Modalità grafiche di Deathloop PS5 a confronto: qual è il modo migliore per giocare?

0

Arkane è tornato – e non è un segreto che Digital Foundry ammiri enormemente il tipo di esperienza di simulazione immersiva in cui questo studio è specializzato, offrendo ai giocatori un tipo di gioco basato sugli obiettivi ma a forma libera con molti segreti per scoprire e variare percorsi attraverso ogni fase. La stessa meccanica “deathloop” vede il giocatore “riavvolgere” a un momento precedente nella missione ogni volta che muori, e dopo due “riavvolgi”, il livello ricomincia con il loadout predefinito del giocatore. È divertente, è veloce, fa riflettere, incoraggia la sperimentazione e la scoperta e anche la narrativa generale è eccellente. È un gioco che abbiamo imparato ad amare durante il periodo della recensione e vale la pena dare un’occhiata.

Curiosamente, mentre Deathloop potrebbe essere un’esclusiva per PC e PlayStation 5, non è esattamente un regresso confini tecnologici, e va bene così. Al di là dell’estetica stilizzata e splendidamente realizzata, mi sono piaciuti alcuni degli aspetti tecnici, tra cui le mappe di occlusione di parallasse altamente dettagliate sulle trame del terreno, insieme alla qualità delle animazioni delle armi in prima persona. È anche interessante notare che l’effetto di ricarica della profondità di campo visto in Criterion’s Black (e mai più visto!) fa un ritorno per Deathloop. Alla fine, tuttavia, Deathloop ha successo non grazie alla sua tecnologia, ma piuttosto in termini di design del gioco, arte eccellente e senso di rifinitura generale.

Alex Battaglia e John Linneman condividono i loro pensieri su Deathloop e le sue varie opzioni grafiche.

In linea con molti altri titoli dell’era attuale, gli utenti di PlayStation 5 hanno accesso a tre diverse modalità di rendering nel gioco. Facilmente la scelta migliore del lotto è la modalità prestazioni a 60 fps. Agganciarsi a quel target richiede – forse inevitabilmente – l’uso del ridimensionamento dinamico della risoluzione, dove il tipico intervallo DRS tende ad essere in una finestra da 1296p a 1440p, anche se i valori minimi possono scendere a 1080p nelle scene più stressanti (le aree più basilari sembrano raggiungere un massimo di 1620p). Le prestazioni sono state effettivamente a 60 fps bloccati per la stragrande maggioranza del tempo che ho trascorso a giocarci e le uniche eccezioni sono i leggeri balbettii che interagiscono con elementi come i pad delle porte (non è un problema dato che la fotocamera è statica, lo noti a malapena). È un valore anomalo, ma ho avuto un calo delle prestazioni una tantum con una maggiore balbuzie esibita, ma non ho potuto replicarlo nei playthrough successivi. In definitiva, i 60 fps hanno evidenti vantaggi di gioco, il livello generale di coerenza è eccellente ed è il mio modo preferito di giocare.

Le due modalità alternative sono opzioni valide ma, a mio avviso, ci sono problemi con loro. Ciò inizia con la modalità di qualità dell’immagine che è essenzialmente la stessa da un punto di vista visivo dell’alternativa per le prestazioni, ma mantiene una risoluzione più bassa possibile di 1836p, completa di un frame rate sbloccato. DRS è ancora in gioco, ma 1836p è di gran lunga la variabile più comune. Solo nelle scene più basilari raggiungi i 60 fps, altrimenti sei negli anni ’50 e persino negli anni ’40 nelle aree più trafficate, il che rende l’esperienza insoddisfacente e incoerente. Detto questo, la qualità dell’immagine è abbastanza decente e in condizioni di soggiorno, passa come un’esperienza 4K completamente praticabile. È interessante notare che ho il sospetto che la tecnologia FidelityFX Super Resolution di AMD sia utilizzata per l’upscaling in tutte le modalità – e nelle modalità a risoluzione più elevata, funziona abbastanza bene.

Infine, c’è un’opzione di ray tracing a 30 fps, in cui le ombre del sole RT e l’occlusione ambientale vengono aggiunte al mix. Questa modalità limita le prestazioni a 30 fps e mentre il gioco può raggiungere le vette della risoluzione 4K nativa, il DRS è ancora in gioco e, ancora una volta, sembra che 1836p possa essere il valore minimo. Visivamente, le scene all’aperto in particolare sembrano completamente trasformate con gli effetti RT al punto che artefatti chiari ed evidenti con le mappe delle ombre standard in alcuni scenari suggeriscono che RT è il modo preferito dallo sviluppatore per vivere il gioco. L’occlusione ambientale RT funziona brillantemente nel mettere a terra gli oggetti all’interno dell’ambiente, mentre le alternative post-processo sembrano invece farli brillare quasi in modo innaturale. Il problema con la modalità 30fps non è il limite di 30fps in quanto tale, ma piuttosto un frame pacing incoerente, qualcosa che non abbiamo visto nei recenti titoli di Arkane e qualcosa che spero davvero di vedere risolto.

In definitiva, Deathloop è un gioco eccellente e, secondo me, uno che funziona meglio su PS5 con la modalità prestazioni a 60 fps, ma è bello avere almeno più opzioni disponibili. La modalità di qualità dell’immagine potrebbe trasformarsi in un po’ vincente se e quando Sony deciderà di aggiungere il supporto per la frequenza di aggiornamento variabile alla sua console e mentre la modalità a 30 fps non raggiunge l’obiettivo qui e ora, non dovrebbe esserlo troppo difficile risolvere i problemi di frame pacing del gioco.

Oltre alla versione PlayStation 5, sto anche dando un’occhiata alla versione PC del gioco e mentre sto ancora raccogliendo dati, noto che sembra esserci qualche iniziale lamentele sulla performance da parte del pubblico. Come puoi immaginare, se una PS5 sostiene i 60 fps utilizzando lo scaling dinamico della risoluzione a meno dell’ultra preset del PC, potresti immaginare che sia un gioco impegnativo, e in una certa misura lo è. Le prestazioni di PS5 in modalità non RT sembrano scalare in linea con una Radeon RX 5700 XT o una GeForce RTX 2070 Super, per darvi un’idea del carico complessivo della GPU. Fino a quando il mio test non sarà completo, suggerirei solo di sperimentare con le impostazioni e di non aver paura di tornare a livelli molto alti o alti in alcune aree. Inoltre, anche puntare a un frame rate impostato e utilizzare le opzioni di ridimensionamento dinamico della risoluzione del gioco può migliorare l’esperienza. Ne parlerò in modo più approfondito presto, ma nel frattempo, per i possessori di PS5 che desiderano immergersi, Deathloop è altamente raccomandato.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.