Austin Butler era terrorizzato che potesse rovinare il film di Elvis

0

Austin Butler ha tremato sul set di Elvis perché aveva il terrore di rovinare il film.

L’attore americano sta per diventare un nome familiare dopo aver assunto il ruolo principale nel film di Baz Luhrmann nuovo film biografico sul re del rock and roll.

Anche se non è nuovo alla recitazione, avendo iniziato la sua carriera da bambino, questo è il suo più grande concerto fino ad oggi – ed era preoccupato di non essere in grado di farcela.

“Stavo uscendo con il famoso vestito di pelle nera ed ero terrorizzato”, ha detto il 30enne a NME della scena che ricreava lo spettacolo di ritorno di Elvis nel 1968. “Avevo fatto così tanto lavoro, ma in quel momento ho pensato: ‘Se questo non va bene l’intero film potrebbe andare in pezzi e la mia carriera è finita. È un successo o un successo.’

“Poi ho capito che questo è un momento decisivo anche per Elvis. Tutto era in gioco per lui.”

Il suo percorso per ottenere la parte ambita non è stato convenzionale. Dopo aver inviato una cassetta di se stesso che canta Unchained Melody, una versione spogliata accompagnata da un pianoforte, Austin è volato a New York per incontrare il regista del Moulin Rouge!.

“Ho parlato con Baz per circa tre ore. Mi ha chiesto di tornare il giorno dopo e leggere la sceneggiatura con lui”, ha ricordato. “Così sono entrato e ho letto alcune scene, poi mi ha chiesto di tornare il giorno dopo e cantare un paio di canzoni. L’abbiamo fatto giorno dopo giorno per circa cinque mesi e non sapevo se avevo ancora il lavoro.”

Elvis, interpretato anche da Tom Hanks, uscirà nelle sale venerdì.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.