The Touryst è il primo gioco 8K 60fps per PS5

0

Il brillante gioco di Shin’en Multimedia – The Touryst – è ora disponibile per le console PS4 e PS5 ed è ora confermato come il primissimo gioco renderizzato 8K nativo sulla nuova generazione di console, che funziona magnificamente a 60 fotogrammi al secondo non meno. Esatto: secondo le nostre discussioni con lo sviluppatore, il gioco internamente rende a 7680×4320 – nessun super-sampling temporale, nessuna riproiezione, nessun checkerboarding, nessun upscaling dell’IA. È full-on 4320p.

Naturalmente, c’è un leggero problema qui in quanto PlayStation 5 non supporta l’uscita 8K tramite HDMI 2.1, nonostante mostri con orgoglio un logo 8K sulla scatola. In questo caso, Shin’en utilizza la risoluzione estrema per il super-sampling anti-aliasing: in sostanza, ogni pixel sullo schermo 4K viene sottoposto a downsampling da quattro pixel per una qualità dell’immagine incontaminata. Per quanto riguarda il tipo di differenza che questo fa alla presentazione generale, Shin’en ti ha coperto anche lì. Puoi effettivamente tornare al 4K nativo nel menu delle opzioni: basta disabilitare l’anti-aliasing. Shin’en ci dice che quando e se il proprietario della piattaforma mantiene le promesse 8K della confezione di PS5 (VRR prima per favore, Sony), una semplice patch dovrebbe consentire al gioco di emettere il framebuffer 4320p direttamente per una corrispondenza 1:1 pixel su un Display 8K.

John Linneman e Rich Leadbetter provano The Touryst su PlayStation 5, con confronti con la Serie X più uno sguardo al gioco su PS4 e PS4 Pro.

Tuttavia, prima di andare inoltre, va da sé che le possibilità che PS5 e Series X forniscano giochi 8K nativi in ​​futuro è improbabile che sia a dir poco, e l’intera questione se ne valga la pena è in discussione come sell-through di I display 8K non hanno esattamente dato fuoco al mondo. Tuttavia, per questo gioco, si tratta di scalabilità e utilità nell’applicazione. L’estetica in stile voxel del Touryst è stata originariamente progettata per funzionare a 720p nativi a 60 fps su Nintendo Switch in modalità mobile, ed è stata scalata verso l’alto su altre piattaforme sin dal suo debutto.

Il background di Shin’en viene dalla scena demo, e quindi, le imprese tecnologiche oltraggiose fanno parte del suo DNA. In un mondo dominato dal rendering sub-nativo e da tecniche di upscaling innovative, le principali sfide che la maggior parte degli sviluppatori deve affrontare è fornire un’immagine 4K di bell’aspetto. Con 8,3 milioni di pixel per fotogramma, anche il 4K è una sfida. È probabile che il passaggio al rendering 8K (33,2 m pixel per fotogramma) avvenga solo su giochi che richiedono molto meno dalla GPU e The Touryst ne è un ottimo esempio.

Cosa fa la modalità 8K ti offre in The Touryst? In parole povere, in un gioco definito da costrutti angolari a blocchi, si ottiene un miglioramento di molto nella levigatura dei bordi, sebbene ci siano anche alcuni miglioramenti bonus. L’intensità dell’effetto della profondità di campo cambia con la risoluzione, quindi questo effetto sembra abbastanza diverso tra le modalità 4K e 8K. È interessante notare che Shin’en è riuscito a spingersi ancora oltre. La definizione delle ombre, ad esempio, è più pulita e nitida su PS5 rispetto a Xbox Series X. In effetti, la risoluzione della cascata delle ombre è aumentata in molte aree: le modifiche al sistema esponenziale della mappa delle ombre di Shin’en si traducono in una leggera differenza nelle aree in ombra manifestate come differenze di illuminazione.

Tutto ciò ci porta sull’elefante in la stanza. Il Touryst su Series X ha anche il super-sampling fino a 4K da una risoluzione più alta, ma è invece 6K (5760×3240, per la precisione). Tenendo presente quanto sono vicine le macchine, perché è così? In genere, nello spazio PC, per ottenere una GPU più veloce, i produttori producono design “più ampi” che funzionano con gli stessi clock delle parti meno capaci, o anche più lentamente. Xbox Series X segue lo stesso schema. La sua GPU funziona a un clock più lento, ma nel complesso dovrebbe essere più capace in quanto ha molte più unità di calcolo. Shin’en ci dice che nel caso del suo motore, l’aumento delle frequenze di clock e la differenza nella configurazione della memoria fanno la differenza. Oltre a questo, invece di portare la versione PS4 su PS5, Shin’en ha riscritto il motore per sfruttare le API grafiche di basso livello di PS5.

Per quanto riguarda le prestazioni, in parole povere, c’è nulla di cui preoccuparsi. Proprio come Xbox Series X, la modalità a 60 Hz funziona a 60 frame al secondo, mentre il supporto a 120 Hz è bloccato in modo simile. A differenza della versione Xbox, tuttavia, l’utente può scegliere tra i due durante il gioco. Sulle console della serie, la modalità si attiva per impostazione predefinita se hai selezionato 120Hz sulla dashboard. Personalmente, consiglio vivamente di giocare a 120 fps se hai i mezzi a disposizione: per un gioco che richiede molto scorrimento, il feedback visivo aggiuntivo è più piacevole alla vista rispetto all’anti-aliasing migliorato.

Nel complesso, Touryst è un gioco di esplorazione brillante e delizioso che consigliamo vivamente su tutte le piattaforme e che include le versioni PS4 e PS4 Pro rilasciate insieme all’ammiraglia PlayStation 5. La console di base last-gen raggiunge i 1080p a 60 frame come ci si potrebbe aspettare, ma sebbene non confermato, potrebbe esserci l’inclusione dello scaling dinamico della risoluzione nella strana situazione. La situazione DRS è più ovvia da individuare su PS4 Pro, dove il gioco opera principalmente nell’intervallo 1440p-1512p. Ovviamente, stai ancora ottenendo lo stesso eccellente contenuto e lo stesso bellissimo stile: tutto ciò che cambia sono il numero di pixel e la mancanza di 120 fps, ma a prescindere, The Touryst è ancora altamente raccomandato.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.