DiRT 4 – Recensione

0

DiRT 4 arriva sul mercato di tutto il mondo, per PC, PS4 e Xbox One. Noi lo abbiamo provato per voi ed ecco le nostre impressioni.


Più o meno un anno fa arrivava sul mercato DiRT Rally, oggi Codemasters lancia DiRT 4, un videogioco che è nato con l’idea di voltare pagina e dare nuova vita al precedente titolo rendendolo più completo ed Arcade.

Dirt 4

DiRT 4 - Edizione Day One - PlayStation 4

by Codemasters [Koch Media]
Rank/Rating: 122/-
Price: EUR 29,99


Il lavoro prefissato dagli sviluppatori di DiRT4 era quello di portare nuova vita ad un gioco dedicato ad uno degli sport più estremi delle 4 ruote, aggiungendo un aspetto più arcade sia nel controllo che nelle modalità di gioco.
Grazie a queste particolari decisioni, il gioco ora risulta sicuramente più completo, realistico e vario, e si adatta a tutti i tipi di giocatori.

Tanto divertimento in due stili di guida!

La chiave per poter sorprendere e soddisfare due diversi tipi di giocatori nello stesso gioco è stata quella di rendere l’esperienza interessante utilizzando due diversi stili di approccio alla guida, Arcade o Simulazione.
Nello stile simulazione troviamo un approccio alla guida pressoché identico a quello che abbiamo potuto vedere e testare in Dirt Rally, e rimane comunque un’opzione raccomandata sopratutto per i più esperti. Nella simulazione infatti, non avremo il supporto per la trazione, la frenata o la direzione, che incide molto sull’enorme potenza di alcune vetture quando si accelera. Senza dubbio, se vogliamo giocare con un volante e godere di una esperienza realistica, questa opzione riesce a farci vivere esperienze davvero eccezionali e adrenaliniche.
Lo stile Arcade invece, ha un approccio molto meno impegnativo ed è più simile a quello che abbiamo potuto vedere in Dirt 3. Qui avremo un aiuto per controllare la trazione, l’accelerazione o la direzione, rendendo più facile pilotare qualsiasi tipo di veicolo. Grazie a tutti questi aiuti non dovremo preoccuparci molto di correggere costantemente la direzione, controllare l’acceleratore o evitare di bloccare i freni, ma dovremmo semplicemente goderci la semplicità del pilotaggio, anche se con vari settaggi abbassando gli aiuti si riesce comunque a vivere un esperienza molto simile al livello simulazione.

Indipendentemente dalla scelta, il gioco può essere più o meno complicato a seconda del livello di difficoltà che scegliamo, ma ovviamente lo stile di guida determinerà la nostra evoluzione come piloti. Senza dubbio, la decisione di includere queste due modalità e il buon equilibrio di entrambi ha fattosi che Dirt 4 raggiungesse la nomina di titolo adatto a tutti gli amanti della guida.

L’essenza di DiRT!

Il Rally tradizionale torna su Dirt 4 con la stessa essenza del suo predecessore, in grado di regalare una esperienza tremendamente realistica. In questa occasione avremo cinque sedi: Australia, Spagna, Stati Uniti, Svezia e Galles. Qui potremo vivere e gareggiare su superfici come asfalto, terra, neve o fango, terreni che offriranno a ciascun tracciato un controllo diverso e molto realistico.
Oltre al tipo di terreno, Dirt 4 include un completo sistema meteorologico che modifica sostanzialmente qualsiasi tracciato. Questo permetterà di correre con nebbia, pioggia, di notte o sotto un sole abbagliante. Queste varianti, non sono per niente un puro fattore estetico, ma riescono ad essere decisive in alcune sezioni dove la ridotta visibilità accompagnata dal dissestato manto stradale ci faranno cambiare completamente il nostro modo di guidare.
Dirt 4 include un grande strumento che ci permetterà di creare sezioni in modo veloce. Un semplice editor basato sostanzialmente su due parametri, distanza e difficoltà, ma successivamente ci farà decidere l’ora del giorno e le condizioni atmosferiche. In questo modo, saremo in grado di creare nuovi circuiti in cui competere in una delle cinque sedi, Una bella, se pur semplice caratteristica che ha dato al titolo un aggiunta molto versatile che amplia notevolmente l’esperienza di gioco.

Alla guida!

