Jason Derulo crede che i concorsi di canto siano troppo incentrati sulla voce

0

Jason Derulo crede che gli spettacoli di competizione canora non riescano a trovare molte stelle perché sono troppo concentrati sulla voce di un concorrente piuttosto che sull’intero pacchetto.

Il produttore di successo di Talk Dirty ha discusso del talento televisivo di lunga data spettacoli come American Idol e The Voice in un’intervista con Billboard e ha insistito sul fatto che i giudici dovrebbero cercare la “scintilla” e la “cosa speciale” in ogni concorrente così come la loro abilità vocale.

“Penso che molte volte in questi spettacoli basati su competizioni, non stiano cercando una cosa speciale in una persona, ma stiano cercando la voce migliore. Sfortunatamente, non lo è ciò che rende una star. È qualcosa di speciale in qualcuno che fa una star”, ha spiegato, prima di fare un esempio specifico. “Cardi B, prima che pubblicasse musica, la gente amava Cardi B, aveva quel qualcosa di speciale.”

American Idol corre dal 2002 e ha prodotto star come Kelly Clarkson, Carrie Underwood, Jordin Sparks, Adam Lambert e Jennifer Hudson. The Voice è in onda dal 2011 e non ha prodotto grandi star.

“Ecco perché quando guardi questi programmi come American Idol e The Voice, nessuna star esce da loro (tranne) pochissime e lontane tra loro. Kelly Clarkson, sì, Carrie Underwood, si. Ma quante stagioni ci sono state?” chiese Jason.

Jason ha rilasciato l’intervista per promuovere la sua collaborazione con la campagna Tuborg Open, per la quale ha fatto da mentore a sei artisti emergenti internazionali non firmati.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.