Recensione Razer Zephyr: reliquia di un futuro oscuro

0

Debuttando come “Project Hazel” alla fiera CES all’inizio di quest’anno , il purificatore d’aria indossabile e la maschera facciale di Razer sono ora un prodotto autentico chiamato lo Zephyr che viene venduto al dettaglio per £ 99. L’idea qui è di fornire una fornitura costante di aria in entrata e in uscita, purificata secondo uno standard N95 per aiutare a prevenire la diffusione di virus, fornendo anche un aspetto distinto completo di illuminazione RGB. Razer mi ha gentilmente inviato una delle poche unità destinate alla stampa britannica prima della sua completa rivelazione come parte del RazerCon 2021, quindi l’ho testata negli ultimi giorni per vedere se è davvero all’altezza del clamore.

Guardando lo Zephyr, il design qui è abbastanza simile alle semimaschere a doppio filtro utilizzate per dipingere o lavorare in ambienti altrettanto nocivi, con ventole su ogni guancia che aspirano aria attraverso filtri circolari , prima di espellere attraverso un’altra griglia filtrata alla base della maschera. Il silicone di grado medico crea una tenuta intorno al naso e alla bocca, mentre un paio di cinghie (una regolabile, una no) girano intorno alla parte posteriore della testa per tenere in posizione lo Zephyr.

Altri elementi del design sono più nuovi, tra cui un copribocca trasparente e illuminato destinato a rendere visibili le tue parole e le tue espressioni; è inclusa anche una bottiglietta di spray antiappannamento nel caso in cui il flusso d’aria da solo non sia sufficiente. C’è anche un’illuminazione RGB che circonda ogni presa circolare. Potenza, accoppiamento Bluetooth e velocità della ventola possono essere controllati tramite un unico pulsante posto sul lato della presa d’aria destra, mentre l’app per smartphone Zephyr consente di scegliere colori ed effetti di illuminazione per ciascuna delle due zone illuminate. L’illuminazione può anche essere completamente disattivata.

Indossare lo Zephyr è sorprendentemente comodo. La mezza maschera pesa circa quanto una cuffia da gioco leggera, circa 237 grammi all-in, e le cinghie fanno un buon lavoro per mantenere lo Zephyr stabile sul viso. Non andrei a fare jogging o inizierei a fare headbanging con questo, ma va sicuramente bene per camminare e altri movimenti delicati.

Indossare la maschera a casa era una cosa, ma indossare in pubblico era un altro. Puoi certamente aspettarti di ricevere molta attenzione mentre indossi uno di questi, non tutti positivi in ​​un’era in cui indossare la maschera rimane un problema che divide. Personalmente mi è piaciuto –

mi piace molto parlare di interessanti pezzi di tecnologia – ma posso certamente prevedere una situazione in cui indosso una maschera di stoffa standard invece perché semplicemente indosso non voglio entrare in una conversazione.

Una cosa che mi ha sorpreso è stato il rumore prodotto dalle ventole di piccolo diametro. Alla loro impostazione a bassa velocità (4200 RPM), producono un lieve lamento che è facile da soffocare con il rumore ambientale, ma alla loro impostazione ad alta velocità (6200 RPM) saranno sicuramente udibili da qualcuno seduto accanto a te, quindi distanza sociale e un un paio di buone cuffie con cancellazione del rumore sono probabilmente le migliori pratiche.

In termini di praticità, lo Zephyr ha alcuni inconvenienti. L’app ti istruisce severamente di non utilizzare i filtri N95 forniti per più di ventiquattro ore prima di sostituirli con un nuovo set (quindi proprio come Metro allora, ma leggermente meno frenetico). Nella confezione sono presenti tre set di filtri, che si traducono in nove giorni di utilizzo, supponendo che si tenga accesa la maschera per otto ore al giorno. Se hai solo bisogno di usarlo per il tragitto di un’ora al mattino e lo stesso di nuovo la sera, allora andrai per 36 giorni prima di dover acquistare filtri aggiuntivi. È possibile che vedremo filtri di terze parti, ma le forme specifiche richieste, in particolare il filtro per la bocca a forma di sorriso, significa che dovranno essere realizzati appositamente per lo Zephyr.

Ulteriori filtri possono essere acquistati separatamente, al costo di £ 30 per 10 set. Ciò significa che sarai in grado di utilizzare lo Zephyr per 8 ore al giorno per 30 giorni per £ 30 – non economico, ma anche non irragionevole rispetto al costo dell’acquisto di maschere usa e getta per lo stesso periodo. Se vuoi ottenere più filtri fin dall’inizio, puoi anche ottenere lo Zephyr in uno “starter kit” da £ 150 che include 33 set di filtri e la maschera intelligente stessa.

