Guida alla demo di Pokémon Oro e Argento: tutto quello che c’è da sapere

0

L’ultima settimana di maggio 2018 è stata una delle più ricche e sconvolgenti degli ultimi mesi, se non degli ultimi anni, per il nostro amato mondo Pokémon. E non stiamo parlando solamente dell’annuncio di Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Let’s Go, Eevee!, i nuovi titoli destinati a traghettare la serie dei mostriciattoli tascabili su Nintendo Switch, ma anche dell’apparizione a sorpresa di una sconosciuta versione demo di Pokémon Oro, seguita poi da quella di Pokémon Argento, del lontano 1997, debuttati ufficialmente solo due anni dopo, il 21 novembre del 1999.

Quest’acerba versione del gioco venne mostrata al pubblico in occasione del Nintendo Space World del 15 novembre 1997, una fiera videoludica organizzata direttamente dalla grande N negli anni tra il 1989 e il 2001 proprio a Kyoto, città in cui ha sede l’azienda, oppure al Makuhari Messe convention center di Chiba.

Ancora non sappiamo chi sia stato a rendere pubblica questa prima demo della seconda generazione di Pokémon. Un ex dipendente? Un hacker? Un semplice fortunato utente che si è ritrovato tra le mani una copia della cartuccia prototipo? Probabilmente non lo scopriremo mai, ma ora abbiamo tra le mani la bozza di uno dei più bei progetti di Game Freak e, in questa rubrica, cercheremo di sviscerarne i segreti e di scoprire tutto ciò che c’è da sapere per esplorare la prima versione della regione di Johto.

La demo

Negli ultimi anni siamo stati abituati, prima dell’uscita di un importante titolo della serie principale, a poterne assaggiare una piccola fetta grazie a una speciale versione demo dedicata, come per Pokémon Rubino Omega e Zaffiro Alpha o per Pokémon Sole e Luna. Questa però non è sicuramente una novità nel mondo dei Pokémon e, così come accade per le demo moderne, anche in quella di Oro e Argento del 1997 solamente una minima parte della regione è esplorabile e solo una piccola parte delle funzionalità del gioco è disponibile.

In particolare, in questa versione, non potremo cambiare nome al personaggio, usare il PC o curare i nostri Pokémon al Centro Pokémon, scegliere uno starter né, tanto meno, fare evolvere quello ottenuto casualmente. Solamente la prima città e il primo Percorso sulla sua sinistra sono esplorabili e non è neanche possibile salvare il gioco. Se i Pokémon del giocatore sono esausti o se si raggiunge il Rivale di fronte al Cancello, nella zona più estrema dell’unico Percorso visitabile, il gioco ripartirà da capo.

Il Menù di Debug

Il vero motivo per cui questa demo è da considerarsi “Oro” a tutti gli effetti è la presenza del Menù di Debug. Si tratta di un’utility che viene solitamente inserita in ogni software con lo scopo di individuare e correggere eventuali errori di programmazione, e poi rimossa nella versione definitiva. Fortunatamente per noi, raggiungere il magico Menù di Debug è incredibilmente semplice. È sufficiente premere SELECT nella schermata del titolo per avere accesso a questa funzionalità.

Questo Menù presenta sei opzioni:

Lotta

Si tratta di un vero e proprio simulatore di battaglie tra Pokémon in cui è possibile impostare una squadra di sei Pokémon, scegliendo tra le 251 creature presenti, e un avversario con cui combattere, selezionandone anche i relativi livelli.

In realtà, con questa funzione, è possibile scegliere anche un misterioso Pokémon 252 e un 253. Gli sprite di queste due creature appariranno rispettivamente come una serie di pixel, in stile MissingNo, e come un Uovo Pokémon.

Campo

Si tratta della vera funzione in grado di dare accesso completo al gioco. Con questo comando verrà dato inizio a una nuova partita, ma questa volta sarà possibile salvare il gioco e, inoltre, la Borsa sarà piena di strumenti e il Pokédex completo. Sfortunatamente, mentre le descrizioni dei primi 151 Pokémon corrispondono a quelle di Pokémon Rosso e Verde, per i successivi 100 mostriciattoli è stata impostata la scritta:

Pokémon appena scoperto. Sono in corso delle ricerche.

Come si fa quindi a esplorare il resto di Johto? All’interno di questa modalità, è sufficiente tenere premuto il tasto B per poter passare attraverso i muri e quindi oltrepassare il Rivale davanti al Cancello, al termine della demo ufficiale.

Ma non è tutto! Premendo B + START sarete in grado di aprire un ancor più esteso Menù di Debug direttamente in-game, del quale parleremo poco più avanti.

Una piccola curiosità: mentre, avviando il gioco normalmente, il nome assegnato al personaggio è casuale, attraverso la modalità Campo del Menù di Debug sarà sempre コウジ (Kōji), in onore di Kōji Nishino, storico game designer di Game Freak, che partecipò alla realizzazione dei titoli.

