Recensione PlayStation 5 CFI-1100: meglio o peggio della console di lancio?

0

C’è un nuovo modello di PlayStation 5 sul mercato: un’unità della serie CFI-1100 che sostituisce il modello di lancio CFI-1000. Ho già condiviso le prime impressioni sulla macchina, scoprendo che in tutti i termini pratici, non c’è alcuna differenza significativa tra la vecchia e la nuova PS5. Tuttavia, rimangono domande sulle decisioni prese in come Sony ha consegnato questa nuova versione di PlayStation 5 e, in definitiva, se c’è davvero una vera differenza tra loro, soprattutto in termini di implicazioni a lungo termine. Fondamentale, se il gruppo di raffreddamento è stato oggetto di una strategia di riduzione dei costi, la macchina diventa più calda e, in caso affermativo, fino a che punto è effettivamente importante?

Per valutare la PlayStation 5 da tutte le dimensioni, ho passato un po’ di tempo a ideare una serie di test sulle prestazioni della console, confrontando il nuovo modello CFI-1100 con una macchina di lancio. Questo si è rivelato un po’ più impegnativo di quanto si possa immaginare perché fondamentalmente uno dei più grandi successi della nuova ondata di console è che le prestazioni di gioco sono generalmente eccellenti. Ottenere numeri significativi è un caso di isolamento di situazioni ripetibili in una serie di giochi in cui possiamo sbloccare il frame-rate o provocare cali prolungati al di sotto dei 60 fotogrammi al secondo. In teoria, questo test dovrebbe essere del tutto superfluo, perché il punto centrale di una console è che tutte le macchine dovrebbero funzionare esattamente allo stesso modo. Detto questo, mi è venuto in mente che PlayStation 5 ha un boost clock e mentre la sua implementazione come descritto da Sony dovrebbe garantire risultati coerenti da una macchina all’altra poi, questo non è mai stato completamente testato. Nel frattempo, alcuni utenti credono erroneamente che il boost clock sia simile a un’implementazione per PC, che regola le frequenze in base alle temperature, quindi perché non metterlo alla prova e mettere a tacere l’intera faccenda una volta per tutte?

La seconda dimensione del test si riduce alla composizione hardware della macchina stessa e dopo il mio rapporto iniziale , sono stato contattato da Steve Burke di Gamers Nexus per vedere come trovare una macchina da testare. Gamers Nexus è rinomato per la qualità della sua analisi approfondita dell’hardware e nessuno è più approfondito nei test dell’hardware, quindi sono stato felice di inviare la mia unità, che Steve ha prontamente ridotto all’essenziale. La completezza del lavoro è tale che, anche se sono emersi altri rapporti sull’hardware dal video originale di Austin Evans che ha dato il via alla controversia, i risultati di Gamers Nexus sono i più ampi ed esaustivi. Voglio dire, Steve ha persino creato una PS5 “Frankenconsole” per confrontare le temperature della stessa scheda utilizzando sia il gruppo di raffreddamento originale che quello rinnovato, eliminando le potenziali differenze causate dalla lotteria del silicio (dove non ci sono due chip che lasciano la linea di produzione sono totalmente identici). Nel processo, apprendiamo anche di più sulle modifiche apportate da Sony alle parti interne della macchina.

Abbiamo messo insieme un video che parla del nuovo modello PlayStation 5, con l’analisi dell’hardware di Gamers Nexus.

Per l’utente finale, però, le differenze tra le vecchie e le nuove PlayStation 5 e a dir poco minime. La nuova macchina è infatti più leggera di circa 300 g, ma le dimensioni fisiche sono le stesse ed è ancora un’unità pesante. C’è un piccolo miglioramento della qualità della vita, tuttavia, e sì, è la famigerata nuova vite per il supporto. Ciò consente di fissare il supporto abbastanza facilmente a mano senza la necessità di un cacciavite. Se incoraggia gli utenti ad attaccare il supporto, è una buona cosa. Nei test di Gamers Nexus, l’aggiunta del supporto fornisce un grado di raffreddamento aggiuntivo, sebbene anche la rimozione dei pannelli laterali sia vantaggiosa.

Internamente, il video incorporato di seguito da Gamers Nexus dovrebbe dirti tutto quello che c’è da sapere sulle prestazioni del nuovo dissipatore, ma forse la cosa più importante è che Sony non ha solo sostituito il gruppo termico, ma ha anche regolato la scheda madre stessa e la piastra di base. I punti salienti dei giorni di test sono relativamente semplici: c’è un miglioramento delle temperature sui regolatori di tensione, le temperature della memoria sono migliori per alcuni aspetti e peggiori di altre (ma ancora solo pochi gradi di differenza nel complesso) e mentre il processore principale potrebbe benissimo qualche grado più caldo, non ci sono prove che questo presenti qualcosa di cui preoccuparsi, supponendo che tu stia mantenendo la tua PS5 in un’area ben ventilata. Come con qualsiasi altro hardware di gioco moderno, racchiudere la console in qualcosa come un cabinet multimediale è fondamentalmente una pessima idea, motivo per cui mi sono sentito obbligato a includere alcuni test su questo nella mia analisi di gioco sulla nuova macchina.

