EA nega di “spingere” i giocatori di FIFA a spendere in bottini dopo che un insider ha fatto trapelare documenti di marketing

0

EA ha negato di “spingere” i giocatori di FIFA a spendere soldi in loot box dopo che un “addetto ai giochi” ha divulgato documenti di marketing a una pubblicazione mainstream.

CBC’s Go Public pubblicato due pagine da un documento interno di FIFA 21 che discute l’approccio dell’azienda a Ultimate Team, la controversa modalità i cui bottini sono stati etichettati come gioco d’azzardo.

“FUT è la pietra angolare e stiamo facendo tutto il possibile per portare i giocatori lì”, dice un punto elenco vicino alla parte superiore del documento.

Il cast delle notizie di Eurogamer: è l’inversione di marcia di Sony su PS3 e I giochi di Vita stanno solo ritardando l’inevitabile?

Un altro la pagina trapelata dal documento contiene la riga “tutte le strade portano a FUT” e rivela il piano di EA di “incanalare” i giocatori verso FUT da altre modalità.

Go Public riporta che l’insider ha fatto trapelare il documento perché “lui e gli altri che conosce che lavorano ai videogiochi non si sentono a proprio agio con progetti che includono loot box”.

“Non possiamo davvero farci niente perché alla fine della giornata, l’azienda sta cercando di fare soldi e soddisfare gli investitori”, si dice che l’insider abbia detto.

Un altro documento interno di EA si riferirebbe ai crediti FUT, la valuta di gioco che guadagni giocando , come “valuta macinata”.

L’insider contesta il fatto che FIFA 21 abbia indirizzato i clienti verso FUT quando hanno già sborsato il prezzo intero per il gioco e potrebbero essere felici di non -Modalità FUT.

“Per anni… sono stati in grado di agire con uno strato di plausibile negabilità”, avrebbe detto l’insider.

“Eppure nei loro documenti interni, dicono: ‘Questo è il nostro obiettivo. Vogliamo che le persone siano guidate alla modalità pacchetto di carte.’ “

1
L’attuale schermata del menu principale di FIFA 21.

EA ha attaccato Go Public, accusando il suo rapporto di essere una “storia sensazionalistica con una falsa rappresentazione dei fatti”.

In un lungo dichiarazione rilasciata a Eurogamer, EA ha dichiarato: “Cerchiamo sempre opportunità per introdurre più giocatori alle modalità nei nostri giochi. I nostri giocatori di FIFA si aspettano nuovi contenuti che rendano il servizio entusiasmante, quindi questo è un obiettivo costante per noi.”

EA ha insistito “non ‘spingiamo’ le persone a spendere nei nostri giochi “.

“Laddove forniamo questa scelta, stiamo molto attenti a non promuovere la spesa rispetto ai guadagni nel gioco e la maggior parte dei giocatori di FIFA non spende mai denaro per oggetti di gioco .”

Una riga nel documento interno dice “i giocatori riceveranno un messaggio attivo e saranno incentivati ​​a convertirsi durante l’estate”.

EA ha difeso questo linguaggio, affermando che l’estate è un periodo molto attivo all’interno della community di FUT, “e ci assicuriamo che molti dei nostri nuovi contenuti e degli eventi della community nel gioco siano centrati lì.”

“I nuovi contenuti che introduciamo nel corso dell’anno includono numerosi premi non monetizzati”, ha continuato EA. “Le decisioni di spesa sono sempre del tutto facoltative.”

Poi: “Niente in il documento trapelato contraddice questo in alcun modo – mostra come stiamo sostenendo l’engagement nt nel nostro gioco durante il periodo estivo, non spendendo.”

EA continua a sottolineare la sua posizione:

“Prendiamo molto seriamente la nostra responsabilità di fornire ai giocatori un’esperienza sicura e divertente.

“Non incoraggiamo i giovani giocatori a spendere nei nostri giochi e raccomandiamo vivamente l’uso dei controlli familiari per gestire i contenuti a cui i bambini possono accedere, la loro capacità di spendere nei giochi e per quanto tempo possono giocare. La nostra piattaforma EA per i giochi per PC include anche account dedicati per bambini e adolescenti, in modo che tutti i nostri giocatori e i loro genitori possano fare scelte informate su come giocare. E strumenti come FIFA Playtime aiutano i giocatori prendi il controllo del modo in cui giocano, inclusa la possibilità di impostare limiti per gestire il loro impegno e gli acquisti.”

