Diablo 2: Resurrected dev afferma che i giocatori dovrebbero “fare ciò che ritengono giusto” quando si tratta di acquistare il gioco

0

“È stato sicuramente molto preoccupante sentire questo tipo di cose.”

Il regista di Diablo 2: Resurrected afferma che i giocatori dovrebbero “fare ciò che ritengono giusto” quando decidono se supportare o meno l’editore Activision Blizzard acquistando il remake quando sarà in vendita la prossima settimana.

È il primo gioco la società ha rilasciato da quando le accuse di una cultura del lavoro “frat boy” presso Activision Blizzard sono state fatte dal California Department of Fair Employment and Housing, anche se è importante notare che lo sviluppatore principale qui è Vicarious Visions, che non è stato coinvolto né implicato nella denuncia legale.

“È stato decisamente molto preoccupante sentire questo tipo di cose”, ha detto il direttore del design Rob Gallerani Axios (grazie, VGC). “E volevamo davvero supportare i nostri colleghi e i nostri collaboratori.”

Gallerani ha aggiunto che la direzione dello studio ha invitato i dipendenti a fornire un feedback su come può supportare meglio il proprio personale, aggiungendo che mentre aveva “sentito molte cose davvero positive”, era importante che la direzione “deve continuare a chiedere sempre”.

È interessante notare che, sebbene la controversia abbia visto Blizzard perlustrare i suoi giochi alla ricerca di contenuti problematici come riferimenti a ex dipendenti implicati nella causa per molestie sessuali, secondo quanto riferito non sono stati riscontrati problemi di questo tipo in Diablo 2: Resurrected , anche se il suo guerriero amazzone è stato modificato per renderlo meno sessualizzato.

“Molti di questi punti di vista pesano molto su di noi”, ha detto Gallerani, che ha apportato la modifica per garantire che i personaggi apparissero come guerrieri e non persone che erano “uscite da una discoteca”.

ICYMI, i dipendenti di Activision hanno intentato una nuova causa contro Activision Blizzard accusa l’azienda di usare “tattiche coercitive” per prevenire gli sforzi organizzativi per migliorare le condizioni di lavoro.

Come Matt riferì all’epoca, le accuse venire in mezzo a azione legale in corso da parte del California Department of Fair Employment and Housing relativa a molestie sessuali, discriminazione e una “fratta” boy” cultura del lavoro alla Blizzard. Sebbene la società abbia contestato l’accusa, più di 2000 dipendenti attuali ed ex Activision Blizzard hanno firmato una petizione che descrive la risposta iniziale e ampiamente criticata dell’azienda alla causa come “aberrante e offensiva”, con successiva azione di sciopero vedendo più di 500 lavoratori sciopero e “centinaia” più partecipare virtualmente in tutto il mondo nel tentativo di migliorare le condizioni di lavoro.


Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.