Sonic Origins: i difetti e il prezzo elevato rendono la vendita difficile

0

Quella che avrebbe potuto essere la migliore compilation di Sonic fino ad oggi ha bisogno di un lavoro supplementare.

Le avventure originali di Sonic the Hedgehog a 16 bit sono considerate tra i migliori giochi della storia di Sonic e, a mio parere, tra i migliori giochi mai realizzati. Dalla loro apparizione originale, sono state riproposte molte volte, il più delle volte come poco più che emulatori abbinati alle ROM originali. Sonic Origins è però diverso: una suite completamente ricostruita dei giochi originali a 16 bit utilizzando il Retro Engine, la stessa tecnologia che ha alimentato il brillante Sonic Mania. Questa versione include persino Sonic 3 e Knuckles, una rarità la cui inclusione rende questa una delle uscite di Sonic più interessanti da molto tempo a questa parte. Sonic Origins ha molto da offrire, ma c’è sempre il potenziale per i problemi, e purtroppo Origins ne ha alcuni.

Sonic Origins mi ricorda Sonic Jam per il Sega Saturn, la prima raccolta completa che portava ciascuno dei giochi originali del Mega Drive su una nuova piattaforma, con un’enorme selezione di materiale bonus tra cui video, musica e illustrazioni. Si tratta quindi di Sonic Jam 2: tutti i giochi a 16 bit, più Sonic CD, circondati da un’ampia gamma di materiale bonus e modalità di gioco alternative progettate per ampliare la formula.

Per esplorare questo materiale, si attraversano sei isole: quattro rappresentano i giochi chiave del pacchetto, mentre le altre offrono funzioni bonus, tra cui una galleria di filmati, illustrazioni e un jukebox completo. L’intero front-end è stato creato utilizzando il motore proprietario Hedgehog Engine di Sonic Team, lo stesso che alimenta molti dei suoi giochi, tra cui Sonic Forces e Sonic Generations. Quando si avvia uno dei giochi, i giochi alimentati dal Retro Engine vengono visualizzati come una superficie all’interno dell’interfaccia utente del gioco. Si tratta di un approccio già visto in numerose altre raccolte retro, ma in questo caso presenta degli svantaggi.

La nostra recensione tecnica di Sonic Origins è presentata qui in forma di video.

La prima e più grande preoccupazione è che i giochi vengono renderizzati sullo schermo utilizzando un filtro bilineare, con conseguente ammorbidimento dei bordi dei pixel. Sonic Mania offre quattro opzioni di visualizzazione per risolvere questo problema, tra cui un paio di filtri CRT e un’opzione di scala netta, ma queste opzioni non sono disponibili in Origins e la riduzione della nitidezza è significativa. c’è un’opzione denominata “anti-aliasing”, ma questa degrada ulteriormente la qualità dell’immagine, dando luogo a una presentazione inaccettabilmente sfocata.

L’altro grande inconveniente del front-end è presente nella versione Switch. In questo caso, si ottiene solo una presentazione a 30fps e una qualità dell’immagine sfocata, ben lontana dai 4K a 60fps di PS5 o Series X. Questo riduce la fluidità complessiva della navigazione nei menu su Switch; tutto sembra lento e sfocato. Anche alcuni dei bellissimi video animati inclusi non sono stati scalati correttamente su Switch, il che è un peccato.

sonic origins vs sonic mania (filtering)
In Sonic Origins manca un’opzione di scala acuta, a differenza di Sonic Mania.
sonic origins vs sonic mania (anti-aliasing)
L’impostazione dell’anti-aliasing non sembra appropriata per questo gioco.

Ci sono anche altri problemi. Nell’elenco musicale compaiono errori di battitura, i nomi dei brani non sono corretti e i livelli di volume sono troppo bassi – eppure i videoclip di Sonic CD sono significativamente più rumorosi di qualsiasi altra cosa nel gioco. Inoltre, Sonic CD nasconde le opzioni, come la selezione della colonna sonora, all’interno del proprio menu, che sembra essere stato inserito dalla versione originale del 2011 del gioco e che, di conseguenza, risulta incoerente. Sebbene l’interfaccia utente sia attraente, ci sono errori evidenti che avrebbero dovuto essere risolti prima del rilascio. L’unica buona notizia è che se state giocando su PC, la comunità di modding ha già risolto il problema principale, ripristinando le opzioni di visualizzazione di Sonic Mania. Possiamo solo sperare che Sonic Team ascolti il feedback e risolva i problemi in una futura patch per le versioni console.

Fortunatamente, i giochi stessi sono l’attrazione principale e sono generalmente prodotti con standard elevati utilizzando il Retro Engine. Sono supportati i rapporti d’aspetto nativi 16:9, con un FOV più elevato e incontri con i boss modificati di conseguenza, ed è stato eliminato il rallentamento, un problema ricorrente sull’hardware originale. Sonic viene invece presentato a 60 fps stabili. Anche i bonus e gli stage speciali hanno un aspetto più fluido, gli anelli sparsi svaniscono grazie all’alpha blending e la colonna sonora dei primi due giochi è stata rimasterizzata con un audio più pulito. Ci sono anche nuovi contenuti: la Hidden Palace Zone nella Mystic Cave Zone di Sonic 2 è ora un vero e proprio stage bonus che riproduce l’aspetto del livello precedentemente incompiuto.

