Bungie dice che “non ci sarà mai una ‘museruola’ abbastanza grande da impedirci di difendere ciò che è giusto”

0

A seguito di un rapporto la Sony non autorizzerà dichiarazioni dello studio sui diritti riproduttivi.

In seguito alle recenti notizie secondo cui Sony si rifiuterebbe di approvare qualsiasi dichiarazione degli studi PlayStation in merito ai diritti riproduttivi, Bungie – la cui acquisizione da parte di Sony è stata annunciata a febbraio – ha dichiarato che “non ci sarà mai una ‘museruola’ abbastanza grande da impedirci di difendere ciò che è giusto”.

Bungie è stata una delle prime case di produzione a esprimersi a sostegno della sentenza Roe v Wade, una sentenza chiave che ha legalizzato l’aborto negli Stati Uniti, dopo le recenti notizie che la Corte Suprema degli Stati Uniti stava cercando di ribaltare la sentenza. All’epoca, lo sviluppatore aveva definito la mossa un “attacco diretto ai diritti umani”, aggiungendo che “schierarsi a favore della scelta e della libertà riproduttiva non è una decisione difficile da prendere, e Bungie rimane impegnata a sostenere questi valori”.

Tuttavia, alla luce delle notizie secondo cui Sony si rifiuta di autorizzare qualsiasi dichiarazione pubblica che i suoi studi PlayStation vogliano fare sulla questione dei diritti riproduttivi, alcuni fan di Bungie si sono chiesti se lo sviluppatore sarà ancora in grado di esprimere la propria opinione così liberamente una volta completata l’acquisizione da parte di Sony.

Rispondendo a uno di questi tweet, il senior community manager di Bungie dmg04 ha scritto: “Lo ammetto, sono solo un CM nel grande schema, ma sono sicuro di quanto segue: siamo, e continueremo a essere, Bungie. Non ci sarà mai una ‘museruola’ abbastanza grande da impedirci di difendere ciò che è giusto”

“Dovrà essere dimostrato nel tempo”, ha aggiunto dmg04, “ma continuiamo a rafforzare i nostri pilastri e la nostra cultura anno dopo anno. C’è ancora molto lavoro da fare, ma sento che siamo sulla strada giusta con i talenti che abbiamo e la passione che ci mettono (non solo per fare giochi, ma anche per migliorare l’industria)”

L’amministratore delegato di Bungie, Pete Parsons, è poi intervenuto a sostegno del sentimento di dmg04, ritwittando il thread e aggiungendo il proprio timbro affermativo con un semplice “Sì”

La notizia che Sony si rifiutava di approvare le dichiarazioni dei suoi studi PlayStation relative ai diritti riproduttivi è stata riportata per la prima volta dal Washington Post, che ha citato un’e-mail inviata ai dipendenti da Ted Price, capo di Insomniac, in cui si spiegava il motivo per cui lo studio non era in grado di rilasciare una dichiarazione pubblica a sostegno della legge Roe v Wade – come avevano fatto in precedenza sia Bungie che Double Fine, sviluppatore di Psychonauts 2 – nonostante le richieste del personale. Price ha anche aggiunto di ritenere che ci sarebbero state “ripercussioni materiali” se lo studio fosse andato contro i desideri di Sony.

Price ha anche risposto alla domanda di un dipendente di Insomnaic che chiedeva se l’acquisizione dello studio da parte di Sony avesse ora un impatto sui suoi valori. “Per quanto riguarda la nostra libertà di parola”, ha scritto, “pur avendo MOLTA autonomia che spesso viene data per scontata, ci sono momenti in cui dobbiamo riconoscere di essere parte di un’organizzazione più grande. Per la maggior parte del tempo la nostra capacità di twittare è stata libera. Tuttavia, ci sono rare volte in cui siamo all’opposizione (come questa settimana) e SIE avrà l’ultima parola”

Prima del reportage del Washington Post, il capo di PlayStation Jim Ryan si era attirato notevoli critiche quando, dopo aver fatto riferimento alla proposta della Corte Suprema degli Stati Uniti di rovesciare la sentenza Row v Wade in un’e-mail a tutto il personale, aveva detto ai dipendenti: “Dobbiamo rispettare le differenze di opinione tra tutti i membri delle nostre comunità interne ed esterne, sia tra di noi che nei confronti dei milioni di utenti di PlayStation” Secondo quanto riferito, Ryan ha poi scritto a lungo dei compleanni dei suoi gatti, portando alcuni dipendenti ad accusare il capo di PlayStation di essere irrispettoso e di aver banalizzato la questione dei diritti riproduttivi nei messaggi visti da Bloomberg.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.