Diablo 2: Resuscitato recensione

0

Non si può criticare l’abilità di questo scrupoloso remaster, e il gioco stesso ha ancora un magnetismo irascibile, ma Diablo 2 sta mostrando la sua età.

A che punto sei nel separare l’arte dall’artista? Forse hai rimuginato su questo quando consideri se guardare un film di Roman Polanski o ascoltare un album di Michael Jackson – e Dio sa, la storia dell’arte sarebbe davvero impoverita se la spogliassimo di tutti i suoi mostri. Non c’è mai una risposta facile. Sulla scia delle recenti rivelazioni spaventose sulla cultura “frat boy” dello studio, questa è ora una domanda che dobbiamo porci anche sui giochi Blizzard.

Per certi versi, questo bellissimo remaster prodotto di Diablo 2 è sfortunato per essere la prima uscita di Blizzard da quando lo stato della California ha intentato una causa contro lo studio. Gran parte del lavoro è stato svolto da Vicarious Visions, un gruppo irreprensibile integrato solo con Blizzard all’inizio di quest’anno. (In effetti, il suo ex capo dello studio Jen Oneal è stato recentemente nominato co-leader di Blizzard, una nuova scopa presumibilmente destinata a guidare la riforma lì.) Inoltre, il gioco originale del 2000 è stato realizzato da Blizzard North, uno studio autonomo abbastanza distinto dal SoCal nave madre. Diablo 2 è un figlio adottivo della cultura Blizzard nella migliore delle ipotesi. Ma Diablo ha contribuito anche a dare il tono Blizzard, con la sua estetica non più metallica, la tradizione del lavandino della cucina, il multiplayer online all’avanguardia e il gioco finale di profondità e complicazioni abissali.

Sembra importante esporre tutto questo, ma non spetta a me come critico dirti come mi sento a giocare ai giochi Blizzard nel 2021. Questa può essere solo una scelta personale. Personalmente, da amante dei giochi dello studio, sono combattuto e ancora indeciso. Ma ho lasciato che non influisse sul resto della mia recensione.

Questo non vuol dire che non ho sentimenti complicati su Diablo 2: Resurrected per diversi motivi. Diablo 2 è una bestia di un gioco che, 21 anni dopo, getta ancora una lunga ombra – sullo sviluppo tormentato del suo successore (un destino a cui non sembra essere sfuggito nemmeno Diablo 4), e sul genere action-RPG ha definito. Per quanto influente sia stato, è un lavoro singolare, sanguinario, quasi imbarazzante e provocatoriamente non moderno.

La cosa importante da sapere su Diablo 2: Resurrected è che non ha fatto quasi nulla per cambiarlo, nel bene e nel male (spoiler: è entrambe le cose). Ottieni alcuni piccoli ma significativi cambiamenti nella qualità della vita, tra cui una scorta condivisa in cui i tuoi personaggi possono scambiare il bottino, il ritiro automatico dell’oro e, dal momento che il gioco ora ha versioni console, un supporto per gamepad ben implementato. Ma questo è il limite di ciò che gli sviluppatori si sono concessi per paura di alterarne troppo il carattere. Stai ancora giocando all’oggetto Tetris in una piccola griglia dell’inventario. Stai ancora correndo verso il tuo cadavere, a mani vuote e con il cuore in bocca, per recuperare la tua armatura, armi e denaro quando morirai. Stai ancora sfogliando un elenco di giochi pubblici con titoli confusi come ONLYDURIELPLS nella lobby se vuoi giocare online. Sei ancora limitato a un singolo respec per livello di difficoltà – e se finisci con una build del personaggio che non ti piace dopo, difficile. Questo atteggiamento purista è certamente la scelta giusta, ma ha un costo che va oltre il regno della difficoltà e dell’equilibrio del gioco. Ad esempio, il gioco cooperativo locale su console, una tale delizia in Diablo 3, purtroppo non è stato implementato qui, perché avrebbe allungato il gioco troppo fuori forma. In effetti, avrebbe richiesto un approccio fondamentalmente diverso.

La line-up degli eroi di Diablo 2 è una per le età – la maggior parte di loro colpi di scena memorabili su archetipi logori.