Suono

Lo scopo teorico di questa modalità è quello di eseguire test sonori, ma purtroppo le varie tracce audio non risultano riproducibili.

Minigiochi

Da qui è possibile avviare ben cinque diversi minigiochi, destinati a diventare parte delle sfide all’interno del titolo completo.

  • Poker: come suggerisce il nome, si tratta del classico gioco di carte, probabilmente destinato al Casinò di Fiordorpoli e poi scartato. Il mazzo usato è da 50 carte, con cinque diversi motivi, Pikachu, Jigglypuff, Poliwag, Oddish e Porygon. È possibile scommettere 1, 5 o 10 Gettoni e giocare come un classico poker. Esiste però un piccolo trucchetto: alla fine di ogni mano il mazziere non rimetterà le carte nel mazzo, quindi risulterà facile contarle e giocare di conseguenza.

  • Gioco del 15: altro non è che il classico gioco in cui bisogna mettere in ordine 15 quadratini numerati, sfruttando il sedicesimo spazio vuoto. L’unica differenza è che, muovendo i numeri nel campo di gioco sulla destra, cambierà anche l’ordine dei quadratini sulla sinistra, fino a mostrare l’immagine di uno tra otto possibili Pokémon. Non sappiamo quale sarebbe potuto essere il posto dedicato a questo minigame all’interno del titolo completo, ma abbiamo ipotizzato che si tratti di una prima bozza del puzzle delle Rovine d’Alfa.

  • Memory: anche questo gioco era stato originariamente pensato per il Casinò di Fiordoropoli, ma alla fine è stato abbandonato, probabilmente sostituito dalla scommessa sulle carte delle versioni definitive. A dire il vero, il suo codice è ancora presente nelle versioni finali, ma non è stato inserito da nessuna parte. Anche qui è possibile scommettere 1, 5 o 10 Gettoni.

  • Picross: sì, proprio così, Pokémon Picross! Il gioco che tutti conosciamo è quello debuttato a dicembre 2015 su Nintendo 3DS, sviluppato dalla Jupiter Corporation. In pochi sanno che già nel 1999 un gioco chiamato Pokémon Picross, sviluppato dalla stessa società, era stato annunciato, ma mai rilasciato. Ora abbiamo la prova che un bozza di questo gioco era già stata prevista nel 1997. Lo scopo del puzzle è quello di seguire i numeri che indicano quante caselle annerite sono presenti per ogni riga e colonna, per ricostruire così lo sprite di un Pokémon.

  • Slot: è la classica slot-machine dei Casinò Pokémon, di cui abbiamo già parlato nella nostra rubrica sul gioco d’azzardo.

  • La corsa di Pikachu: questo minigame, in realtà, non è raggiungibile dal Menù di Debug, ma è nascosto direttamente nella schermata del titolo. Basterà aspettare un po’ di tempo senza premere né START né A né SELECT perché il minigioco si avvii da solo. Lo scopo è quello di far saltare il piccolo Pikachu, premendo il tasto A, per prendere le note musicali, fino ad arrivare al paffuto Jigglypuff. Alla fine si ritornerà alla schermata del titolo, ma Ho-Oh non sarà più circondato dalle fiamme, sostituite invece da note musicali.

Mostri

Da qui è possibile vedere il nome e le illustrazioni di tutti i 251 Pokémon presenti nel gioco e ascoltare anche i loro versi.

Nome

Nonostante il titolo poco chiaro, questa opzione serve per aprire una primitiva versione del PokéGear. È possibile osservare la Mappa Città, cambiare stazione radio e aprire il menù del telefono, anche se, purtroppo, non è possibile chiamare nessuno.

Menù di Debug “sul campo”

Eccoci arrivati al vero strumento di potere. Abbiamo detto prima che, avviando il gioco dalla modalità Campo, è possibile accedere a una versione ancora più ampia del Menù di Debug, premendo i tasti B + START.

La prima voce in alto つぎ (prossimo) e l’ultima in basso とじる (chiudi) servono rispettivamente per muoversi tra le tre pagine e per chiudere il menù.

ワープ Teletrasporto

Tramite questa opzione è possibile essere trasportati in alcuni luoghi specifici della regione di Johto e, addirittura, nel piccolo abbozzo della regione di Kanto (カントー).

キャラ Personaggio

Qui è possibile vedere ogni sprite overworld presente nei codici di gioco. Purtroppo però sono tutti accompagnati dalla scritta かいはつちゅう “ancora in fase di sviluppo” e, quindi, non è facile distinguerli a prima vista. Selezionandone uno comparirà un’immagine da ogni angolazione e, premendo uno dei tasti direzionali, sarà possibile vederlo in movimento. Se si preme il tasto A, invece, il personaggio scelto inizierà a seguire il giocatore direttamente all’interno del gioco.