È inoltre necessario mantenere la maschera carica di energia per far girare le ventole, soprattutto se si utilizza l’impostazione della ventola superiore con entrambe le zone RGB illuminate: Razer valuta la durata della batteria della maschera a sole 3,5 ore se utilizzata alle impostazioni massime. La disabilitazione dell’RGB (che comunque non è troppo visibile con una luce solare moderata) porta questo fino a quattro ore, mentre l’utilizzo della modalità a velocità della ventola inferiore senza RGB si ottiene otto ore più ragionevoli. (Queste cifre sono fornite da Razer, tra l’altro; non ho ancora avuto il tempo di eseguire test di durata della batteria adeguati, ma aggiornerò questo pezzo quando lo farò.) Per fortuna, la ricarica viene eseguita tramite USB-C, quindi se già hai un telefono Android, un tablet Apple recente, cuffie in-ear, ecc., probabilmente hai già un caricabatterie adatto a portata di mano.

app
È interessante notare che l’area di feedback dell’app menziona uno Zefiro bianco.

Lo Zephyr inoltre non include l’amplificatore vocale immaginato per il dispositivo originale Project Hazel. Razer afferma che ha reso la maschera troppo pesante, ostacolato la traspirazione e ridotto la durata della batteria, che sono tutti motivi abbastanza validi per rimuoverla. Ciò significa che dovrai fornire le tue impressioni di Bane mentre lo indossi, purtroppo. Anche un’altra caratteristica interessante, la custodia di ricarica per la pulizia dei raggi UV, è stata abbandonata: è sufficiente una custodia in tessuto morbido, che non fornisce molta protezione, ma presumibilmente costa molto meno. Queste sono omissioni deludenti, ma anche in questo caso gli svantaggi per l’inclusione di funzionalità nelle fasi di “ideazione” e “produzione” variano in modo piuttosto massiccio – e preferirei ottenere un dispositivo funzionante con meno funzionalità rispetto a qualcosa di fedele al sogno iniziale ma completamente impraticabile ( a la La famosa automobile di Omero ).

Dopo aver trascorso alcuni giorni con lo Zephyr, mi è piaciuto abbastanza. È comodo da indossare, un ottimo inizio di conversazione per un pubblico adeguatamente nerd e pretende di svolgere una funzione molto importante nel ridurre la diffusione di virus come COVID o influenza. (Non ho modo di testare le affermazioni sull’efficacia di Razer per quanto riguarda la filtrazione, quindi lascerò che siano gli abiti più attrezzati a svolgere questa importante funzione!) L’illuminazione RGB sembra interessante e anche la copertura della bocca trasparente è molto sensata, anche anche se lo Zephyr è tutt’altro che l’unica maschera per usare questa idea. I filtri e la ricarica sono un fastidio ma non significativo per ora, quindi terrò lo Zephyr nella mia borsa ogni volta che viaggio con i mezzi pubblici. (Intendiamoci, terrò comunque con me anche una maschera di stoffa, soprattutto perché lo Zephyr non è resistente all’acqua e non dovrebbe essere indossato sotto la pioggia, un evento molto comune nella nostra isola di scettri.) Se attualmente spendi un buona parte del cambiamento sulle maschere N95 usa e getta, quindi optare per lo Zephyr potrebbe essere un investimento ragionevole – ed è probabilmente meglio per il pianeta se stai solo sostituendo alcuni filtri anziché una maschera completa ogni volta, supponendo che tu usi lo Zephyr per mesi e mesi.

render

Anche se lo Zephyr svolge una funzione molto tempestiva, questo non è il suo vero scopo – cosa più importante, è un prodotto alone che esiste per illuminare una luce RGB su uno dei più grandi marchi di gioco del mondo, per accendere conversazioni e, infine, tradursi in vendite di laptop e periferiche di Razer. Con quella misura, ha certamente successo. Il fatto che sia stato uno dei pochi progetti Razer a debuttare come prototipo CES e poi a realizzarlo come un vero prodotto al dettaglio parla della pubblicità che ha già goduto – e delle braciole dei team di progettazione di Razer, che lavorano su un prodotto che è lontano dal tastiere, mouse, cuffie e laptop che caratterizzano le offerte tradizionali dell’azienda.

Il tema dell’esplorazione di nuove categorie di prodotti è uno di quelli che Razer ha abbracciato quest’anno, con gli annunci di oggi RazerCon 2021 che includono anche i loro primi componenti per PC: AIO, ventole del case, controller delle ventole e alimentatori. Non sorprende che la maggior parte sia decorata con RGB e pretenda di offrire prestazioni elevate. Cercheremo di testare alcuni di questi elementi e non vediamo l’ora di condividere i nostri risultati nelle settimane e nei mesi a venire.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.