Poi, sull’affermazione che i bottini della FIFA stanno giocando d’azzardo, che EA ancora una volta negato. “Siamo anche fermamente in disaccordo sul fatto che la FIFA o uno qualsiasi dei nostri giochi coinvolga il gioco d’azzardo”, ha affermato EA.

“Le autorità di regolamentazione di diversi paesi in tutto il mondo hanno dichiarato pubblicamente che dove non esiste un metodo di prelievo, le loot box non costituiscono gioco d’azzardo.

“Ci prendiamo molta cura per garantire che i nostri giochi vengano giocati come previsto, anche prendendo provvedimenti contro coloro che violano le nostre regole contro il commercio al di fuori del gioco. Riteniamo che non vi sia alcun merito in nessuna delle recenti controversie intentate negli Stati Uniti o in Canada e siamo certi che i tribunali saranno d’accordo.

“Recentemente, un giudice della Corte Federale degli Stati Uniti ha respinto un caso correlato rilevando che “la mancanza di qualsiasi valore trasferibile nel mondo reale agli oggetti li porta al di fuori” delle leggi sul gioco d’azzardo. Quindi, ancora una volta, supportati da tutte queste prospettive da parte delle autorità, non crediamo che nessun aspetto dei giochi di EA costituisca gioco d’azzardo. ”

E infine: “Speriamo di vedere questi fatti rappresentati in modo più accurato in futuro. Nel frattempo, continuiamo a lavorare ogni giorno per garantire che i nostri giocatori di FIFA Ultimate Team abbiano il meglio possibile esperienza giocando al gioco che amano.”

Vale la pena leggere la dichiarazione di EA qui per vedere se regge sotto esame. Non credo che chiunque giochi a FIFA sarà sorpreso di sentire che EA si concentra su Ultimate Team. Dopotutto, è la fonte di guadagno dell’azienda, che porta centinaia di milioni di dollari ogni anno per EA. I giocatori di FIFA hanno da tempo accusato EA di trascurare le modalità non FUT nel gioco (basta guardare le recenti situazioni intorno ai Pro Club e Modalità Carriera, ad esempio).

Alla riga successiva: “Non ‘spingiamo’ le persone a spendere nei nostri giochi. Laddove forniamo questa scelta, stiamo molto attenti a non promuovere la spesa rispetto al guadagno nel gioco e la maggior parte dei giocatori FIFA non spendere soldi in oggetti di gioco.”

2
L’attuale promo Team of the Season include carte speciali disponibili solo nei pacchetti fino alla fine di aprile.

Anche se può essere vero, la maggior parte dei giocatori di FIFA non spende mai in oggetti di gioco , molti sarebbero contrari al suggerimento che FUT non “spinga” le persone a spendere. Ultimate Team è stato a lungo chiamato “pay-to-win” – anche dai suoi stessi giocatori professionisti.

In un recente Funzione Eurogamer, FIFA pro Zelonius ci ha detto di aver speso circa £ 5000 negli ultimi tre anni su Ultimate Team nel tentativo di competere nella parte multiplayer competitiva della modalità.

EA è stata anche accusata di aver creato carte Icona altamente desiderabili, come le versioni Moments delle carte Icona per i giocatori leggendari Maldini, Gullit, Viera, Cruyff, Ronaldo, Zidane ed Eusebio, praticamente irraggiungibili a causa delle probabilità schiaccianti del pacchetto, che a loro volta alimentano la spesa del mercato nero .

Poi c’è l’uso da parte di EA della paura di perdere (FOMO) tramite rilasci di carte a tempo limitato, che sono stati accusati di incoraggiare i giocatori a spendere soldi in breve , brusche raffiche mentre fanno offerte per ottenere carte che pensano non saranno mai più disponibili.

