Recensione Cruis'n Blast

0

Un corridore straordinariamente divertente e contagiosamente energico che sarebbe potuto venire solo dalle sale giochi.

Una domanda che si presenta spesso da queste parti è dove hanno tutti i corridori arcade andato, e una risposta, si scopre, è accecantemente ovvia; li puoi trovare giù alla sala giochi. Cruis’n Blast, che è appena stato lanciato questa settimana, fa parte di quell’altra specie apparentemente in via di estinzione, un porting arcade che spinge il pilota gloriosamente esagerato del 2017 su Switch e uno che offre il tipo di intrattenimento sgargiante, assurdo e oltraggioso che molti di noi pino per dai nostri giochi di corse.

Forse è una sorpresa scoprire che i veri giochi arcade esistono anche in questi giorni ed età, ma se mai dovessi essere abbastanza fortunato da imbatterti in uno tu stesso vedi che sono in gran parte sostenuti da una sola società: Raw Thrills, un piccolo gruppo che opera a Skokie, nell’Illinois, sotto l’occhio vigile di un certo Eugene Jarvis. Sarà Eugene Jarvis, creatore di Defender e Robotron tra gli altri classici di tutti i tempi, perché mentre il mondo dei videogiochi si spostava dalla mischia fumosa della sala giochi, Eugene ha deciso di farne la sua casa per tutta la vita.

Ti sto dicendo tutto questo prima di arrivare alla stravagante azione arcade di Cruis’n Blast, le sue piste piene di calci piazzati che farebbero arrossire Fast & Furious e a cavalcioni di coppie di yeti di 50 piedi che si strappano pezzi l’uno dall’altro, perché sembra piuttosto importante capire cosa sia esattamente questo. Questo è il gioco di corse arcade che emerge dall’isola delle Galápagos della sala giochi stessa, il risultato di 30 anni di evoluzione isolata e un gioco che è diventato più rumoroso, sfacciato, in qualche modo ancora più orrendo. Che meraviglia da vedere!

Come l’originale Cruis’n USA, Blast è un racer punto a punto in cui l’enfasi, semplicemente, è sul divertimento. Supera una curva e raschia con grazia contro le estremità della pista; shunt in un nemico e probabilmente lo abbatterai in slow motion soddisfacente e pieno di scintilla, in stile Burnout. Non c’è una vera punizione per gli errori in Cruis’n Blast: si tratta solo di spingerti in avanti e lanciarti contro tutto ciò che può nel tentativo di suscitare un sorriso.

E buon Dio funziona. Mi piacerebbe parlarti dei brani, ma temo che sembrerò un bambino di 8 anni che racconta il film d’azione che i suoi genitori hanno lasciato che restassero alzati fino a tardi per guardare la scorsa notte. Ma comunque, ecco qui: vai a Londra e corri attraverso la parte superiore di un treno della metropolitana prima che si scontri con un altro, infilandosi nei raggi del London Eye mentre ruota liberamente attraverso la città, i suoi baccelli si liberano dalla ruota e rimbalzando lungo la pista. Vai a Los Angeles e una ciambella enorme si stacca da un caffè e attraversa il tuo percorso mentre corri dalla città al cantiere navale, invitandoti a saltare attraverso il suo buco. Corse precipitose attraverso il circuito della giungla, mentre spesso la pista cede sotto di te durante un salto che sfida la morte, solo così il tuo stomaco potrebbe girare un po’ più velocemente.

Se me lo chiedi, tutti i videogiochi dovrebbero assomigliare a questo.

Sottile non lo è, ed è servito in uno stile che potresti definire piacevolmente disgustoso, tutto neon abbagliante e metallo lucente che vortica insieme finché non ti sembrerà di giocare a un corridore che è stato messo attraverso un profondo filtro onirico. È uno stile che si estende a ogni parte di Cruis’n Blast, un gioco di corse in cui puoi dipingere la tua auto del colore che preferisci purché sia ​​​​un rivestimento cromato bicolore e i cui veicoli sbloccabili includono camion dei pompieri, UFO e unicorni.

È, per sua stessa natura, anche una cosa leggera: le cinque tracce dell’originale arcade sono sostenute da variazioni su di esse che compongono una serie di sei quattro gare tour, sbloccati gradualmente man mano che guadagni medaglie ogni volta. Ogni auto ha anche il proprio sistema di progressione, sbloccando aggiornamenti e kit corpo sporgenti, mentre le nuove auto vengono sbloccate raccogliendo le chiavi scovate in ogni livello. È una cosa rassicurante all’antica.

4
Cruis’n scatta a 60 fps sia in modalità docked che portatile e, sebbene non sempre arrivi fino in fondo, si avvicina abbastanza da non essere mai un problema.

E mentre l’esuberanza vince sempre sull’eleganza in Cruis’n Blast, c’è la bellezza al suo interno: la meccanica della deriva è piacevolmente elastica , permettendoti di incassare lunghe scivolate languidi per un po’ di potenza in più, il senso di velocità è elettrico anche nei momenti più pedonali di un evento e le collisioni, che sono molte, sono adeguatamente carnose.

Si potrebbe obiettare che dovrebbe esserci un po’ di più in offerta per il prezzo richiesto, e la mancanza di multiplayer online sembra un po’ strana (anche se c’è lo schermo diviso oltre che locale multiplayer se volessi creare qualcosa di un po’ più intimo), ma non mi sono mai sentito particolarmente cambiato. Cruis’n Blast offre 90 secondi di esplosioni di carneficina e gioia, consegnate con l’energia contagiosa che è alla base di gran parte del lavoro di Jarvis. Ecco un arcade racer che potrebbe essere nato solo nell’arcade stesso, e su Switch è uno degli esempi più consistenti della forma finora.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.