Metroid Dread sembra che potrebbe essere il vero affare

0

Quando aspetti un gioco da circa 15 anni, penso sia giusto esprimere un po’ di trepidazione. Metroid Dread è stato concepito per la prima volta come un sequel per Nintendo DS di Metroid Fusion , in un momento in cui non solo la serie aveva offerto un’offerta 2D che poteva stare spalla a spalla con Super Metroid, ma eravamo anche nel bel mezzo della brillantezza della serie Prime. Qualunque sia la tua opinione su Metroid: Other M, Federation Force o Samus Returns, è giusto dire che da allora la serie è stata lontana dall’apice.

Puoi perdonare a lungo- volta che i fan di Metroid si lanciano nel primo gioco originale dal 2010 un po’ divisivo Other M per avere dei nervi saldi, allora. Ma, dopo un paio d’ore con l’apertura di Metroid Dread, ho una notizia meravigliosa. Questo sembra destinato a essere il vero affare: un classico Metroid 2D, consegnato con alcuni valori di produzione seri e tutto il perfezionamento che ti aspetteresti da un gioco che sta aiutando a lanciare l’ultimo hardware Switch di Nintendo, l’aggiornamento OLED del mese prossimo.

Ambientato poco dopo gli eventi di Fusion, Dread vede Samus rispondere ancora una volta a un misterioso segnale che la invita a scendere su una superficie di un pianeta ostile nel suo ultimo tentativo di spazzare via i parassiti X. E, ancora una volta, gli eventi cospirano per spogliarla di tutte le sue abilità – questa volta attraverso una potente figura vestita con un’armatura Chozo che incontri sulla superficie del pianeta ZDR, che successivamente sconfigge Samus in quello che porta a un attacco di “amnesia fisica”. ‘. Il risultato è Samus che si sveglia con la testa intontita ed effettivamente a mani vuote nelle viscere del pianeta, con il compito di farsi strada fino alla sua nave che sta aspettando abbandonata in superficie mentre riscopre i suoi vecchi poteri e alcuni nuovi inoltre… una sorta di netto capovolgimento dell’avventura di Super Metroid che ti ha fatto rintanare nel pianeta Zebes.

Dopo così tanti anni, la cosa più confortante di quei primi passi in un nuovissimo gioco Metroid è quanto sia scomodo, l’atmosfera inquietante e il sublime senso di solitudine che segna il meglio della serie presente e corretta in Metroid Dread. La sezione di due ore che abbiamo giocato ha evidenziato le aree di apertura, la fredda e isolata Artaria che lasciava il posto al Cataris più industriale, alimentato da una fornace, dove il flusso di lava deve essere reindirizzato per trovare la strada da percorrere. Tuttavia, l’esplorazione in questo particolare Metroid ha una nuova brillante svolta.

Come suggerisce il nome, questo è un Metroid che si appoggia a quella suspense e al sottile orrore, la grande nuova meccanica qui è l’introduzione di Emmis – o identificatori mobili multiformi extraplanetari, se necessario. Pensa a loro un po’ come Mr. X di Resident Evil 2, nemici quasi indistruttibili che tracciano la tua posizione e ti danno la caccia, e per cui la tua unica vera opzione – almeno all’inizio – è correre o nascondersi se si trovano nelle vicinanze. Oh, e sembra che ce ne siano più di uno, rendendo l’esplorazione del pianeta ZDR davvero una cosa molto nervosa.

Il primo Emmi che incontri non è del tutto operativo, frizzante e scintille sul pavimento quando lo trovi con la sua armatura apparentemente assente. Offre una delicata introduzione al nemico che definisce Metroid Dread, ma le versioni completamente corazzate che seguono sono cose formidabili, che ti abbattono con un solo colpo se arrivano a portata di mano. Per fortuna gli Emmis pattugliano solo determinate aree, chiaramente contrassegnate sulla mappa e da un sottile drenaggio di colore quando entri nelle loro zone, anche se ovviamente sono queste zone che ospitano spesso i gadget, le abilità e i vari dispositivi di cui avrai bisogno per progredire nel tuo avventura. Dà a Metroid Dread, almeno in quelle prime due ore, un ritmo brillante mentre passi dall’esplorazione libera a lunghi momenti di pericolo, lavorando per superare in astuzia e superare in astuzia gli Emmis mentre ti danno la caccia e tu cerchi di sgattaiolare via.

