Jason Momoa rivela che Ben Affleck interpreterà Batman nel sequel di Aquaman

0

Jason Momoa si è lasciato sfuggire che Ben Affleck apparirà come Batman in “Aquaman And The Lost Kingdom”.

L’attore 42enne è andato su Instagram per condividere una foto con il suo co-protagonista e ha rivelato che tornerà come il Crociato Incappucciato/Bruce Wayne nel prossimo DC Extended Universe (DCEU ) sequel, in cui Momoa riprenderà il suo ruolo di supereroe titolare.

Ha sottotitolato l’immagine: “RIUNITO bruce e arthur. ti amo e mi manchi Ben WB studio tour appena esplorato il backlot bene. arrestato sul set tutte le grandi cose in arrivo AQUAMAN 2 tutto il mio aloha j (sic )”

“Aquaman” stelle Amber Heard, Dolph Lundgren, Patrick Wilson, Temuera Morrison e Yahya Abdul-Mateen II dovrebbero tornare per il sequel, che vedrà anche Pilou Asbæk in un ruolo ancora essere confermato.

Affleck ha interpretato per la prima volta il supereroe nel film del 2016 “Batman v Superman: Dawn of Justice”, prima di riprendere il ruolo in “Suicide Squad” nello stesso anno.

Ha anche recitato nel ruolo del Cavaliere Oscuro in “Justice League” del 2017 e in “Zack Snyder’s Justice League”, il montaggio del regista del film.

In Ad aprile, Momoa ha rivelato di avere avuto una “grande mano” nella sceneggiatura di “Aquaman and the Lost Kingdom”.

Presentando il regista del film James Wan al CinemaCon, ha detto: “‘Aquaman and the Lost Kingdom ” è incredibile. Ho avuto modo di vederne un po’. Non molto. È incredibile. L’azione e gli effetti speciali sono incredibili. È divertente. È sincero.

“Ho avuto un grande mano nella sceneggiatura con James: sono praticamente tutto me e lo adoro. Ne sono estremamente orgoglioso. Sfortunatamente, devi aspettare fino al 2023, ma sai che sarà il miglior film dell’anno.”

Wan ha rivelato che il cast ha subito meno “dolori fisici” rispetto al primo film , perché è stata sviluppata una nuova tecnologia per ridurre la quantità di cavi necessari.

Ha spiegato: “Nel primo film, abbiamo davvero fatto soffrire molto gli attori, sai appenderli fili e quelli che chiamiamo diapason. Non era l’apparato più comodo a cui legarsi.

“Con questo film siamo stati in grado di abbracciare la nuova tecnologia in cui abbiamo letteralmente catturato … mettendo letteralmente come 100 telecamere sugli attori, catturando le loro esibizioni e poi prendere quello che fanno e poi applicarlo a versioni 3D di se stessi.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.