Anche se i giochi precedenti sono ottimi, Sonic 3 and Knuckles è la grande novità di questo pacchetto, avendo non ricevuto in precedenza una conversione Retro Engine. In apparenza si tratta di un porting robusto con molte nuove funzionalità e, più si guarda da vicino, più si notano piccoli aggiornamenti che rendono il gioco più bello che mai, dagli effetti d’acqua aggiornati sullo schermo ai fotogrammi di animazione aggiuntivi per gli anelli bonus. Gli oggetti che si basano sulla rotazione, come le liane e le teleferiche, sono stati aggiornati con una vera rotazione per pixel, che consente un movimento più fluido, mentre gli stage speciali della sfera blu sono stati aggiornati in modo da corrispondere a Sonic Mania con un’animazione decisamente più fluida. Ci sono molte altre piccole modifiche e cambiamenti in tutto il gioco, che lo fanno sembrare accuratamente curato, nonostante alcuni problemi che toccheremo a breve.

sonic origins classic mode
La modalità classica offre un formato 4:3 e il vecchio sistema di vite.
sonic origins mirror mode
La modalità specchio è un modo divertente per riscoprire i livelli familiari.

Uno dei cambiamenti più significativi riguarda la musica. Una buona parte della colonna sonora originale di Sonic 3 è stata apparentemente creata grazie alla collaborazione tra Michael Jackson e Brad Buxer, ma questo ha creato problemi che hanno impedito a Sonic 3 di essere ripubblicato per anni. La soluzione a questo problema per la nuova versione è stata quella di sostituire questi brani con la musica trovata per la prima volta in una versione prototipo di Sonic 3. Questi brani sono stati poi utilizzati nel gioco per PC. Questi brani sono stati poi utilizzati nella versione PC di Sonic 3 e Knuckles, dove sono stati riarrangiati come tracce MIDI, e ora sono stati ricreati per Sonic Origins. Ritengo che i nuovi arrangiamenti siano un passo indietro rispetto a quelli presenti nella versione prototipo di Sonic 3, ma sono comunque validi. Tuttavia, le musiche presenti in Sonic 3 e Knuckles sono più ovattate rispetto alle tracce rimasterizzate incluse nelle conversioni Retro Engine di Sonic 1 e 2, il che è deludente.

Al di là dell’audio, tuttavia, tutti questi porting hanno ricevuto caratteristiche di gioco aggiuntive: la mossa drop dash di Sonic Mania è stata inserita, anche se la sua implementazione non è all’altezza, e sono disponibili anche le modalità missione, combinazione e specchio. Ci sono anche altre piccole modifiche al gameplay, ma niente di così significativo come le modalità facile e normale implementate in Sonic Jam su Sega Saturn, dove sono stati modificati elementi come gli spuntoni e i nemici. È disponibile anche una modalità classica, con un rapporto d’aspetto fisso di 4:3 e il vecchio sistema di vite, ma non è possibile avere l’uno senza l’altro.

A questo punto, a parte il filtro bilineare, le cose sembrano abbastanza buone, ma sfortunatamente Origins presenta un discreto numero di bug. La maggior parte di essi non è in grado di interrompere il gioco, ma il loro numero incide sull’esperienza complessiva. Ad esempio, in Sonic 2, Tails si blocca mentre si attraversa il livello e si sente il suo effetto sonoro di salto ripetersi all’infinito, diventando un’enorme fonte di fastidio. In Sonic 3, l’arrivo del boss di metà livello tre provoca la caduta di detriti dallo schermo, che continua fino alla morte o all’ingresso in una fase speciale, invece di fermarsi quando il boss viene sconfitto. Più avanti, nella Marble Garden Zone, è possibile superare la telecamera e morire. Potrei continuare, ma il punto è che a questo gioco mancano le rifiniture che abbiamo visto in altri progetti basati sul Retro Engine.

sonic origins screenshot - death
Nella Marble Garden Zone di Sonic 3, è possibile superare il livello e morire: uno strano bug.

Quindi, dove ci porta tutto questo? Da un lato, i glitch e i problemi di presentazione sono frustranti: la sensazione è quella di un gioco non rifinito, difficile da ignorare del tutto. Tuttavia, si tratta pur sempre di versioni Retro Engine complete dei classici giochi di Sonic, il che ne fa una delle riedizioni più interessanti. Personalmente non ho alcun interesse per l’emulazione in questo caso, dato che sceglierò sempre le versioni originali per cartuccia, ma il rapporto d’aspetto più ampio, gli stage speciali migliorati e i contenuti bonus rendono il gioco piacevole, per non parlare del bassissimo input lag.

Se Sonic Team riuscisse a risolvere questi problemi tecnici, Origins sarebbe facile da consigliare, ma con i suoi difetti e il prezzo elevato, è difficile da vendere. In realtà, sembra che Sega debba rallentare un po’: le ultime tre riedizioni retrò sono state tutte accompagnate da problemi tecnici che avrebbero dovuto essere risolti prima del lancio. Rischiano di bruciare i loro clienti con prodotti come questo e spero che inizino a rendersene conto prima che sia troppo tardi. Sonic Origins avrebbe potuto essere la migliore compilation fino ad oggi ma, allo stato attuale, c’è ancora molto lavoro da fare.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.