Come Samus Returns prima di esso – il remake dello sviluppatore Mercury Steam di Metroid 2 del 1991, e quella che ora sembra una specie di prova generale per questa uscita Metroid molto più grandiosa – il combattimento ha un ping pulito a it, quindi quando sei costretto ad agire è dannatamente bello. I nemici più piccoli hanno la tendenza a precipitare Samus, aprendo una finestra per un rapido contatore che li espone a uccisioni rapide con un colpo raccontate con un delizioso zoom della telecamera e una pausa di colpo pesante. È anche il modo consigliato per affrontare la carne da cannone, poiché le eliminazioni ottenute in questo modo portano alla caduta di più risorse, missili o salute importantissima. E, naturalmente, sembra anche dannatamente fantastico.

Abbiamo avuto la fortuna di giocare a Metroid Dread in modalità portatile su un nuovo Switch OLED, dove quei colori risaltano davvero. Apprezzo molto il modo in cui i nuovi joy-con bianchi imitano anche l’estetica di questo nuovo Metroid.
4

Anche prima di aver sbloccato uno dei numerosi aggiornamenti Samus ha un arsenale leggermente esteso per aiutare la sua causa. La mira libera ora è possibile durante la corsa, e anche prima di ottenere la palla con metamorfosi c’è uno scivolo subacqueo che significa che puoi scivolare sotto certi piccoli spazi vuoti – una mossa vitale quando cerchi di sfuggire alle prese di alcuni Emmis all’inizio, e un anche piuttosto elegante mentre sgattaioli via all’ultimo secondo.

Alcune abilità sbloccate in seguito aiutano anche la tua lotta contro gli Emmis, come il Mantello Fantasma che apre efficacemente un’opzione furtiva. Fai clic con la levetta destra e Samus sarà completamente nascosto, l’unico aspetto negativo è che il suo movimento è limitato e che anche il potere della tuta è limitato: eseguilo e alla fine inizierà a indebolire la tua salute. Crea avventure deliziosamente tese, ed è un piacere vedere Metroid appoggiarsi all’aspetto horror che è sempre ribollito sotto la superficie dei giochi classici.

Alla fine è possibile abbattere gli Emmi, grazie all’accesso occasionale a un cannone Omega che può essere sbloccato in ogni zona Emmi, una sorta di arma a un colpo che è la tua unica risorsa contro questi nemici. Non che questo riduca la tensione: una volta che sei in grado di liberarti dalle armi, gli incontri mantengono quella suspense grazie al modo in cui devi caricare il cannone prima di scatenarlo, la vista si ritaglia elegantemente su una prospettiva da sopra le spalle come allinei il tuo scatto (e un gradito prestito, sembrerebbe, dalla tanto diffamata uscita ibrida Metroid: Other M).

4
Sembra Metroid Dread è a 60fps, almeno nella modalità portatile ci abbiamo provato. Che sia coerente o meno è qualcosa che il Digital Foundry deve divulgare – tutto ciò che dirò è che mi è sembrato super fluido.

Ci sono altre benvenute modifiche qua e là, come una nuova mappa che è più utile di quelle viste nelle voci precedenti, permettendoti di non solo posiziona indicatori di waypoint, ma evidenzia anche tutte le porte di un certo tipo. Ottieni l’accesso al raggio di carica, ad esempio, e sarai in grado di evidenziare tutte le porte che hai incontrato che hanno bisogno di quel raggio per sbloccarsi, eliminando così tanto il dolore del backtracking tipicamente associato alla serie.

È abbastanza per rendere questo un perfetto punto di ingresso per la serie se non hai mai giocato a un gioco Metroid prima – anche se data l’ubiquità del genere Metroidvania ha anche dato il suo nome, sei sicuramente di aver giocato a uno degli innumerevoli giochi ispirati a Metroid come Hollow Knight, Axiom Verge, Dead Cells o Ori. Essere in grado di tornare agli originali è più di una lezione di storia, tuttavia: è un’occasione per vedere una delle serie Nintendo più aggraziate, nette ed eleganti, e una che era stata trascurata per troppo tempo, prendere il suo posto torna alla ribalta.

Per i fan di ritorno come me che giocano ancora a Super Metroid una volta all’anno, la cosa più incoraggiante dopo due ore con Metroid Dread è come conserva e ripristina gran parte della magia della serie . È una ricostruzione rispettosa, ma anche abbastanza audace da lanciare nuove idee intelligenti, aggiungendo un ulteriore livello di tensione, orrore e atmosfera che sembrano semplicemente elettrici. In questo momento sembra che questo abbia tutte le possibilità di essere all’altezza dell’eredità di Metroid, il che non sarebbe affatto un’impresa da poco.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.