Pride Week: la fine dell'estate

0

Ciao! Per tutta questa settimana Eurogamer celebra il Pride con una serie di storie che esaminano la confluenza delle comunità LGBT+ e del gioco nelle sue numerose forme diverse, dai videogiochi e giochi da tavolo fino ai giochi di ruolo dal vivo. Qui, Lottie fa un tuffo personale nella visual novel A Summer’s End – Hong Kong 1986. Si prega di notare che questo articolo contiene significativi spoiler sulla trama.

L’ultima cosa che Michelle si aspettava quando andava a trovare un calzolaio a Mong Kok era condividere la cena con sua figlia, Sam. Tuttavia, trova Sam interessante e, anche se all’inizio non ne capisce il motivo, sente un’innegabile connessione con lei. La loro storia d’amore sboccia in A Summer’s End – Hong Kong 1986 – un romanzo visivo creato dallo studio di giochi indipendente Oracle e Bone con sede a Vancouver, un gioco che ha riscosso notevoli consensi per la sua tenera rappresentazione di una storia d’amore LGBT+ sin dal suo lancio lo scorso anno.

I suoi creatori, Charissa So e Tida Kietsungden, affermano che sapevano fin dall’inizio di voler realizzare un gioco incentrato su una trama LGBT+ asiatica. “Abbiamo sentito la necessità e l’opportunità di raccontare queste storie attraverso i videogiochi”, spiegano. ??Come LGBT+ che identifica noi stessi asiatici, comprendiamo l’importanza della rappresentazione e sappiamo che rappresentazioni positive e autentiche di noi stessi sono necessarie per umanizzare le nostre esperienze e anche ridurre lo stigma che circonda la sessualità LGBT+.”

Sebbene la relazione tra Michelle e Sam sia al centro di A Summer’s End, attinge a molti elementi diversi per raccontare la sua storia, tra cui la new wave di Hong Kong e Il cinema taiwanese degli anni ’80 e ’90. Come sottolineano So e Kietsungden, si tratta di film che esplorano le differenze intergenerazionali, i cambiamenti culturali e i conflitti politici – argomenti importanti oggi come lo erano 30 o 40 anni fa e che gli sviluppatori volevano esplorare ” in relazione ai tempi attuali fino a A Summer’s End.”

” sorpresi dalla franchezza nel genere e nell’espressione sessuale in alcuni di questi film”, spiegano So e Kietsungden, soprattutto considerando che Hong Kong è “abbastanza socialmente conservatrice e gli argomenti riguardanti le questioni LGBT+ rimangono un po’ un tabù per il grande pubblico”.

Scegliendo proprio gli anni ’80, 1986, come ambientazione iniziale di Fine dell’estate, Kietsungden e So sono stati anche in grado di contrastare l’incertezza della politica sovranità con l’eccitazione dell’intrattenimento degli anni ’80.

“[We] voleva ambientare la nostra storia qualche tempo dopo la firma della Dichiarazione congiunta sino-britannica (dicembre 1984),?? spiegano , ed esplora come i personaggi del gioco avrebbero reagito alla società in rapida evoluzione che li circonda. È importante notare che la Dichiarazione congiunta sino-britannica è stato uno dei principali eventi politici che hanno catalizzato le future ondate di emigrazione di massa e l’istituzione di un nuova generazione di comunità della diaspora in tutto il mondo”.

Lo sviluppo di A Summer’s End è iniziato nell’autunno del 2018, il che significa che So e Kietsungden sono stati in grado di prendere gli eventi del 2019 – quando le proteste di massa contro l’estradizione disegno di legge che molti cittadini di Hong Kong ritenevano avrebbe ulteriormente ridotto l’autonomia della città, anche in considerazione. ??[This] ci ha costretto a esaminare ulteriormente la nostra responsabilità come creatori e il messaggio che volevamo esprimere attraverso il nostro gioco,?? dicono. ??Avevamo in mente fin dall’inizio che il viaggio del nostro personaggio in A Summer’s End fungesse da storia di un’esperienza di coming out, ma alla luce di eventi così politicamente sensibili, abbiamo voluto enfatizzare ulteriormente la storia come un’allegoria dell’auto- determinazione di fronte ai cambiamenti e alle pressioni della società.”

