[Preview] Hokko Life – Early Access

0

Il 2020 è stato l’anno di Animal Crossing, rendendolo uno dei franchise più amati del vasto catalogo in mano a Nintendo. E come non poteva essere altrimenti, quando una formula ha successo, i cloni cominciano a uscire, e se non cloni, almeno un sacco di giochi chiaramente ispirati cercheranno di usare quella formula “sicura” per avere successo, anche se non sempre si tratta di una scommessa vincente. Hokko Life è uno di quei giochi. Questo gioco casual di avventure e simulazione di vita è chiaramente un Animal Crossing per PC, con un design e giocabilità simile e con lo stesso obiettivo. Prima di tutto, teniamo a precisare che in questo articolo daremo le nostre prime impressioni basandoci su una Early Access, non ci sarà un voto e i paragoni con il titolo Nintendo sono da prendersi con le pinze.

Ma iniziamo con Hokko Life.

Vestiamo i panni di un bambino, che avremo la possibilità di editare in base ai nostri gusti, anche se senza mai uscire da un design abbastanza anonimo e semplice. La premessa narrativa stessa di Hokko Life è un chiaro riferimento ad Animal Crossing, con un protagonista che approda in treno nel villaggio aniale perché si è addormentato e ha mancato la propria fermata. Spaventato, decide di dare una passeggiata nella cittadina, quando un simpatico elefante, assieme a una giraffa, ci darà il benvenuto e ci permetterà di restare per tutto il tempo che vorremo. A partire da questo momento inizia la lunga serie di favori richiesti da uno e l’altro alternativamente.

Quando parliamo di una serie di favori, non parliamo di uno o due, in realtà saranno questi ad “aiutarci” a prendere confidenza con l’isola, a farci fare i primi passi e, soprattutto, a farci iniciare l’avventura e conoscere tutte le meccaniche, i vicini e i nostri obiettivi nella cittadina. Finché non faremo tutte queste commisioni non saremo completamente liberi di gestire il nostro tempo, il nostro inventario e i nostri oggetti. Come dicevamo all’inizio, Hokko Life è in fase Early Access, il che significa che anche se in fase sviluppo è aperto ai giocatori, ma il gioco non è realmente finito e ha mostrato diversi errori che rendono l’esperienza di igoco a volte tediosa.

Lo studio polacco Wonderscope sta facendo un gran lavoro, ma si trovano ad esempio alcuni errori nelle traduzioni e nei dialoghi, a volteb persino mostrando dialoghi mancanti, che ci fanno perdere immersività nella storia.

In modo molto simile a quanto visto su Animal Crossing, sarà possibile vendere liberamente il contenuto del nostro zaino alla giraffa che ci ha dato il benvenuto, che sarà ben felice di pagarci alcune monete ben conscio del fatto che le spenderemo sempre nel suo negozio, um po’ in stile Tom Nook. Abbiamo anche un arsenale di strumenti di diverso tipo: canna da pesca, ascia e rete da farfalle, per citarne alcuni, che ci aiuteranno a raccogliere risorse naturali nella zona che potremo vendere per ottenere denaro. Questo cosa comporta? Comporta che possiamo avere una casa. Il cambio tra uno strumento e l’altro ha dato luogo ad alcuni problemi nei controlli, che sia nel tedioso metodo per farlo con mouse e tastiera che con il controller. Per cambiare strumento o renderne attivo uno, scompare fisicamente dalle nostre mani e dobbiamo usare la tastiuera mentre usiamo il gamepad. Sono problemi piccoli, ma che finiscono con lo stancare.

Per quanto riguartda il riposo, è stato inserito un tocco personale. Diversamente dal gioco nintendo, non ci sarà un orologio in tempo reale, ma ci saranno cicli giorno/notte e stagionali, permettendoci di andare a dormire per andare avanti di 2 o 6 ore o dormire fino al giorno dopo. Si possono anche accelerare in modo artificiale, ma intervenendo fuori dal gioco e dalle intenzioni degli sviluppatori.

La giocabilità a questo punto diventa più interessante, non solo perché la cittadina è abbastanza grande e con molta esplorazione (fiumi, mare, grotte, bosco), ma anche perché possiamo personalizzarla completamente a nostro piacimento. Hokko Life offre opzioni di personalizzazione e design molto superiori a quelle di Animal Crossing, e questo aiuta a renderci conto di star facendo un buon lavoro, oltre al fatto che esteticamente sia di nostro gradimento. Temiamo che ci toccherà fare un bel po’ di viaggi nell’officina, perché li abbiamo il tavolo di crafting, che ci permette di creare oggetti, materiali, strumenti ecc. se abbiamo la ricetta. Ma abbiamo anche a disposizione un altro tavolo, il tavolo di design, si, esattamente. Che però non ci permette di creare vestiti o stampe per oggetti, bensì di creare i nostri mobili personalizzati con totale libertà e dando libero sfogo alla nostra creatività, anche se è fortemente consigliabile farlo con mouse e tastiera.

Il design è molto gradevole, ti fa sentire come all’interno di un cartone animato, oltre ad offrire una palette di colori solida e con animazioni molto ben realizzate. Alla fine, consente un’enorme libertà e consente di poter osservare i paesaggi in modo rilassante, mentre costruisci il villaggio dei tuoi sogni.

Per concludere, potremmo dire che Hokko Life è un misto tra Animal Crossing e Stardew Valley. Con l’Early Access è impossibile definire una recensione unica con un voto, ma è chiaro che, tra controlli tediosi, traduzioni problematiche e diversi errori, avrà bisogno di diversi aggiornamenti da parte degli sviluppatori. È un rischio proporre un titolo simile al simulatore di vita Nintendo, ma è anche vero che alcuni aspetti come la dimensione della mappa, la differenza del controllo orario e lo strumento di design non lo rendono così tanto simile. Fortunatamente, ha già una meccanica fondamentale per proseguire e la sua capacità di coinvolgere è presente, ma ha ancora bisogno di molti aggiustamenti per dare l’idea di un gioco veramente completo. Se tutto questo andrà in porto, Hokko Life avrà le carte in regola per raggiungere il potenziale che sta cercando.

Preview realizzata con codice PC gentilmente concesso da Team 17.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.