Altrove, la nuova PlayStation 5 ha caratteristiche simili a quella vecchia. Mi ha incuriosito apprendere che le temperature della ventola sono dettate dalla potenza assorbita dal processore e non dalla temperatura effettiva del chip stesso. Ho notato che la nuova PS5 sembrava un po’ più rumorosa delle mie unità di lancio, ma secondo Steve di Gamers Nexus, questo è del tutto normale – e anche tra PS5 della stessa generazione, può esserci una variazione per unità nella velocità della ventola di circa 100 giri, spiegando la differenza. C’è quindi la sensazione che la PS5 funzionerà alla velocità necessaria per mantenere le prestazioni del sistema e, curiosamente, anche se diventa molto più caldo, le ventole non si avviano. Se la macchina raggiunge temperature non sicure, si spegne automaticamente. L’uso generale della ventola è curioso: Sony è molto prudente nel suo utilizzo e il raffreddamento potrebbe essere migliorato con solo un minimo cambiamento nell’acustica. La conclusione generale è che garantire un’esperienza tranquilla sembra essere la massima priorità di Sony.

Ecco un tuffo nel nuovo hardware PlayStation 5, per gentile concessione di Games Nexus.

Per quanto riguarda i test di gioco, ho cercato di essere il più accurato possibile, scegliendo una gamma di titoli in cui possiamo monitorare in modo affidabile – e ripetere – i cali di prestazioni da una PlayStation all’altra prossimo. Le uniche variazioni misurabili che sono riuscito a trovare sono state il fatto che uno dei miei modelli di lancio PS5 utilizzava il firmware beta, mentre la mia macchina CFI-1100 utilizzava invece il firmware al dettaglio. L’eliminazione dell’unità del firmware beta ha visto la nuova PS5 funzionare praticamente in modo identico all’altra mia PS5 di lancio. Da ieri, tutte le console PlayStation 5 aggiornate all’ultimo software di sistema e tutte le varianti sono scomparse. Nell’avvicinare le prestazioni di PS5 sia in termini di analisi del boost clock che di test della console a caldo, ho isolato aree in Godfall, Devil May Cry 5 Special Edition, Resident Evil Village, Control e Marvel’s Spider-Man: Miles Morales dove potremmo replicare rendering del gioco che è sceso sotto i 60 fotogrammi al secondo.

Sono state eseguite più esecuzioni per stabilire quanto fossero stabili queste scene sulla stessa macchina (alcune aree di alcuni titoli variavano leggermente da una corsa all’altra) e poi ho confrontato al CFI-1100. Il risultato finale è che il CFI-1100 ha funzionato esattamente come ci aspetteremmo – e per coloro che sono preoccupati che il boost clock possa tornare indietro a temperature elevate, ho anche messo la nuova PS5 in un cabinet multimediale con poco flusso d’aria, l’ho fatto funzionare con la console consumando oltre 200 W per due ore e poi confrontandolo di nuovo, non trovando alcuna differenza, nonostante la console stessa fosse molto calda al tatto quando l’ho recuperata dal cabinet e fosse effettivamente calda sullo scarico posteriore. La PS5 continuerà a funzionare finché non raggiunge una temperatura massima specifica e poi si spegnerà da sola, ma in base ai miei test, non diventerà progressivamente più lenta nel modo in cui, ad esempio, una CPU o una GPU per PC lo faranno.

Quindi, in definitiva, spero che questo test metta a tacere la questione della nuova PlayStation 5 una volta per tutte, e la linea di fondo è che posso sostenere con fiducia il mio risultati del test. Sì, il design più fresco della nuova PlayStation 5 è stato semplificato sotto alcuni aspetti e sì, i risultati della temperatura interna suggeriscono che mentre è più fredda in alcuni casi, la macchina può diventare più calda in altri. Alla domanda fondamentale se la nuova PS5 sia migliore o peggiore del modello di lancio si può rispondere dicendo che sono per lo più simili, sicuramente in termini di esperienza dell’utente finale. Alcune persone hanno chiesto se dovrebbero cercare attivamente di acquisire una console più vecchia, ma alla fine la nuova macchina va bene, e questa è una buona notizia tenendo presente quanto sia difficile acquisire qualsiasi PS5, per non parlare di un lancio modello che ha probabilmente raggiunto la fine della sua corsa di produzione.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.