Recensione Outer Wilds Echoes of the Eye

0

Una splendida e lunatica elaborazione di ciò che rende Outer Wilds così speciale.

Scoperta e realizzazione sono le due grandi emozioni di Outer Wilds, quindi lasciami spolverare fuori dal cliché di un vecchio recensore e dici che se ti è piaciuto quel gioco dovresti smettere di leggere e giocare a Echoes of the Eye senza ulteriori indugi. Niente di ciò che posso scrivere sarà così avvincente come svelare questa prima e unica espansione per te stesso.

In effetti, la scrittura passa in secondo piano in Echoes of the Eye – come, piuttosto inaspettatamente, fa il volo spaziale. Dove il best of 2019 di Eurogamer ti ha visto inseguire indizi da pozzo gravitazionale a pozzo gravitazionale, affrettandoti a dare un senso a un sistema solare tascabile prima del il sole esplode e ripristina il timeloop di 22 minuti del gioco, Echoes si svolge quasi interamente su un nuovo mondo affascinante con la sua modalità di attraversamento autosigillata. È l’ex casa di una razza aliena di cui non conosci la lingua e il cui torrido passato devi di conseguenza attingere da immagini che sono parti uguali di Kodak Moment e inquietanti filmati trovati. Fortunatamente, il tuo computer di bordo fa ancora un buon lavoro nel parafrasare i risultati chiave e nel mapparli mentalmente per tenerli in considerazione, sostenuto da una modifica del menu che ti consente di organizzare i lead per pianeta.

La ritrovata importanza delle immagini va oltre la minimizzazione dell’esposizione. Supporta enigmi ambientali che si occupano, come gli esperimenti quantistici del gioco originale, di come l’osservazione influenza l’osservato, ma gli Echi trasportano subdolamente quelle nozioni nel regno dell’occulto. Pensa alle eclissi solari e alle misteriose fiamme verdi, ai ritratti a cui hai paura di voltare le spalle e a quella particolare razza di oscurità che si nasconde all’interno dei capanni di caccia in pineta del Midwest americano. Ci sono aggeggi metallici pieghevoli che ricordano le punte e i sifoni della serie Amnesia, ma questa non è una vera e propria storia dell’orrore e puoi sempre disattivare i momenti più spaventosi nelle impostazioni (anche se non ho avuto la possibilità di riprodurre e vedere cosa fa in pratica). Gran parte di Echoes si svolge alla luce solare tonificante, dove lotterai di nuovo con la fisica ed esplorerai senza preoccuparti delle riserve di ossigeno, e – beh, ho già rovinato troppo, e in qualche modo, stai ancora leggendo. Va bene allora. Abbottoniamo le nostre tute spaziali e andiamo avanti.

Ma prima, alcune parole su come Echoes si inserisce in cosa già rende Outer Wilds così speciale. Il gioco si distingue tra i sim di esplorazione fantascientifica per l’intuitività tattile delle sue parti mobili a ogni scala. Per quanto enorme e spesso minaccioso, il suo sistema solare ha l’accessibilità e la consistenza di un giocattolo realizzato con amore. Che tu stia parlando di giganti gassosi tempestosi o di astronavi guidate da biglie che rotolano lungo i tubi, il macchinario è allo stesso tempo strano e pericoloso e piacevolmente coerente nelle mani, una cosa da afferrare e con cui giocare (e da cui essere improvvisamente schiacciato), una cosa che puoi immaginare di mettere insieme da solo. Outer Wilds sincronizza il piccolo con il grande, rispecchiandosi religiosamente. Il suo cosmo – un discendente dei planetari a orologeria dei primi astronomi europei – ospita i suoi modelli astrofisici, dalle polverose mostre museali agli ologrammi magici del vassoio di sabbia.

È un frattale scintillante orologio, tutto il caos in bilico e le forze di marea rese prevedibili in modo rassicurante da quei 22 minuti di reset. Echoes of the Eye, invece, è un proiettore. L’azione della luce attraverso una superficie è il motivo che definisce il capitolo aggiuntivo. È il mezzo con cui sia localizzare il nuovo mondo che svelare i suoi segreti, usando la torcia del casco e le lanterne ottenute localmente per rivelare il retroscena e attivare i meccanismi sotto la crosta.

Il mondo stesso è un mondo ad anello, un bellissimo nastro di architettura lungo il fiume che circonda un sole in miniatura, che evoca non solo Halo e Larry Niven, ma la leggendaria macchina a carosello di Kodak e il lussureggiante artificiosità di Myst. Quel fiume dà all’espansione il suo tocco di gioia senza complicazioni: ti sposterai su zattere ad alta tecnologia, puntando la torcia per guidare, e la ricreazione realistica della fisica dell’acqua è un piacere anche quando le rapide ti trascinano sotto e ti distruggono la tua faccia contro una roccia.

