Differenze tra i premi Club Nintendo e My Nintendo

0

Il passaggio dal Club Nintendo a My Nintendo, come si può vedere nelle ricompense, è più dolce di quanto molti di noi pensassero. Alla fine del 2015, quando l’azienda giapponese ha chiuso definitivamente il servizio, molte persone hanno scosso la testa. Così, questo sistema che premiava la fedeltà degli utenti con diversi regali ha detto addio dopo diversi anni di servizio. E alla luce degli eventi , la situazione odierna è molto simile a quella di un tempo .

Per cominciare, My Nintendo offre ancora premi che, come nel caso del Club Nintendo, invogliano i giocatori e danno loro la possibilità di accedere a contenuti esclusivi delle loro licenze preferite . Ad esempio, potrebbe trattarsi di sottobicchieri per Animal Crossing o dell’asciugamano estivo per Nintendo Switch Sports. Tuttavia, questi casi specifici, e molti altri che potremmo citare, sono un piccolo esempio di un difetto che la Grande N continua a ripetere: la distinzione degli articoli per regioni.

Il dolce passaggio da un servizio all’altro

Cominciamo con una piccola lezione di storia. Come vi abbiamo raccontato in l’articolo di addio al Club Nintendo, questo servizio ci accompagna dalla fine degli anni Ottanta. Divisi in tre regioni (Giappone, Nord America ed Europa), i fan di tutto il mondo sono sempre stati colpiti dalla priorità della Grande N per il loro paese d’origine . Il Giappone, a differenza di altri territori, aveva premi del Club Nintendo più vari e di migliore qualità. E questo, a lungo andare, ha portato l’azienda a cercare una soluzione che soddisfacesse i suoi giocatori .

È con questo pretesto che è nato My Nintendo, il successore del servizio di affiliazione dell’azienda che ci ha accompagnato per diversi decenni. Oltre a cercare di alleviare i suddetti problemi, My Nintendo aveva anche lo scopo di unificare le nuove forme di gioco in un unico servizio . In questo modo, oltre ai tanto agognati premi, che possono essere guadagnati attraverso i Punti Platino e i Punti Oro, i giocatori possono aggiungere amici, utilizzare il servizio cloud e unire i loro giochi per console e mobile sotto un unico ombrello .

A poco a poco, Nintendo ha preso per mano i suoi utenti e li ha introdotti ai vantaggi di My Nintendo. Parlando sempre di una “transizione dolce”, l’azienda ha realizzato una fantastica manovra in cui si è progressivamente lasciata alle spalle il vecchio servizio per concentrarsi completamente sul nuovo. E, come atto finale di ringraziamento, ha rilasciato una moneta commemorativa con cui ha dato l’addio al Club Nintendo. E questo, sommato ad altri articoli che hanno offerto per tutta la durata del servizio, è stata la fine di un rapporto decennale che si è concluso nel migliore dei modi.

Dal Club Nintendo al My Nintendo: stessi premi, stessi problemi

Uno dei vantaggi più importanti di My Nintendo è la ricompensa del servizio. Acquistando videogiochi, acquistando prodotti Nintendo, rispondendo a sondaggi o semplicemente raggiungendo il proprio compleanno, Nintendo ti premia con Punti Oro o Platino. E questi, una volta raggiunta una certa cifra, possono essere scambiati con prodotti esclusivi My Nintendo. Tuttavia, pur essendo questa una delle caratteristiche più accattivanti del servizio, la Grande N è caduta ancora una volta nello stesso errore del passato.

L’aspetto più criticato dei premi del Club Nintendo è stato senza dubbio la distinzione tra regioni. Con l’avvento di My Nintendo e le promesse di internazionalizzazione del servizio, molti utenti credevano che queste complesse barriere sarebbero state eliminate. Tuttavia, casi come la popolare borsa di Kirby (catalogo australiano e americano), le spille Triangle Strategy (catalogo europeo) o i portachiavi per Nintendo 64 (catalogo giapponese) dimostrano che alla Grande N manca ancora un punto cruciale.

Tutto sommato, la differenza tra i premi del Club Nintendo e i premi My Nintendo non è così grande come molti pensano. Tuttavia, manca la varietà degli articoli del precedente servizio. Così, mentre oggi possiamo ammirare spille, borse e calendari, un tempo era più comune vedere coperte dei personaggi, colonne sonore dei titoli preferiti o lampade dei personaggi più amati. E oggi, purtroppo per i nostalgici, è più frequente vedere un modello comune, il che significa anche l’arrivo di articoli meno attraenti per i fan.

Questo per quanto riguarda la nostra recensione del passaggio dal Club Nintendo a My Nintendo e le conseguenze di questa mossa. Vi mancano i premi del vecchio servizio e pensate che gli articoli del nuovo servizio siano all’altezza? Vi leggiamo.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.