Tesla trovata colpevole di aver ridotto la capacità della batteria in un aggiornamento, dovrà pagare 16.000 dollari ad ogni cliente

0

Tesla è colpevole, un tribunale norvegese sostiene i querelanti che sostenevano che la velocità di carica e la capacità delle batterie delle loro auto erano state diminuite dopo un aggiornamento.

Tesla è ancora una volta scottato da un processo, la società deve pagare $ 16.000 per le migliaia di proprietari colpiti in Norvegia da un aggiornamento del software delle loro auto. Una risoluzione che potrebbe essere ripetuta in altri paesi.

Nel 2019, i campanelli d’allarme hanno iniziato a suonare tra i proprietari di diversi modelli Tesla. Hanno affermato che le loro auto avevano perso tra i 19 e i 48 km di autonomia e che la riduzione della capacità della batteria era dovuta a un aggiornamento attuato dalla stessa azienda.

Al momento uno degli interessati ha dichiarato a Electrek che il suo 2014 Model S 85 aveva una gamma nominale di 247 miglia (397 km) come il 13 maggio. “ Ora, dopo l’aggiornamento, ha continuato a scendere a 217 miglia (349 km). Questo è un calo dell’11% in 5 settimane ” ha detto David Rasmussen, proprietario interessato.

Il grafico è abbastanza chiaro nel mostrare la perdita di potenza. Sia la Model S che la Model X con pacchi batteria da 85 kWh fuori produzione nel 2016 sono le più colpite dall’aggiornamento software 2019.16.1 e .2 di Tesla. Ma questa non è l’unica conseguenza.

Oltre alla capacità della batteria, anche la velocità di ricarica veloce nelle stazioni Supercharge è stata notata essere più lenta da allora. L’azienda, da parte sua, ha sostenuto che lo scopo degli aggiornamenti era quello di proteggere la batteria e migliorare la sua longevità, il risultato è stato tutto il contrario.

Secondo i media norvegesi Nettavisen, Tesla ha rifiutato di commentare questa sentenza e i 30 proprietari che hanno fatto causa alla società hanno ricevuto automaticamente 136.000 corone (16.000 dollari) ciascuno in risarcimento, a meno che Tesla non decida di fare ricorso, per il quale ha qualche settimana di tempo.

Questa multa sembra una cosa da poco per l’azienda, ma si stima che solo in Norvegia ci sono più di 10.000 persone colpite e molte di più in altri paesi. Negli Stati Uniti è in corso un caso simile. Non è la prima volta che la compagnia automobilistica è coinvolta in una grande controversia per aver cambiato le condizioni dei loro servizi una volta che le auto sono già vendute, né è la prima compagnia. HP, per esempio, è immersa in diverse cause legali per aver disabilitato con un aggiornamento la compatibilità delle sue stampanti con cartucce di inchiostro di altre marche come promesso al momento della vendita.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.