Meghan, duchessa del Sussex, riflette sulle speranze per il futuro della figlia Lilibet

0

Meghan, duchessa del Sussex ha rivelato il suo desiderio per il futuro di sua figlia Lilibet.

Durante una discussione con Paris Hilton sul podcast Archetypes martedì, la reale ha esaminato gli stereotipi del “bimbo ” e “bionda stupida” e come i termini abbiano connotazioni negative e siano “incredibilmente limitanti” per le donne.

Di conseguenza, Meghan ha notato che lei e suo marito, il principe Harry, hanno “aspirazioni più alte” per la loro figlia di 16 mesi.

“Sarei curiosa di sentire i tuoi pensieri su questa idea perché quando sento la parola bimbo, ho una connotazione molto negativa”, ha detto. “Non lo vedo come una cosa ambiziosa per una donna, voglio che le nostre figlie aspirino a essere leggermente più alte. Voglio che la mia Lili voglia essere istruita e voglia essere intelligente e orgogliosa di queste cose.”

Altrove, Meghan ha continuato ricordando come ha trovato “affascinante” il suo breve periodo nella serie TV Deal or No Deal come giovane attrice.

Tra il 2006 e il 2007, ha lavorato come “ragazza della valigetta” in 34 episodi della versione americana del game show, ma ha lasciato perché non sentiva di realizzare il suo pieno potenziale.

“Prima delle registrazioni dello spettacolo, tutte le ragazze ci mettevamo in fila e c’erano diverse postazioni per farsi mettere le ciglia, mettere, o le extension, inserire, o l’imbottitura nelle tue reggiseno. Ci venivano anche dati dei buoni per l’abbronzatura spray ogni settimana perché c’era un’idea molto precisa di come dovevamo essere esattamente. Si trattava esclusivamente di bellezza e non necessariamente di cervello”, ha raccontato la 41enne. “Ho finito per lasciare lo spettacolo. Come ho detto, ero grato per il lavoro ma non per come mi faceva sentire, il che non era intelligente. E comunque, ero circondato da donne intelligenti su quel palco con me, ma non era quello il fulcro del motivo per cui eravamo lì e sarei finito per andarmene con questo buco nello stomaco, sapendo che ero molto più di ciò che veniva oggettivato sul palco.

” Non mi piaceva sentirmi costretto ad essere tutto sguardi e poca sostanza – ed è così che mi è sembrato al momento di essere ridotto a questo specifico archetipo.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.