carroarmato Sherman, una Jeep e un caccia P-47 Thunderbolt. Tutti i livelli sono ben strutturati e cercano di mostrare il lato più umano del conflitto. Call of Duty WWII è il primo gioco che azzarda a mostrare i campi di sterminio, la sofferenza della popolazione civile o i problemi che nascono tra i soldati della “Big Red One”, ma sempre da una prospettiva molto rispettosa.

L’ambientazione è impeccabile, ma la giocabilità è limitata per ovvi motivi. L’anno scorso tanti hanno applaudito il coraggio di Infinity Ward nell’includere missioni secondarie, livelli di volo e combattimenti senza gravità, ma in questo caso le meccaniche sono più semplici e sono sempre al servizio della trama. A fare la differenza qui sono i nostri gusti personali: sono finiti i momenti spettacolari al rallentatore e i super soldati, ora i protagonisti sono uomini normali in circostanze estreme, e ciò che si fa accapponare la pelle è il suono dell’espulsione dei proiettili del M1 Garand.

Una menzione a parte va fatta per i livelli in cui controlliamo un membro della resistenza francese, che si deve infiltrare in un quartiere generale tedesco con un passaporto falso, questa modalità presenta meccaniche molto interessanti, che cambiano il ritmo del gioco. Ma avvertiamo da subito che non ha lasciato un’impronta come Modern Warfare.

La guerra multiplayer

La modalità on-line di Call of Duty WWII usa le basi dei giochi precedenti. Da una parte possiamo giocare le modalità classiche (sfida all’ultimo sangue in team, dominazione, cattura bandiera, un’incisione confermata, cerca di distruggere…) su 10 mappe di dimensioni medie, alcune estrapolate dalla storia e altri nuovi come Gibilterra o la coperta del USS Texas. Questi combattimenti sono molto agili e divertenti, anche se qualche giocatore sentirà la mancanza del doppio salto o la corsa sulle pareti che era presente in Black Ops III e Call of Duty: Infinite Warfare. È qualcosa di simile succede anche con le armi: in generale hanno una minore cadenza di tiro, ma le munizioni sono più letali.

In quanto alla, ritmo di gioco e modalità COD WWII si posiziona tra Black ops III (Che è sempre il referente del genere) e il capitolo dell’anno scorso, che non aveva un design delle mappe molto ispirato. Personalmente troviamo molto attraente ritorno alla guerra realistica, ma la percezione dipenderà dai giocatori.

Call of Duty WWII

La parte migliore e l’inserimento della modalità Guerra, che stravolge i combattimenti multigiocatore. In guerra possiamo visitare le mappe gigantesche (ognuna di queste alle dimensioni di tre mappe convenzionali) che si aprono progressivamente. In operazione Nettuno, gli Alleati assaltano le spiagge della Normandia con l’aiuto dei bot, e l’Asse deve respingerli. In Breakout dobbiamo difendere dei cannoni Flak 88 antiaerei e in Griffin per evitare che una colonna di blindati attraversi un ponte. Sono modalità di gioco asimmetriche, in cui una squadra difende gli attaccanti hanno altri vantaggi, e dobbiamo dire che questa evoluzione sul campo di battaglia è una grande aggiunta per la serie.

Call of Duty WWII

Persino il modo in cui giochiamo le due modalità diversa. Nel multiplayer tradizionale gli scontri si prestano maggiormente allo stile “lupo solitario”, in cui la nostra massima preoccupazione e migliorare le nostre statistiche e salire di livello, ma la modalità Guerra ci spinge ad essere più “camper”; qualsiasi azione non coordinata con il resto della squadra è condannata al fallimento.

