La nuova guida di Women in Games spera di affrontare la sottorappresentazione di genere e le “culture lavorative disfunzionali”

0

“Integrare passi pratici in ogni settore per realizzare la parità di genere non è solo giusto, è realizzabile”

Building a Fair Playing Field
Donne nei giochi

Women in Games ha pubblicato una guida aggiornata con oltre 150 pagine di “informazioni, ispirazioni, risorse, testimonianze di prima mano, casi di studio, raccomandazioni e altro ancora” per le aziende interessate a “impegnarsi e a promuovere la parità di genere e una più ampia diversità e inclusione”.

L’organizzazione – che si autodefinisce “attivista” e crede che “l’ingresso di più donne nei giochi e negli esports dovrebbe essere una priorità nazionale, internazionale e strategica” – afferma che Building A Fair Playing Field “è specificamente incentrato sul genere, ma comprende questioni intersezionali più ampie di inclusività e diversità e può essere utilizzato per affrontarle a ogni livello”.

Eurogamer Newscast: Cosa significa l’acquisizione del Signore degli Anelli da parte di Embracer per i giochi della Terra di Mezzo?

Scritta da Marie-Claire Isaaman, CEO di Women in Games, e da Sharon Tolaini-Sage, consulente di Women in Games per l’istruzione e la ricerca, la guida spera di affrontare le persistenti questioni di disuguaglianza di genere su larga scala, di evidenziare il ruolo della leadership nel raggiungimento dell’equità, di fornire ispirazione per le aziende e gli individui e di incoraggiare e consentire il cambiamento.

La guida è necessaria perché c’è un “urgente bisogno di cambiamento”, dato che le donne rimangono “significativamente sottorappresentate nell’industria dei giochi” e le “controversie ben pubblicizzate sulle culture lavorative disfunzionali nelle industrie dei giochi aumentano l’urgenza del cambiamento”.

“Il mondo è cambiato dalla pubblicazione nel 2018 della prima guida di Women in Games”, ha dichiarato l’autrice e CEO di Women in Games, Marie-Claire Isaaman. “La Covid 19 e le sue continue conseguenze hanno portato incertezze, ma anche enormi opportunità di promuovere cambiamenti positivi. Le pratiche lavorative globali, e in particolare le stesse industrie dei giochi, si stanno trasformando e questa Guida si propone di dare nuovo impulso all’uguaglianza e all’equità di genere”.

“La Guida fa parte dei nostri sforzi allineati per intraprendere azioni a sostegno degli SDG delle Nazioni Unite, in particolare del numero 5, l’uguaglianza di genere. È parte integrante di un più ampio portafoglio di lavoro all’interno dei nostri 5 spazi d’azione: Industria, Istruzione, Politica, Comunità e Cultura. Questo sostiene la nostra missione di creare nuove piattaforme, percorsi e sinergie che riuniscono agenti del cambiamento, sostenitori, uomini e ragazzi, campioni, esperti, organizzazioni di base e altri, per nuovi dialoghi incentrati su soluzioni condivise verso l’equità e l’uguaglianza per tutti.

“Questo è un momento in cui l’integrazione di passi pratici in ogni settore per realizzare l’uguaglianza di genere non è solo giusta, ma anche realizzabile”.

La guida può essere scaricata gratuitamente dal sito ufficiale.

In una notizia correlata, un nuovo rapporto ha descritto dettagliatamente i casi di molestie sessuali alla Nintendo of America, e un ambiente di lavoro in cui alcune donne – in particolare le dipendenti a contratto senza un impiego a tempo pieno – si sentivano costrette al silenzio.

In risposta, Nintendo ha rilasciato una dichiarazione ai dipendenti da parte del capo dell’azienda Doug Bowser, confermando che l’azienda sta ora “indagando attivamente” sulle denunce.

“Abbiamo politiche rigorose volte a proteggere i nostri dipendenti e collaboratori da comportamenti inappropriati e ci aspettiamo il pieno rispetto di queste politiche da parte di tutti coloro che lavorano per o con [voi]”, ha scritto Bowser. “Abbiamo sempre indagato e indagheremo sempre su tutte le accuse di cui veniamo a conoscenza e stiamo indagando attivamente su queste ultime affermazioni”.

Il rapporto si basa sulle accuse riportate in passato circa la divisione tra il personale a tempo pieno di Nintendo e quello a contratto, che gode di minori vantaggi e non ha la sicurezza del posto di lavoro. Ora, le donne che hanno lavorato come dipendenti a contratto si sono fatte avanti per parlare di alcuni dei problemi che hanno affrontato in particolare, come casi di molestie sessuali e disparità di retribuzione.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.