Perché il cielo è blu e altre domande curiose sulla natura che probabilmente ti sei chiesto a un certo punto

0

Gli esseri umani sono, per natura, una specie estremamente curiosa . Questo, insieme al nostro meraviglioso cervello, è ciò che ci ha impedito di evolvere.

La curiosità è innata fin dall’infanzia, e questo ci porta a fare tutti i tipi di domande . A volte sono molto semplici e diretti, ma non sono facili da capire. E non sempre ci preoccupiamo di cercare la risposta.

Uno dei più ricorrenti è: Perché il cielo è blu? Ma ce ne sono molti altri. Proviamo a rispondere a 10 domande curiose sulla natura. Quante sei capace di indovinare da solo?

Kindle

Kindle

Questo e-reader è il lettore di e-book più conveniente di Amazon. Pesa poco e ora include anche una caratteristica molto ricercata come lo schermo retroilluminato.

Abbiamo cercato di spiegare tutto in un linguaggio semplice, affinché tutti possano capire , senza entrare in concetti tecnici o scientifici.

L’idea è che non dovremmo mai più fare queste domande… O che possiamo spiegarli ai bambini in modo che li capiscano, e tu sembrerai una persona saggia e intelligente che sa tutto…

Domande curiose sulla natura

Perché il cielo è blu?

Questa è una delle domande che i bambini fanno di più, ma a cui molti adulti non sanno rispondere: Perché il cielo è blu?

Anche se noi vediamo la luce del Sole come una luce bianca, in realtà la luce è composta da tutti i colori dell’arcobaleno.

Quando i raggi del Sole raggiungono la Terra, penetrano l’atmosfera, che è fatta di gas e particelle.

La luce si disperde quando colpisce queste particelle, separandosi nei diversi colori , come succede quando la luce passa attraverso un prisma:

La luce viaggia per onde e ogni colore ha una lunghezza d’onda diversa .

La luce blu ha le lunghezze d’onda più corte , e questo la fa disperdere più del resto nell’atmosfera . Ecco perché il cielo ha un colore prevalentemente blu.

Perché il tramonto è rosso?

La spiegazione di cui sopra ci aiuta a rispondere a un’altra domanda curiosa sulla Natura. Perché i tramonti sono rossi e arancioni?

Abbiamo visto come l’atmosfera disperde i colori che formano la luce. Quando il sole è più alto, all’alba o durante il giorno, la luce blu è la più diffusa, perché ha una lunghezza d’onda più corta, e quindi si vede di più.

Al tramonto, il sole ha cambiato la sua posizione e la sua luce deve passare attraverso più atmosfera per raggiungere i nostri occhi. Questo fa sì che la luce blu si disperda così tanto da risultare quasi sfocata, e il rosso e il giallo sfondano , diventando i colori predominanti.

Sappiamo già che il colore del cielo dipende dall’atmosfera. Poiché l’atmosfera su Marte è molto più sottile e ha particelle diverse, durante il giorno il cielo è arancione, e il tramonto è blu….

Perché, se la Terra è rotonda, nessuno è sottosopra o cade “verso il basso”?

Se la Terra è rotonda (in realtà è sferica), perché la vediamo tutta piatta? Perché quelli che vivono al Polo Sud non sono a testa in giù, o non cadono ?

In effetti, la Terra è sferica, ma nessuno cade perché la forza di gravità ci tira verso il suolo . È una forza che aumenta con la massa , quindi non importa quanto sia grande l’oggetto, non sarà mai in grado di sfuggire alla gravità a meno che non si usi una forza contraria più grande, come fare razzi per le navicelle spaziali.

Gli esseri umani vedono la Terra come piatta perché siamo minuscoli , rispetto alla Terra. Possiamo vedere pochissima terra con i nostri occhi, quindi ci sembra piatta. Ma basta salire a circa 10.000 metri in aereo per vedere la rotondità della Terra.

Infatti, le persone al Polo Sud, o in Argentina per esempio, non cadono verso il basso , perché nello spazio non esistono né su né giù . Sono gli umani che creano questi riferimenti artificiali, per orientarsi.

Ma l’Universo è uno spazio in 3D, e quando lasciamo la Terra in una tuta spaziale, per esempio, basta galleggiare a testa in giù perché l’Argentina sia in alto e l’Alaska in basso… Chi dovrebbe cadere allora?

Perché le ore sono lunghe 60 minuti?

Contiamo in base 10, cioè usiamo 10 numeri, secondo il numero delle dita. Allora, perché un’ora ha 60 minuti e un minuto 60 secondi?

Migliaia di anni fa i Sumeri e i Babilonesi usavano la base 60, con 60 numeri diversi. Contavano anche sulle dita, ma 10 era troppo piccolo per loro, così usavano un trucco curioso.

Se notate, le dita sono divise in tre parti, le falangi (tranne il pollice, che ne ha due):

I babilonesi contavano toccando con il pollice le falangi delle altre 4 dita, e siccome ogni dito ha 3 falangi, in totale ci sono 4 x 3=12. Ogni volta che completavano la mano salivano di un dito dell’altra mano, e siccome sono 5, in totale ci sono 5 x 12=60 falangi.

Questo sistema fu mantenuto per millenni. I romani lo usavano in alcuni compiti perché non amavano i decimali, e 60 è un numero molto divisibile. Può essere diviso per 2, 3, 4, 5 o 6 senza decimali.

Non fu fino al XVI secolo che vennero prodotti orologi abbastanza precisi da misurare i minuti e i secondi.

Si decise allora di adottare le misure dell’astronomo greco Tolomeo, che usava la base 60 per il conteggio e aveva diviso un’ora in 60 piccole parti, che erano chiamate minutiae primae. Questi a loro volta furono divisi in altre 60 parti, chiamate minutiae secundae.