Progressione e quartieri generali

Il profilo giocatore e la progressione sono molto curate, e migliorano ciò che abbiamo visto nei precedenti capitoli. Per cominciare, possiamo scegliere tra cinque tipi di soldato (le divisioni di fanteria, ai trasporti, corazzati, montagna e spedizione) e cambiare il loro volto (sono disponibili anche le donne). Ognuna di queste tipologie a abilità specifiche e armi con bonus. Ma, ovviamente, possiamo sbloccare oltre 30 anni nelle solite categorie: fucile d’assalto, mitragliatore leggero, fucile da cecchino…

Call of Duty WWII

Ogni arma può essere migliorata con ottiche, impugnature e munizioni speciali, possono evolvere fino a livello 10 (per poi rientrare in livello prestigio) possono essere adornate con motivi camo o in modo completamente personalizzato. Oltre a questo, abbiamo a disposizione un “perk” relativo alla nostra divisione e la possibilità di sbloccare nuove uniformi e caschi in modo casuale tramite scatole.

E qui entra in scena la seconda grande novità: i quartieri generali. Parliamo di uno spazio sociale, costruito sulla riga della torre in Destiny. In questo spazio, possiamo accettare contratti specifici, incontrare altri giocatori e prendere parte a mini giochi: battaglie uno contro uno in uno spazio chiuso, competizioni di serie di uccisioni e persino la possibilità di giocare 15 giochi classici Activision, come Pitfall 2. C’è anche un teatro per poter vedere il video del gioco e una zona vietata che sarà accessibile solamente ottenendo il prestigio (dopo il livello 55).

Call of Duty WWII

Abbiamo a disposizione anche delle “emotes” per comunicare con altri giocatori tramite gesti e una scheda giocatore completamente personalizzata con emblemi e “Calling Cards” sbloccabili. In questo senso la modalità multi giocatore è grande come al solito.

Nazisti Zombie

Nuovamente Call of Duty sorprende con una modalità cooperativa indipendente. Oltre alla campagna e il multigiocatore, abbiamo nuovamente un’esperienza zombie che recupera lo stile terrificante dei primi capitoli. In questo caso quattro eroi (interpretati da attori del calibro di Ving Rhames, David Tennant, Katherin Winnick e Elodie Young) e un antagonista (con la voce di Udo Kier) ci accompagnano in un’esperienza soprannaturale, piena di sorprese e con lo sviluppo basato su ondate. Quest’anno non possiamo costruire barricate per fermare l’avanzamento dei morti viventi, ma tutti gli altri elementi vengono mantenuti.

Call of Duty WWII

Gli zombi nazisti hanno un’ambientazione più oscura e un ritmo leggermente più lento rispetto a Zombies in Spaceland (il gioco dell’anno scorso) e ci è sembrato più accessibile e divertente. È migliorato, certamente, ma non in un modo drastico, anche se è stato promesso che crescerà con i successivi DLC. Rappresenta una grande aggiunta per un gioco lungo e profondo, la cui massima attrattiva è il ritorno alle origini.

Lo abbiamo già detto un paio di volte in questa recensione, ma sottolineiamo che la percezione di questo videogioco dipenderà molto dai nostri gusti personali. Per molti, me compreso, e ritorno alla seconda guerra mondiale è proprio ciò di cui la serie aveva bisogno, per altri, sarebbe stato meglio continuare la traiettoria di giochi basati su guerre moderne e futuristiche. In ogni caso, parliamo pur sempre di uno sparatutto bellico molto solido e profondo, che mantiene alto il livello nonostante il ritmo di un capitolo l’anno.

Conclusione

Uno sparatutto bellico che scommette su un’ambientazione più realista e interessanti migliorie nella modalità multigiocatore, ma anche un passo indietro in alcune meccaniche, come l’uso dei kit medici. Spettacolare, divertente e pieno di contenuti.

Call of Duty WWII

62,99 €
Call of Duty WWII
8.9

Grafica

9/10

Giocabilità

9/10

Sonoro

9/10

Trama

9/10

Divertimento

9/10

Pro

  • La modalità Guerra e la zona Social sono ottime aggiunte.
  • Ambientazione realistica.
  • Comparto tecnico da urlo.

Contro

  • Non adatto agli amanti dei capitoli futuristici.
  • Modalità Campagna corta e lineare.

Commenta!