[Recensione di Digimon Survive per Nintendo Switch

0

Digimon è uno dei franchise più grandi e conosciuti al mondo . Ha anche una sua nicchia all’interno dei videogiochi, ci sono tutti i tipi di generi e l’ultimo di questi è quello che ci porta qui oggi: Digimon Survive.

Questa volta Digimon Survive ha una nuova proposta per i giocatori, ha voluto dare una svolta al franchise videoludico e portare una visual novel mista a un gioco di combattimento a turni nello stile più puro.

Sviluppato dallo studio Witchcraft e distribuito da Bandai Namco, il gioco è stato pubblicato il 28 luglio per Nintendo Switch, Xbox, PlayStation e PC. Le voci sono in giapponese, ma ha tutti i testi tradotti in spagnolo.

Dobbiamo partire dal fatto che si tratta di una graphic novel, questa è la sua caratteristica principale e non dobbiamo dimenticarla in nessun momento. Ci viene presentata la storia di un gruppo di adolescenti che sono amici e per alcuni motivi finiscono per imbattersi nei Digimon.È una proposta rischiosa, ma la storia è davvero interessante e si finisce per essere catturati.

La storia è davvero sorprendente sotto molti aspetti, perché ci dà una prospettiva unica del mondo dei Digimon. Non solo, ma tratta temi piuttosto intimi e delicati, sulla società o su alcuni problemi psicologici, il che lo rende un gioco piuttosto adulto. È una visual novel, quindi la storia è il suo pilastro principale, questo dovrebbe essere chiaro.

Come abbiamo già detto, è una visual novel e, quindi, si basa anche sul processo decisionale. In alcuni momenti della storia ci verrà chiesto di scegliere una delle opzioni proposte. Queste decisioni saranno fondamentali per dipanare gradualmente la storia, oltre che per aumentare o diminuire la nostra affinità con i diversi personaggi. Pertanto, le decisioni condizioneranno, in parte, la trama del nostro gioco.

I dialoghi sono davvero interessanti e profondi, si combatte, sì, ma il gioco è principalmente incentrato sulla storia. Il processo decisionale sarà l’arma chiave dell’intera partita. Infatti, il gioco ha cinque finali diversi a seconda delle nostre decisioni.

Le decisioni saranno basate su: rabbia, armonia o moralità, anche se ci saranno momenti in cui avremo una o due altre opzioni, ma queste sono le principali. A seconda di ciò che scegliamo, la storia progredirà in una direzione o in un’altra. Avere diversi finali rende il gioco ampiamente rigiocabile, il che lo rende ancora più interessante in questo senso.

In Digimon Survive ci sarà anche una parte di esplorazione, ma con quel tocco di romanzo, per cui la meccanica è un po’ particolare.

Nell’area in cui ci troviamo ci daranno la possibilità di esplorare, infatti, la storia stessa segnerà questa funzione. Si aprirà il nostro terminale informativo e lì vedremo le diverse aree a cui possiamo accedere, ci indicherà se ci sono personaggi con cui parlare, anche aree specifiche per allenare i nostri digimon e farli salire di livello, ma servirà anche per poter ottenere nuovi compagni di squadra.

Oltre a essere una visual novel ha anche la sua parte di combattimento classico a turni, in cui l’essenza non viene persa, ma a volte diventa un po’ lento. I digimon hanno solo due attacchi, uno di base e uno speciale. Naturalmente abbiamo due opzioni, muoverci o combattere, anche se abbiamo aggiunto anche l’opzione di parlare, che è quella di incoraggiare un compagno di squadra e quindi avere un rinforzo di attacco, che renderà il turno di quel digimon che si può colpire più duramente.

In certi momenti, come abbiamo aggiunto nella fase di esplorazione, possiamo fare in modo che alcuni digimon si uniscano ai nostri ranghi e questa dinamica è abbastanza interessante. Trattandosi di un gioco con una forte trama scritta, anche per unire i Digimon ai vostri ranghi si utilizzerà la meccanica del dialogo e dovrete convincerlo ad unirsi a voi.

Come ogni cosa, ha anche il suo livellamento e le sue statistiche per vedere i progressi dei nostri Digimon e sapere così quali sono forti o deboli. Insieme a questo, in alcuni momenti della storia apparirà l’opzione della digievoluzione, perché avremo bisogno di forza extra per poter sconfiggere i nostri nemici. Questa è senza dubbio una delle migliori opzioni in combattimento, in quanto vi darà una possibilità quando le cose si fanno davvero complicate.

Il punto di forza principale di questo gioco è la sua storia, circa il 70% del gioco è la storia, il restante 30% sarà la parte di combattimento; questo è qualcosa che dovrebbe essere molto chiaro al giocatore.

Per questo, insieme ai dialoghi, hanno aggiunto un’interessante meccanica per indagare su alcune aree che possono presentare anomalie per scoprire cosa sta succedendo. Questo significa che quando ci si trova in una certa area, in attesa di parlare con un personaggio, bisogna tenere d’occhio il retro dello stage per controllare se c’è qualche tipo di “anomalia”.

Si farà attraverso la fotocamera del nostro telefono ed è un’opzione che avremo praticamente sbloccata dall’inizio del gioco. È davvero interessante e piacevole da usare per scoprire alcuni segreti.

Una visual novel davvero bella, ben curata e con una storia profonda. È una proposta rischiosa e, pertanto, manca nella parte di combattimento. Queste diventano lente e monotone, con poche opzioni. Ma è vero che, a parte questo, la storia vi catturerà dall’inizio alla fine, facendovi entrare in contatto con ogni personaggio e facendovi venire voglia di continuare a giocare ancora un po’ per avanzare nella storia.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.