A_Summers_End_8A_Summers_End_8

A Summer’s End esplora principalmente questi temi attraverso Michelle, che è il ritratto della donna d’affari degli anni ’80, vestita di blazar e orientata agli obiettivi. Eppure, nonostante la sua ambizione, Michelle ha trascorso la maggior parte della sua vita a conformarsi alle aspettative dei genitori e della società. Queste caratteristiche sono ritratte nel modo in cui, indipendentemente dalla sua forte etica del lavoro e disponibilità a difendere se stessa, Michelle spesso si preoccupa se sta deludendo sua madre o se sta sprecando le opportunità che i suoi genitori hanno lavorato così duramente per darle. Anche se, anche in caso di dubbio, Michelle rimane una protagonista attiva nella sua stessa storia – affrontando sia il peso di queste aspettative che i suoi pregiudizi appresi.

? ?Avevamo in mente fin dall’inizio che il viaggio del nostro personaggio in A Summer’s End fungesse da storia di un’esperienza di coming out, ma alla luce di eventi politicamente così sensibili, abbiamo voluto enfatizzare ulteriormente la storia come un’allegoria dell’autodeterminazione di fronte ai cambiamenti e alle pressioni della società”.

Il viaggio di scoperta di sé di Michelle inizia quando incontra Sam e ha un legame istantaneo con lei. Sebbene non capisca queste nuove emozioni, si sente attratta da Sam, cerca il suo negozio e si apre a lei man mano che si avvicinano. Diventi più immerso nella mente di Michelle man mano che il gioco procede; guardare la sua attrazione per Sam svilupparsi, mentre combatte un conflitto interiore sulla scelta del proprio percorso nella vita o sull’adempimento del suo ruolo previsto di moglie e madre.

Molti membri della comunità LGBT+ hanno vissuto viaggi simili a Michelle e, anche quando fa passi falsi, è facile entrare in empatia con lei, perché capisci cosa ha spinto lei a prendere quella decisione. Quando raggiungi la conclusione del gioco, vuoi davvero che Michelle abbracci il suo sé autentico, sia nei termini della sua sessualità che lavorando per la vita che desidera condurre.

A_Summers_End_2

Rispetto a Michelle, Sam è a suo agio con la sua sessualità e non ha paura di far conoscere i suoi desideri . Sotto questo scudo di fiducia, tuttavia, Sam nasconde la sua vulnerabilità. Per assicurarsi che Sam fosse affermato come il suo personaggio, So e Kietsungden hanno deciso di cambiare la prospettiva del gioco su di lei per una serie di scene, in modo che il giocatore possa “imparare di più sul passato di Sam e sul perché lei è e agisce in un certo modo nella storia. “

Durante questa sequenza, rivivi gli eventi con Michelle attraverso gli occhi di Sam che rafforzano come la loro storia d’amore sia fondata sull’attrazione e sul rispetto reciproci. Anche il suo passato viene esplorato e viene rivelato che Sam ha provato ansie simili a Michelle – preoccuparsi se fosse una brava figlia e se la madre defunta sarebbe orgogliosa della donna che è diventata.

A un certo punto Sam ricorda come, all’età di 13 anni, lei, a differenza dei suoi amici e nonostante i suoi tentativi, ‘non sia mai riuscita a convincermi ad amare un ragazzo.’ Quando ho letto questa riga sapevo di aver scritto qualcosa di simile nei miei diari della prima adolescenza, perché ho iniziato a mettere in discussione la mia sessualità a un’età simile a quella di Sam. Ricordo di essermi sentito disorientato e, poiché non mi sentivo a mio agio a parlare di questa scoperta personale, ho dovuto navigare lentamente da solo tra le nuove emozioni finché, come Sam, ho capito “non c’era niente di cui vergognarsi”.