Durante la guida avremo le classiche note lette dal nostro co-pilota, che ancora una volta vengono completamente tradotte in italiano.
Inclusa inoltre anche la possibilità di controllare manualmente la partenza, regolando freno a mano e frizione per eseguire una partenza sempre più reattiva, che però cambia molto da terreno a terreno, modalità che potrebbe portare ad un’ammonizione se anticipiamo la partenza prima della luce verde. Infine, troviamo un sistema dinamico di guasti che, a seconda della fase e delle condizioni della vettura, ci può limitare anche drasticamente la guida durante alcune sezioni.
Per rendere ogni tracciato ed ogni gara ancora più interessante, prima di ogni test saremo in grado di configurare gli elementi dell’ auto come sospensioni, pesi distribuzione o rapporti di marcia. Tutte queste sezioni, anche se non molto approfondite al dettaglio, influenzeranno la guida, in da poter modificare l’auto a proprio piacimento.
In questo senso Dirt 4 offre un sistema completo e molto realistico su danni visivi e meccanici. A livello di prestazioni le vetture possono subire perforazioni degli pneumatici, guasti nel cambio o perdita di potenza nel motore, elementi che cambieranno il nostro modo di giocare. Questo sistema è molto realistico e riesce ad aggiungere un lato divertente per i giocatori più esigenti, anche se logicamente può essere disattivato dal menu di configurazione.
Tuttavia, anche se i danni estetici al veicolo non sono sempre visivamente accettabili ma un pochino limitati, l’esperienza finale rimane comunque molto credibile.
A fine gara si passerà alla riparazione della nostra auto. Qui avremo un certo tempo accumulato e a disposizione per eliminare il danno che può essere al telaio, allo sterzo o al motore.
Qui saremo in grado di scegliere tra l’effettuare riparazioni normali, veloci o non toccare nulla, facendo i nostri calcoli secondo i punti tempo/lavoro accumulato. Questo sistema, che ha dimostrato di essere funzionale e intuitivo, guadagnerà ancora più importanza in modalità carriera, dove diversi membri del team giocheranno un ruolo chiave nella rilevazione e riparazione, oltre al fatto che lavoreranno per noi per migliorare le parti delle nostre auto.

Modalità e divertimento!

Dirt 4 ha incorporato una serie di modalità che si allontanano dalle esigenze dei rally. Uno dei più eclatanti è Rallycross, un’opzione che ha ricevuto anche la licenza ufficiale della FIA. Questa modalità vi farà affrontare sei partecipanti in piccoli circuiti in cui dovremo completare una serie di giri normali e uno selvaggio. Qui, non avremo solo la presenza di altri piloti, ma anche le vetture saranno appositamente progettate per avere una grande potenza e maneggevolezza, ottenendo così un’esperienza diversa. Infine, per questa nuova sezione sono stati inclusi cinque luoghi offrendo così a tutti diversi percorsi e tipi di superfici.
Una disciplina ancora più folle è Landrush; Queste gare svolte su circuiti di terra ci porteranno negli Stati Uniti e in Messico e ci faranno correre contro camion, potenti SUV o buggy. In questi concorsi la tecnica lascerà il posto al divertimento, anche se risulterà particolarmente complicata nella modalità di simulazione.
Si passerà poi al DirtFish Rally School di Washington dove potremmo eseguire lo Smash Attack e Time Attack. Nel primo, il nostro obiettivo sarà quello di rompere il numero massimo di protezioni in un tempo limitato. Nel secondo, dovremo completare una serie di giri in un limite di tempo, raccogliendo o schivando i bonus di tempo seminati sul tracciato che ci sottrarranno o aggiungeranno secondi. Infine, in Accademia sarà anche possibile circolare liberamente per studiare alla perfezione tutti gli angoli e le insidie prima della competizione.

Creare il nostro impero!

Per essere in grado di godere a pieno di tutti questi stili, avremo a disposizione diverse modalità di gioco, che rendono le gare più complete. Non solo dovremo creare il nostro pilota e definire i colori del team, ma dovremo anche assumere dipendenti per migliorare le diverse sezioni dell’equipaggiamento. In questo modo, oltre ad accumulare crediti crediti e salire di livello dovremo investire il tutto nell’acquisto di nuove vetture o nell’assunzione di lavoratori migliori per il nostro Team, che ottimizzeranno gli aspetti legati alla squadra. Con i guadagni sarà anche possibile migliorare le infrastrutture del team, questo ci aiuterà ad avere più automobili, parti migliori o, per esempio, nuovi sponsor. Il sistema di gestione avrà anche un impatto sui benefici ottenuti, perché se correremo con la nostra auto otterremo più crediti.

Comparto Online

La sezione online offre due opzioni: multiplayer e competitiva. Il primo ci permette di unire o creare sessioni online scegliendo tra Rally, Landrush, Rallycross o rally storico. Questi test online non solo ci aiutano a salire di livello, ma ci aiuteranno anche a guadagnare crediti.
Competitiva offre due varianti: Pro Tour e eventi della Comunità. Gli eventi della Comunità sono test giornalieri, settimanali e mensili, che ci ricompenseranno con crediti ed esperienza. Senza dubbio, anche se mancano i tornei personalizzati e alcune modalità aggiuntive, troveremo una fonte infinita di ore di gioco.

Conclusioni

DiRt 4 ha sicuramente superato ogni aspettativa, portando una serie di migliorie tattiche e grafiche da far invidia a titoli dello stesso comparto.
Con questo titolo ci sentiamo di affermare che il lavoro svolto dagli sviluppatori è davvero eccellente e sarà sicuramente ricompensato da molti utenti e fan del genere.

DiRT 4

DiRT 4
8.8

Giocabilità

8.5/10

Grafica

8.5/10

Sonoro

9.0/10

Divertimento

9.0/10

Pro

  • Durata
  • Divertimento
  • Guida
  • Simulazione

Commenta!