La serie Call of Duty è nata in risposta a Medal of Honor

0

Vince Zampella, ex di Infinity Ward e delle studio a carico di MoH rivela che la serie Call of Duty è nata come risposta a Medal Of Honor.

Creerai il tuo nemico ed egli penserà a distruggerti”, il miglior esempio per confermare questa frase sono le serie di Medal of Honor e Call of Duty, due degli FPS più apprezzati che nel passato sono state protagoniste di momenti stellari grazie alla loro offerta di gioco.

Attualmente solo una delle due serie sopravvive: Call of Duty, che ogni anno vende milioni di copie con ogni capitolo. Creata da Infinity Ward, questa serie ha generato una marea di introiti per Activision, anche se potrebbe essere andata diversamente se lo studio non fosse mai stato creato. Prima di passare in mano alla sua attuale proprietaria, parte del team diretto da Vince Zampella e Jason West lavorava presso 2015, Inc., creatori della serie Medal of Honor.

Call of Duty medal of Honor

Call of Duty: Infinite Warfare - Legacy Edition - PlayStation 4

by Activision [Activision]
Rank/Rating: 76/-
Price: EUR 18,85

Di questo fatto ha parlato recentemente lo stesso Zampella, attualmente nelle fila di Respawn Entertainment, che ha rivelato dettagli molto interessanti. Stando alle sue parole: “Originariamente, quando abbiamo creato Infinity Ward lavoravamo con EA. Avevamo un’offerta per creare il sequel di Medal of Honor. Allied Assault aveva avuto un tale successo che EA voleva portarselo in casa, quindi provò a costringerci a far parte di EA. Noi non lo volevamo”. Dopo questo avvenimento, parte dello studio se n’è andata e ha fondato Infinity Ward, per poi creare la serie Call of Duty, a quanto pare, come risposta.

Riassumendo, un avversario per il gioco EA, un avversario che lo ha devastato completamente. Zampella aggiunge che “quando hanno cercato di imporcelo, abbiamo deciso che non volevamo essere parte di EA. Come team abbiamo deciso che non era quello che volevamo. Finimmo con l’andarcene a lavorare per Activision, e si, Call of Duty fu una specie di risposta”. Nonostante questo, pare che il tempo abbia cambiato le carte in tavola per il co-fondatore di Respawn, studio che collabora con EA da anni.

Via|Segment Next

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.