Per capire perché, devi guardare sotto il cofano di questo remake unico. Fortunatamente, Blizzard ti ha permesso di farlo premendo un solo pulsante, rivelando istantaneamente il gioco come appariva nel 2000: pixelato, granuloso, isometrico, a bassa risoluzione e molto bidimensionale. Questo non è un remaster nel senso attuale più ampiamente compreso: le risorse originali del gioco, aggiornate o ridisegnate per funzionare con maggiore fedeltà su hardware moderno. Né è esattamente un remake: il contenuto del gioco originale è stato rifatto da zero, con un grado di fedeltà maggiore o minore, in un motore nuovo di zecca. Esiste come quest’ultimo, ma solo come una stupida sovrapposizione audiovisiva 3D che imita l’output della logica di gioco 2D del gioco originale in esecuzione sotto. Questo è il gioco a cui stai effettivamente giocando. Il tuo avatar 3D dettagliato si allunga per colpire il mostro accanto a lei, ma sono i grossi pixel sottostanti (o meglio, i calcoli che corrono sotto loro ) che determinano se il colpo si collega o meno.

È un approccio affascinante che porta a una ricreazione straordinariamente fedele. Il risultato estetico è una cosa: mi stupisce che gli artisti, lavorando con un rendering e un’illuminazione moderni e puliti, siano riusciti a evocare l’atmosfera sudicia, grintosa e crepuscolare della pixel art originale, dove dettagli cupi si fanno notare fugacemente nell’oscurità. Ancora più notevole è la sensazione. Grazie alla conservazione della logica del gioco originale dietro le quinte, Diablo 2: Resurrected conserva ogni caratteristica del gioco del 2000, dalla corsa rapida e rigida del tuo personaggio alla velocità del colpo di frusta e alla piattezza binaria delle interazioni.

Diablo 2 è veloce . Nonostante tutta la raffinatezza della sua costruzione del personaggio e il suo vertiginoso gioco di oggetti, le parole runiche e tutto il resto, gioca con brutale semplicità. Giocando con mouse e tastiera, hai ancora solo due abilità disponibili alla volta sui pulsanti del mouse e sei costretto a usare i tasti funzione per scambiare gli altri. Raramente lo farai, facendo affidamento su un singolo attacco per la maggior parte delle situazioni e ottimizzando la costruzione del tuo personaggio e ingranaggio intorno ad esso. Assaltato da creature sfrenate, martelli furiosamente, spammando pozioni per sostenere la tua salute e il tuo mana attraverso combattimenti più duri. (Il gioco su console e gamepad ti consente di assegnare più abilità ai pulsanti frontali, in stile Diablo 3, e può espandere la tua flessibilità di combattimento e allentare un po’ il tuo stile di gioco; ti consiglio di provarlo, ma non lo chiamerei gioco- mutevole.)

L’azione può essere ancora elettrizzante nella sua ferocia e tenace nel suo morso. Ci sono molti calcoli sullo sfondo di questa frenesia urgente, ovviamente, anche se per qualche ragione (e questo è vero per altri giochi di Diablo, ad essere onesti) la torre traballante di numeri crescenti ha la tendenza a crollare da facile, indolore da una carneficina a una frustrazione da digrignare i denti in un batter d’occhio.

Questo riassume Diablo 2: è un gioco molto binario. O è una cosa o l’altra: facile o difficile, golosa o minimalista, azione senza cervello o profonda teoria. Sono contento che sia stato conservato esattamente come è sempre stato in questo revival quasi impeccabile e ben strutturato. (Questo non è Warcraft 3: Reforged: ha scene d’intermezzo completamente rifatte in CG, audio rimasterizzato, progressione incrociata tra i formati, le opere.) Ma oso chiedermi se sia invecchiato così bene. Diablo 3 è stato duramente criticato per non essere Diablo 2, e in effetti non lo è. Ha un combattimento fluido, elastico e ritmico che enfatizza la consapevolezza della situazione e una suite complementare di abilità. La sua costruzione del personaggio ti garantisce la libertà di armeggiare, esplorare ed esprimere te stesso, piuttosto che mandarti su Internet per creare una build ottimizzata per paura che tu possa sbagliare qualcosa e rovinare il tuo personaggio per un’altra dozzina di ore. Ha persino una ammiccante autocoscienza sullo stile torturato del signore del confine di Diablo.

Diablo 2 sta iniziando a sembrare una reliquia: una reliquia bella, intricata, storicamente importante, brunita e restaurata con cura qui, ma una reliquia lo stesso. Penso che potrei riportarlo nella sua scatola foderata di velluto.

Sosterrai Eurogamer?

Vogliamo migliorare Eurogamer, e questo significa meglio per i nostri lettori, non per gli algoritmi. Puoi aiutare! Diventa un sostenitore di Eurogamer e potrai visualizzare il sito completamente senza pubblicità, oltre ad avere accesso esclusivo ad articoli, podcast e conversazioni che ti avvicineranno alla squadra, alle storie e ai giochi che tutti amiamo. Gli abbonamenti partono da £ 3,99 / $ 4,99 al mese.

Sostienici

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.