のりもの Mezzo di trasporto

Da qui si può scegliere come far spostare il giocatore: a piedi, in bici, con lo skateboard o Lapras (nello stile di Surf). Eravamo già a conoscenza dell’idea iniziale di Game Freak di inserire lo skateboard come sistema alternativo alla bicicletta, idea che venne poi, come molte altre, abbandonata. Questo particolare mezzo di trasporto, tuttavia, è molto instabile. Per poter muoversi senza che il personaggio “impazzisca” è necessario tenere premuto il tasto B.

ツールギア Tool-gear

Questa opzione vi permetterà di regolare diversi parametri:

  • とけい Orologio: attiva la visualizzazione di un rettangolino che contiene l’ora e le altre icone del PokéGear nella parte bassa dello schermo.
  • ざひょう Coordinate: permette di visualizzare le coordinate in cui si trova il giocatore in quel momento.
  • アジャスト Regolazione: da qui si può regolare l’orologio.
  • 60びょう 60 Secondi: permette di passare dal giorno alla notte ogni 60 secondi.
  • 24じかん 24 Ore: ripristina l’orologio al suo stato normale.
  • けす Annulla: rimuove il rettangolino nella parte bassa dello schermo.

パソコン PC

Questa opzione permette di accedere al PC da qualsiasi punto del gioco, e risulta particolarmente comoda poiché i computer nei Centri Pokémon sono inaccessibili. All’interno del Box, inoltre, si troveranno già tre Pokémon casuali al livello 5.

ショップ Market

Permette di aprire il classico menù dei Pokémon Market per acquistare o vendere strumenti. Sfortunatamente, cercando di acquistarne uno, apparirà una scritta che avvisa che la funzione è ancora in corso di sviluppo. Anche se, vista l’enorme quantità di strumenti già presenti nella Borsa, non è poi così necessario acquistarne ancora.

かいふく Cura

Come suggerisce il nome, permette di curare istantaneamente i nostri Pokémon, ovviando all’impossibilità di utilizzare i Centri Pokémon.

じっけん PokéGear

Permette di avviare la stessa versione di bozza del PokéGear di cui abbiamo parlato prima.

ゲーム Minigiochi

Anche qui abbiamo lo stesso menù per avviare i vari minigiochi presenti nel codice della demo.

マッパー Mapper

Con questa opzione è possibile muoversi all’interno della mappa corrente e visualizzare le coordinate dei vari oggetti inquadrati.

イベント Evento

Questa funzionalità permette di impostare (フラグを うめる) o resettare (フラグを クリア) i vari “eventi” della trama presenti nella porzione di mappa corrente. Per esempio, dopo aver sfidato un Allenatore, è possibile “resettare” la memoria del suo incontro per poterlo sfidare di nuovo e ricevere nuovamente denaro e Punti Esperienza.

テスト Test

La funzione di Test della VRAM (memoria video) non è particolarmente utile per noi, ma comunque permette di visualizzare varie informazioni sugli elementi video, come i vari sprite overworld, presenti in quella porzione di mappa.

テレポ! Teletrasporto!

A differenza dell’omonima opzione precedente, questa permette di impostare le coordinate correnti del giocatore come destinazione per il Teletrasporto.

つれてけ Seguimi

Selezionando questo comando compariranno due diverse opzioni: Start (はじまる), per dare il via alla sequenza, e Fine (おわる) per fermarla. Avviando questa funzione l’avatar di gioco inizierà a seguire un PNG con grafica glitch. È interessante il fatto che, se l’azione viene fermata tramite l’apposito comando, cercando di riavviarla compaia il messaggio di errore “Non puoi farlo quando hai un Pokémon” (ポケモンを つれているときは だめです). Ciò può significare che questa funzione era destinata alle fase iniziali del gioco, prima di ricevere il primo Pokémon.

ちず Mappa

L’ultima funzione del nostro menù permette semplicemente di visualizzare la Mappa Città. Nonostante appaia sullo schermo un’icona uguale a quella visualizzata durante l’uso dell’MN Volo, purtroppo, premendo il tasto A, il menù verrà semplicemente chiuso.

Ora siete a conoscenza di tutto ciò che serve per godervi al meglio la primissima versione nota di Pokémon Oro e Pokémon Argento, vi ricordiamo però che le versioni complete e definitive di Pokémon Oro, Argento e Cristallo sono disponibili sulla Virtual Console di Nintendo 3DS.

Ma non è tutto! Se siete particolarmente curiosi riguardo ai Pokémon, alle città e agli Allenatori presenti in questa versione demo, cogliamo l’occasione per informarvi che le pagine dedicate saranno presto pubblicate sul nostro sito. Inoltre, se siete grandi fan dei titoli ambientati a Johto, avete immaginazione e siete rimasti colpiti da questa prima versione del gioco, non perdetevi il nuovissimo Contest a tema che verrà annunciato a breve e vi darà la possibilità di portare a casa un fantastico premio.

Un ringraziamento speciale al nostro traduttore ufficiale Simone Pezzulla.

L'articolo Guida alla demo di Pokémon Oro e Argento: tutto quello che c’è da sapere proviene da Pokémon Millennium.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.