A_Summers_End_1A_Summers_End_8

È un momento di trionfo per Michelle quando confessa il suo amore per Sam e accetta di iniziare una relazione con lei. Insieme trascorrono una giornata idilliaca in città, godendosi il piacere della reciproca compagnia, ma non può durare per sempre poiché Michelle deve tornare a casa. Qui si trova ancora una volta di fronte alle tradizionali aspettative per le donne e, in una discussione con la madre, rivela di avere una relazione lesbica.

Le esperienze di coming out di ognuno sono diverse: alcune persone sono accolte con accettazione, altre con rabbia o, a volte, è fredda negazione. Quindi e Kietsungden affermano che sapevano che questa scena sarebbe stata “una parte emotivamente difficile del gioco da creare” perché “come creatori LGBT+ abbiamo vissuto esperienze di coming out simili a membri della famiglia conservatori”. Sperano “di dare ai lettori un po’ di coraggio attraverso queste scene” sapendo che “il coming out è un processo continuo e che la paura della discriminazione e dei pregiudizi è reale e sempre presente.”

In A Summer’s End, la madre di Michelle risponde con incredulità e cerca di trovare una risposta alla rivelazione di sua figlia. Così e Kietsungden spiegano, “il dialogo della scena del coming out e della riconciliazione è adattato dalle nostre esperienze di vita reale”, e la decisione sulla scrittura conferisce sia al dialogo che ai pensieri di Michelle in seguito una qualità emotiva cruda – puoi sentire la paura di Michelle mescolata alla sua determinazione per non abbandonare il suo nuovo senso di sé – che aiuta a sottolineare come la sua decisione abbia cambiato la sua vita per sempre.

Michelle decide di uscire di casa e trova Sam fuori che , dopo averla rassicurata che le cose andranno meglio, la invita a trasferirsi. In questo modo, i viaggi di Sam e Michelle si rispecchiano a vicenda; entrambi devono lasciare la casa per essere se stessi autentici e ciò consente loro di costruire relazioni più sane con la propria famiglia. Sam ha già raggiunto questo obiettivo con suo padre e, nell’epilogo, vediamo Michelle iniziare questo processo con sua madre, terminando il gioco con un senso di speranza per il loro futuro.

A_Summers_End_1A_Summers_End_3

A Summer’s End, tuttavia, ha un secondo finale in cui Michelle non si riconcilia mai con Sam, scegliendo, invece, di condurre una vita più tradizionale. Quindi e Kietsungden affermano di aver ritenuto importante rappresentare un’alternativa “poiché è un probabile finale per Michelle e altri come lei di fronte a una tale decisione” – e anche se Michelle non è diventata il suo sé più autentico, non lo fanno. t considerarlo un brutto finale. Questa intenzione è raffigurata nel modo in cui Michelle ha invece trovato appagamento nel crescere sua figlia e spera di darle una vita libera dalle aspettative che ha vissuto. Consapevoli di quanti membri della comunità LGBT+ – sia passati che presenti – abbiano dovuto compromettere la propria identità a causa della discriminazione, gli sviluppatori affermano di volere questo finale “per dimostrare che una tale decisione non è sbagliata o cattiva, ma molto complessa uno.”

A Summer’s End racconta una storia meravigliosa su una relazione lesbica, che offre rappresentazione e visione della comunità LGBT+ asiatica. Intessute nella storia d’amore di Sam e Michelle ci sono le sfide del coming out e le aspettative della società per le donne, ma anche la gioia dell’amore e della speranza. Nel finale in cui diventano una coppia, lasci Sam e Michelle seduti nello stesso ristorante che hanno visitato quella prima sera. Michelle si appoggia alla spalla di Sam mentre le tiene la mano e tu stai sperando che, non importa quali ostacoli incontrano, il loro amore darà loro la forza di cui hanno bisogno.

A Summer’s End – Hong Kong 1986 è disponibile per PC, Mac e Linux tramite A_Summers_End_1itch.ioA_Summers_End_1 e Vapore.

Leggi di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.