MLB The Show 21: testato il primo titolo PlayStation Studios multipiattaforma

0

‘Sony Interactive Entertainment presenta’. Abbiamo visto tutti quella schermata iniziale, il carattere bianco su sfondo nero che si trasforma in una sequenza di branding lucida, che culmina nell’iconografia familiare croce/quadrato/triangolo/cerchio – solo questa volta non si manifesta solo su un gioco PlayStation, sta accadendo anche su Xbox. Tutti, infatti, da Xbox One a Xbox Series X. Questo è MLB The Show 21, la prima uscita multipiattaforma di PlayStation Studios. Ho giocato al gioco su tre macchine Xbox e due PlayStation e i risultati sono affascinanti.

Il modo in cui siamo arrivati ​​a questa situazione è qualcosa su cui possiamo solo speculare, ma è probabile che la stessa Major League Baseball – l’editore – abbia scelto di spostare il franchise nell’arena multipiattaforma. È anche probabile che sia lo stesso gruppo che ha negoziato l’accordo per portare MLB The Show 21 su Game Pass il primo giorno, il che non solo rende questo titolo un’improbabile battaglia delle console, ma anche un netto contrasto nei modelli di business che Sony e Microsoft hanno optato per. Dal mio punto di vista, MLB The Show 21 era disponibile per il download su una qualsiasi delle mie console Microsoft ed era proprio lì come parte del mio abbonamento: un paio di pressioni di pulsanti per scaricare perché ero a posto. Nel frattempo, dal lato PlayStation, ho dovuto pagare £ 75 per la versione cross-gen del gioco. Sì, sorprendentemente, c’è un sovrapprezzo di £ 15 per l’acquisto della SKU che consente l’accesso alle versioni PS4 e PS5 del gioco. In termini di valore, Game Pass è chiaramente il migliore, in particolare quando si tratta di un gioco cross-gen con solo aggiornamenti relativamente minori che separano PS4 Pro e PlayStation 5.

MLB The Show 21 è un classico gioco sportivo moderno sotto molti aspetti. Non presenta il tipo di aspetto cinematografico levigato dei renderer di oggi: mira a una presentazione nitida e incontaminata, con modelli di personaggi altamente dettagliati immersi in una post-elaborazione efficace e impressionante. È nei filmati, o nelle “presentazioni”, come le chiama il gioco. Il gameplay effettivo è più spartano, ma comunque impressionante. PlayStation 5 e Series X effettuano il rendering delle procedure con una risoluzione nativa di 2160p e salvo alcune differenze minime (una leggera differenza nel filtro selezionato? Uno strano bug di rendering dell’acqua in una scena su Series X?) sono sostanzialmente identici. Per Xbox Series S, la risoluzione scende a 1080p e ci sono alcune prove che forse alcune texture si risolvono a un livello di dettaglio inferiore. Ma simile alla maggior parte dei titoli sportivi moderni, la parità è la chiave qui in termini di aspetto generale del gioco.

MLB The Show 21 testato su PS5, console Xbox Series e “4K-enhanced” offerte last-gen – PS4 Pro e Xbox One X.

Cos’è curioso è come si accumulano le interpretazioni di PlayStation 4 Pro e Xbox One X. Sono molto chiaramente tagliati dalla stessa stoffa delle loro controparti più moderne. Per impostazione predefinita, la risoluzione è inferiore (1440p di default) e parte della post-elaborazione non è altrettanto precisa. Le prestazioni non sono così buone, ma si scopre che le macchine migliorate di ultima generazione possiedono qualcosa che le loro controparti di prossima generazione non hanno: la risoluzione selezionabile in-game. Gli utenti possono optare per 1080p, 1440p o anche 2160p. È il tipo di opzione che in realtà sarebbe stato bello avere anche sulle macchine più recenti, ma è misteriosamente assente.

Prestazione? Bene, ricordiamo che questo è un titolo PlayStation Studios e quello che è presumibilmente il loro primo tentativo di rilascio multipiattaforma. Tutte le versioni funzionano con un frame rate sbloccato, limitato solo dal v-sync a 60 fps. L’effettiva azione di gioco gira quasi bloccata a 60 fps su PlayStation 5, ed è più o meno la stessa su Series X, solo un po’ meno stabile. Tuttavia, è nei filmati di gioco (o meglio nelle “presentazioni”) che San Diego Studio spinge la grafica molto più duramente. Il frame-rate si incurva su tutte le macchine ed è qui che vediamo che Series X occasionalmente si abbina a PS5, ma più spesso scende di più, di un fattore di circa 9-11 fps. La serie S a 1080p funziona più o meno come la serie X, a volte un po’ più fluida ma il più delle volte, 2-3 fps più lenta. Per quanto riguarda le nuove console, quindi, l’ordine gerarchico generale è abbastanza chiaro e abbastanza prevedibile, direi, quando guardi uno studio che passa per la prima volta dallo sviluppo a formato singolo a quello multipiattaforma.