Questa è l’origine dei minuti e dei secondi.

Perché esistono le stagioni?

Molte persone pensano che sia estate quando siamo più vicini al sole, e quindi più caldi, e inverno quando siamo più lontani. Ma non è così.

Nell’emisfero nord è estate quando siamo più lontani e inverno quando siamo più vicini. Questa distanza relativa al Sole è insignificante rispetto alla distanza totale dal Sole alla Terra.

Ciò che causa le stagioni è l’asse inclinato della Terra:

La Terra è inclinata. Si crede che sia stata colpita da un grande meteorite e che il materiale espulso abbia dato origine alla Luna.

Poiché la Terra è inclinata sul suo asse, i raggi del sole colpiscono diverse zone della Terra con forza e angolo diversi.

Poiché la Terra gira intorno al Sole, a seconda della posizione in diversi periodi dell’anno,ogni zona del pianeta riceve diverse quantità di luce, dando origine alle stagioni. Quando è inverno nell’emisfero nord, è estate nell’emisfero sud e viceversa. Se in un emisfero è autunno, nell’altro è primavera.

Perché tutti i pianeti sono rotondi?

I pianeti del sistema solare sono molto diversi tra loro. Alcuni sono rocciosi, alcuni sono gassosi, alcuni hanno anelli, alcuni sono più grandi o più piccoli…. Hanno praticamente una sola cosa in comune: sono tutti rotondi.

Anche gli altri pianeti fuori dal sistema solare che conosciamo (gli esopianeti), sono rotondi. Perché?

La causa è la gravità, che è una legge universale che si applica in tutto l’universo.

Quasi tutti i pianeti si sono formati quando la materia sparsa nell’universo ha cominciato a raggrupparsi . Quando questa materia raggiunge una certa massa, appare la gravità, che attrae tutto ciò che è vicino a quella massa.

La gravità attrae da tutti i lati allo stesso tempo nello spazio 3D, e l’unica forma geometrica che è uguale da tutti i lati è la sfera , ecco perché in milioni di anni, con l’aiuto della gravità e della rotazione, i pianeti diventano rotondi.

Altri corpi celesti, come i meteoriti, non sono rotondi perché sono molto piccoli, e la loro gravità è molto bassa, non esercitano sufficiente attrazione.

Perché a volte vediamo la luna di giorno?

Sicuramente in qualche momento, guardando il cielo, vi sarete chiesti perché si vede la Luna, se è giorno.

Noi associamo la Luna alla notte, ma in realtà non sono collegate.

La Luna è sempre lì, nel cielo. Almeno 6 ore, durante il giorno. Ma la Luna non emette luce, riflette la luce del Sole.

Quindi a seconda della posizione del Sole e della Luna stessa secondo le loro orbite, ci sono giorni in cui il Sole illumina la Luna e noi possiamo vederla all’alba e al tramonto. Altre volte il Sole non lo illumina e non lo vediamo, ma è ancora lì….

Perché il mare è salato e i fiumi dolci?

La maggior parte dell’acqua sul nostro pianeta proviene dalle precipitazioni prodotte dalle nuvole formate dai diversi gas della nostra atmosfera.

Questa acqua piovana si mescola con l’anidride carbonica presente nell’aria, formando acido carbonico. Questo acido erode le rocce , trascinando i sali minerali che finiscono nei fiumi. E dai fiumi, nel mare.

Nel corso di milioni di anni, questi sali minerali si sono accumulati nel mare, e a causa della loro alta concentrazione, rendono l’acqua del mare salata.

Al contrario, l’acqua dei fiumi è dolce anche se trasporta i sali dalle rocce al mare, proprio perché questi sali non si accumulano.

Lo stesso succede con i laghi, che anche se sembrano stagnanti in realtà non lo sono, l’acqua ha sempre degli sbocchi o filtrazioni sottoterra che impediscono ai sali di accumularsi.

Perché camminiamo su due gambe?

Gli esseri umani sono praticamente l’unico mammifero che cammina su due gambe . Perché?

La verità è che gli scienziati ancora non lo sanno . Alcune teorie dicono che quando i primi ominidi lasciarono la foresta e gli alberi per la savana, avevano bisogno di alzarsi per vedere più lontano , sopra le erbe.

Altri sostengono che è per risparmiare energia, o perché il cervello più avanzato di altri mammiferi ci ha incoraggiato a usare le mani per qualcosa di più che appoggiarle a quattro zampe.

La realtà è che questo cambiamento ci ha reso ciò che siamo. Le femmine dovevano modificare il bacino per sostenere tutto il peso, lasciando meno spazio per l’uscita dei bambini. I bambini dovevano nascere con teste più piccole e cervelli meno formati, quindi impiegano anni per svilupparsi, rafforzando il legame familiare.

E avere mani libere e un cervello creativo ci ha fatto imparare a usarle per creare strumenti,dando origine alla tecnologia.

Perché gli uomini hanno i capezzoli?

Nei mammiferi, i capezzoli sono utilizzati per allattare i piccoli . Pertanto, hanno funzionalità solo nelle femmine.

Se non hanno alcuna utilità, perché in milioni di anni di evoluzione, i maschi non hanno perso i loro capezzoli?

La ragione è che i capezzoli si sviluppano molto presto nel feto, prima che intervenga il cromosoma Y, che decide il sesso del bambino.

Quando il sesso è fissato i capezzoli si stanno già sviluppando, e lì rimangono…

Abbiamo visto 10 domande curiose sulla Natura. Conoscevi tutte le risposte?

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.