“Le decisioni da spendere sono sempre del tutto facoltative”, afferma EA. Non è del tutto vero. Alcune carte sono disponibili solo tramite pacchetti di carte, sia per il modo in cui vengono rilasciate, sia per la loro scarsità nella casa d’aste in-game.

La versione Prime Icon Moments di Ronaldo è così rara che raramente è disponibile per l’acquisto alla casa d’aste.

“Non incoraggiamo i giovani giocatori a spendere nei nostri giochi”, afferma EA. A settembre, 3 EA ha pubblicato un controverso annuncio sulle microtransazioni FIFA che incoraggiava i bambini a spendere soldi reali in bottini di Ultimate Team .

In una dichiarazione rilasciata a Eurogamer all’epoca, EA ha affermato di aver intrapreso un’immediata revisione di tutti i futuri posizionamenti sui media e ha ammesso l’annuncio dei FIFA Points non avrebbe dovuto apparire sulla rivista di giocattoli in primo luogo.

“Siamo anche fermamente in disaccordo sul fatto che FIFA o uno qualsiasi dei nostri giochi coinvolga il gioco d’azzardo”, ha detto EA. “Le autorità di regolamentazione di più paesi in tutto il mondo hanno dichiarato pubblicamente che dove non esiste un metodo di prelievo, le loot box non costituiscono gioco d’azzardo. Facciamo molta attenzione a garantire che i nostri giochi vengano giocati come previsto, anche adottando misure contro coloro che violano le nostre regole. contro il commercio al di fuori del gioco.”

Come riportato da Eurogamer, quando si tratta di Ultimate Team, puoi incassare moltissimo. Una rapida occhiata online rivela che il mercato nero per l’acquisto e la vendita di crediti FUT è vivo e vegeto, nonostante i migliori sforzi di EA.

4
Anche alcuni pacchetti sono disponibili per l’acquisto solo per periodi di tempo limitati.

E mentre molti paesi attualmente non considerano i bottini come una forma di gioco d’azzardo, alcuni paesi lo fanno, e altri paesi, incluso il Regno Unito, stanno studiando la possibilità.

All’inizio di aprile, nuova ricerca “robustamente verificata” un collegamento tra bottini e gioco d’azzardo problematico.

I ricercatori delle università di Plymouth e Wolverhampton hanno affermato che i loot box “sono strutturalmente e psicologicamente simili al gioco d’azzardo”. Ha anche scoperto che un gran numero di bambini sta aprendo bottini.

Il nuovo ricerca, commissionata dall’ente benefico GambleAware, ha rilevato che del 93 percento dei bambini che giocano ai videogiochi, fino al 40 percento ha aperto bottini. Ha anche scoperto che 12 studi su 13 sui loot box hanno stabilito connessioni “non ambigue” al comportamento problematico del gioco d’azzardo, con i giovani uomini che hanno maggiori probabilità di usare i loot box e la giovane età e l’istruzione inferiore correlata con un maggiore utilizzo.

Il rapporto afferma che molti giochi utilizzano una “spinta psicologica” per incoraggiare le persone ad acquistare bottini, come la paura di perdere oggetti a tempo limitato o offerte speciali.

Questo può essere visto chiaramente in FIFA Ultimate Team, che commercia regolarmente su FOMO rilasciando carte potenti e ambite in quantità limitate o per periodi di tempo limitati.

Penso la perdita del documento di marketing interno di EA qui è una falsa pista. Non è una sorpresa vedere la spinta di FUT da un documento FIFA 21 come questo. Sospetto che i documenti di marketing di editori rivali usino un linguaggio simile per descrivere che spingono i giocatori verso le parti dei loro giochi che generano spese ricorrenti.

It è vale la pena analizzare la risposta di EA, tuttavia, non solo per vedere se regge, ma anche per darci un’idea della posizione dell’azienda sul continuo attacco alla sua oca d’oro. Mi sembra che la pressione sui loot box si stia intensificando e, sebbene EA sia disposta a lasciare andare le entrate da mercati come il Belgio, si aggrapperà ai soldi che guadagna da artisti del calibro del Regno Unito, che è storicamente ossessionato con Ultimate Team, fino all’ultimo secondo.

Leggi di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.