LaKeith Stanfield si scusa per aver partecipato a una chatroom che trasmetteva discorsi antisemiti

0

LaKeith Stanfield si è scusato dopo aver moderato una chat room Clubhouse in cui gli utenti hanno condiviso teorie cospirative antisemite la scorsa settimana.

La star è finita sotto tiro per la sua apparizione sul forum e, anche se i redattori del Daily Beast hanno dichiarato che lui personalmente “non ha mai detto nulla che possa essere considerato antisemita”, l’attore si è scusato con i fan su Instagram.

Esprimendo il suo rammarico per non aver immediatamente chiuso o abbandonato la conversazione, la star di Knives Out ha scritto: “Mi scuso incondizionatamente per quello che è successo in quella chat room, e per aver permesso alla mia presenza lì di dare una piattaforma al discorso dell’odio.

“Non sono un antisemita, né condono nessuna delle credenze discusse in quella chat room.”

Ha continuato: “Ieri sono entrato in una chat room online su Clubhouse sugli insegnamenti di Louis Farrakhan. Quando i partecipanti alla stanza mi hanno notato, sono stato rapidamente nominato moderatore di questa stanza.

“Ad un certo punto durante il dialogo, la discussione ha preso una piega molto negativa quando diversi utenti hanno fatto abominevoli dichiarazioni antisemite e a quel punto, avrei dovuto o chiudere la discussione, o rimuovermi completamente da essa.”

Farrakhan, il leader della Nazione dell’Islam dal 1977, è stato criticato per dichiarazioni pubbliche antisemite per decenni, avendo precedentemente dichiarato “i potenti ebrei sono il mio nemico” e incolpato la “presa degli ebrei sui media” per “tutta questa sporcizia e comportamento degenerato che Hollywood sta mettendo fuori, trasformando gli uomini in donne e le donne in uomini.”

E mentre la chat intendeva affrontare la retorica dannosa, Stanfield ha riconosciuto che, come moderatore della stanza “deragliata”, aveva bisogno di prestare “attenzione a ciò che viene effettivamente discusso, e determinare se questa è una discussione in cui si vuole veramente entrare”

“Condanno i discorsi di odio e le opinioni discriminatorie di ogni tipo”, ha concluso. “Mi scuso incondizionatamente per quello che è successo in quella chat room, e per aver permesso che la mia presenza lì desse una piattaforma per i discorsi d’odio”.

“Non sono un antisemita né condono nessuna delle credenze discusse in quella chat room”.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.