È quando guardiamo alle macchine potenziate di ultima generazione che vediamo le posizioni invertite, ma forse il vantaggio di Xbox One X che ti aspetteresti di vedere su PlayStation 4 Pro non lo è pronunciato come ci si aspetterebbe tenendo presente il differenziale delle specifiche. Le immagini sembrano essere quasi identiche e la risoluzione è uguale a 1440p nell’impostazione bilanciata “pronta all’uso”. Anche in questo caso, il differenziale può variare in base al contenuto, ma nelle “presentazioni” più impegnative, Xbox One X gira circa 5-7 fps più velocemente di PS4 Pro. La differenza rispetto alle nuove console è che i segmenti di gioco risultano costantemente inferiori a 60 fps. La metà degli anni ’50 gioca alla fine degli anni ’40 con un chiaro vantaggio su Xbox One X. È disponibile un livellatore: le opzioni consentono di ridurre la risoluzione a 1080p, dando un risultato che sembra davvero molto simile a Xbox Series S e forse anche un po’ più coerente nelle scene di lancio e battuta. Questo è il livello più vicino che otterrai a 60 fps più costanti su questi sistemi.

Posso ben credere che i teorici della cospirazione saranno a piena voce nel sottolineare differenze di prestazioni tra PS5 e Xbox Series X che sono in qualche modo in contrasto con le specifiche tecniche delle console, ma il fatto che Xbox One X offre una guida più fluida rispetto a PS4 Pro, si spera che sottolinei che San Diego Studio ha dato una buona possibilità alle porte Xbox. Ricorda, il suo motore è stato sviluppato su hardware PlayStation e quando si tratta di console della serie, siamo ancora molto presto nella generazione e gli strumenti di sviluppo sono immaturi, specialmente da parte di Microsoft. PlayStation 5 ha un supporto per il controller DualSense che non è abbinato su Xbox, mentre i tempi di caricamento sono più rapidi: un gioco caricato in otto secondi su PS5 contro i 12 secondi su Series X. Anche i tempi di avvio iniziali sono molto rapidi su PS5 ma solo in modo incrementale sulle console della serie, se confrontato con PS4 Pro. Anche l’audio 3D è ipotizzato per PS5, ma il gioco suona bene su tutte le macchine.

È un confronto affascinante, se non eccessivamente eccitante, quando si tratta del codice del gioco, ma la battaglia dei modelli di business della console è dove volano davvero le scintille. Non sono un fan del baseball, quindi non posso davvero commentare la qualità della simulazione, ma è ovvio che Game Pass vedrà il titolo più ampiamente giocato: se hai il sottotitolo, non hai nulla da perdere provalo che tu sia un fan sfegatato di questo sport o meno. Microsoft lo sta sicuramente commercializzando pesantemente, la consapevolezza è alta e la novità di giocare a un gioco PlayStation su una console Xbox sarà avvincente. Nel frattempo, per quanto riguarda PlayStation, questo è un gioco a prezzo pieno con un appeal di nicchia, sicuramente al di fuori degli Stati Uniti, e nessun vero meccanismo di campionamento. Far pagare £ 60 per il prodotto certamente non convincerà nessuno che non sia profondamente investito nel gioco a provarlo. Nel frattempo, addebitare un premio per un doppio pacchetto PS4/PS5 mi mette a disagio quando questo è l’epitome di uno sviluppo multipiattaforma.

Un gioco PlayStation Studios su una console Microsoft però? È strano e strano, simile al tipo di paradosso logico tanto amato dal capitano Kirk nei suoi vari tentativi di spegnere i supercomputer megalomani in Star Trek degli anni ’60. Il modo in cui siamo arrivati ​​a questa situazione è probabilmente dovuto a una serie di eventi curiosa e unica e forse MLB sarà unico nel suo genere, ma la mia conclusione qui è che non sono davvero le specifiche o la tecnologia a separare Sony e Microsoft. Sono i modelli di business e il software e sarò affascinato di vedere come progredisce questa generazione.

Leggi di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.