Il fiume dà anche allo Straniero la sua instabilità. Come le Ember Twins e Brittle Hollow, questa è un’ambientazione nel mezzo di un cambiamento catastrofico. A metà di ogni ciclo temporale una diga scoppia, inviando un’onda di marea che si scatena intorno e sopra la testa che riorganizza strategicamente l’architettura, sigillando alcuni segreti mentre ne svela altri. Come con il gioco principale, i progressi riguardano la visita di luoghi diversi in diversi punti del ciclo, raccogliendo sempre più informazioni fino a quando non ne hai abbastanza per eseguire alcune azioni che portino a termine questa storia secondaria. Enigmi basati sulla luce a parte, lancerai sonde attraverso fessure per ricognire camere crollate, rintracciare stringhe di simboli e diventare padrone del fiume, con alcune aree trovate viaggiando contro corrente o scavando tunnel sotto le onde. Non sono sicuro che Echoes abbia momenti “aha” da rivaleggiare, ad esempio, con Quantum Moon, ma l’espansione spacchetta il tema della proiezione in modo molto elegante e le principali rivelazioni della storia valgono più che il viaggio.

Per quanto riguarda le creature che un tempo vivevano qui – ancora una volta, sono prudente nel rivelare troppo, ma basti dire che il testo depriorizzato è una brillante evoluzione dell’approccio di Outer Wilds alla narrazione, e il Gli sconosciuti sono un delizioso contrasto con gli antichi esploratori Nomai che studierai nel gioco principale. I Nomai sono un gruppo chiacchierone e generalmente comprensivo. Li percepisci come vagabondi e armeggiatori, compagni d’armi le cui motivazioni, certamente, diventano più sinistre man mano che la loro storia va avanti. Il loro modo di scrivere – spirali che generano spirali, con risposte innestate alle affermazioni per creare squisiti disegni fioriti – evoca giocosamente i complessi intrecci gravitazionali che compongono il cosmo del gioco.

Gli Stranieri, al contrario, sono rigidi e minacciosi nel loro silenzio. Spesso raffigurati senza bocche visibili, si esprimono invece attraverso murales, ritratti e diapositive semibruciate che formano video in stop-motion di profezie e apocalissi, sollevate da ceppi musicali inquietanti. In un certo senso perseguiti i Nomai, sempre al limite delle loro tortuose conversazioni. Ma sei perseguitato da gli Stranieri. Non sono maligni, esattamente, ma sono afflitti dalla disperazione come i Nomai non lo sono mai, una disperazione che satura il loro rifugio per tutta la sua somiglianza con un idilliaco luogo di caccia, con sedie a sdraio e canne da pesca accanto alle curiose macchine. Sono anche più grandi del personaggio del giocatore, i loro mobili e dispositivi ti fanno impallidire in loro assenza. Se c’è un accenno di amnesia nel retroscena, un confronto più diretto qui è Riccioli d’oro e i tre orsi.

Se non ti è piaciuto Outer Wilds, non lo sono certo Echoes farà molto per te. Tutte le leggere frustrazioni del gioco del 2019 sono tornate, anche se almeno non passerai tanto tempo ad atterrare sui pianeti o a essere mangiato dai pesci. L’ordine di marcia del mondo non può essere negato, anche se puoi sonnecchiare davanti ai fuochi da campo per avanzare velocemente: sbaglia un salto cruciale, o vieni travolto dalla corrente, e dovrai girare i pollici finché non arriva la supernova. È anche un po’ irritante che tu non possa aggiungere immagini dalle bobine di diapositive di Stranger alle banche dati della tua nave, solo un riepilogo del loro contenuto, quindi se c’è un dettaglio che ti sei perso in un ciclo, dovrai rintracciare di nuovo quella bobina nel prossimo. Tutto ciò è, direi, un piccolo prezzo da pagare per abitare una produzione teatrale di questa complessità e grandezza, e il platform è piuttosto delicato accanto alla speleologia a gravità mista di Brittle Hollow o ai cicloni di Giant’s Deep.

La cosa peggiore della prima espansione di Outer Wilds, dal mio punto di vista, è che non ce ne sarà un’altra. Che è anche, ovviamente, la migliore qualità dell’espansione, perché l’ultima cosa che voglio per questo gioco è qualcosa di simile all’infinito e possibile sprawl di No Man’s Sky. La morale sia della storia originale che dell’espansione è che a un certo punto devi dire addio – e mentre gli addii vanno, questo è uno per i secoli.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.