AMD coinvolta nel progetto Nintendo NX?

0
AMD annuncia che sta disegnando un’APU con cui potrebbero ottenere 1 miliardo nel futuro. Potrebbe essere per Nintendo NX, e potrebbe non essere compatibile con Wii e Wii U.

Poche ore fa, la presidentessa e AD della compagnia AMD, Lisa Su, ha rilasciato delle dichiarazioni piuttosto misteriose circa un nuovo chip semi-custom (APU) disegnato recentemente (si intuisce per una compagnia terza) e che potrebbe portarli a guadagnare fino a un miliardo di dollari in vendite future. Le possibilità che si tratti del nuovo chip all’interno della prossima console Nintendo NX sono piuttosto alte, tenendo conto che AMD è già incaricata sia delle APU per PlayStation 4 che si quelle Xbox One e che la compagnia di Mario potrebbe avere in previsione il lancio della nuova console per la fine del 2016.

Nintendo NX AMD

Le voci girano ormai da tempo, e si sommano a quelle di Devinder Kumar, capo delle finanze della compagnia, che a dicembre aveva rivelato che AMD era al lavoro su due nuove APU, una x86 e l’altra ARM, e che “almeno una di queste andrà oltre i videogiochi”. Non sarebbe quindi folle pensare che il chip x86 sia destinato alla futura Nintendo NX, avendo in mente che i canoni della nuova generazione hanno portato le console ad adottare questa architettura più vicina al mondo dei PC.

Ricordiamo che nel caso di Wii U, la console porta al suo interno un chip Power PC di IBM per l’unita di processore e un chip AMD per l’unità grafica, una configurazione che si è man mano sostituita nelle console in favore di APU che unificano questi due compiti (come nel caso di PlayStation 4 e Xbox One). Per il futuro appare quindi probabile che anche Nintendo adotti questa configurazione con la futura Nintendo NX, soprattutto se consideriamo l’affossamento della divisione chip di IBM, che è stata venduta. AMD in questo momento ostenta il monopolio per quanto riguarda i chip per console e non c’è motivo di pensare che Nintendo non si affidi a loro, questa volta anche per il processore.

Per quanto riguarda invece la retrocompatibilità, una caratteristica che Nintendo ha preso molto sul serio in tutte le proprie console degli ultimi anni, è una cosa che non sarebbe per niente chiara in caso di reale cambio di architettura. Il (grande) problema sta nel passaggio a x86, che si scontrerebbe inevitabilmente con l’attuale architettura Power PC, non sarebbe quindi facile giocare a giochi per Wii U su Nintendo NX come lo è al momento giocare al giochi per Wii su Wii U (almeno via harware). Il modo più semplice sarebbe puntare sulla retrocompatibilità via software (emulazione), approfittando di una teorica superiorità tecnica di Nintendo NX che possa permettere di portare a termine questo complicato processo. Vedremo come farà Nintendo a risolvere questo problema se davvero finalmente punta su x86 e continua a volere la retrocompatibilità.

Via|VentureBeat

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome