Kim Kardashian vuole creare uno studio legale incentrato sulla riforma della giustizia

0

Kim Kardashian ha messo gli occhi sulla creazione di un proprio studio legale.

Durante l’ultimo episodio dello show di Hulu The Kardashian, la star del reality TV incontra Scott Budnick, fondatore di l’Anti-Recidivism Coalition (ARC), per discutere di come può “fare la differenza” quando arriverà la riforma carceraria negli Stati Uniti

“Penso che sarebbe bello avviare un’azienda che fa solo riforma della giustizia e assume persone precedentemente incarcerate per gestirla e lavorarci”, ha detto, sottolineando che sarebbe interessata ad aiutare a finanziare casi e investigatori. “Investo davvero nelle persone con cui lavoro, specialmente nei casi nel braccio della morte.”

Kim ha proseguito riflettendo sul caso di Brandon Bernard, condannato a morte per l’omicidio di Todd e Stacie Bagley nel 1999 ed è rimasta nel braccio della morte fino alla sua esecuzione nel dicembre 2020.

La 41enne, che lo scorso dicembre ha superato l’esame di legge “baby bar” al suo quarto tentativo, ha descritto come ha conosciuto Brandon “abbastanza bene” nei suoi ultimi giorni ed è stata la sua “ultima chiamata”.

“È stato giustiziato, non siamo riusciti a fermarlo, ma è per questo che io fai quello che faccio perché il sistema è così rotto. Penso che il mio obiettivo sia solo condividere il processo in modo che le persone possano vedere com’è veramente il nostro sistema e quanto sia disumana la pena di morte”, ha affermato.

Altrove nell’episodio, Kim è stata raffigurata mentre utilizzava i suoi contatti con le celebrità, tra cui artisti del calibro di Amy Schumer, Snoop Dogg e James Corden, per richiamare l’attenzione sul caso dell’ex detenuto nel braccio della morte Julius Jones.

Alla fine, il governatore dell’Oklahoma Kevin Stitt ha commutato la condanna di Jones in ergastolo senza condizionale appena quattro ore prima della sua prevista esecuzione a novembre.

Riflettendo sul suo lavoro legale durante un’ulteriore chiacchierata con Scott, Kim ha detto che il suo defunto avvocato, padre Robert Kardashian, sarebbe stato orgoglioso del suo impegno.

“Si divertiva moltissimo. Diceva, ‘Sei pazzo’, perché era solito dirmi: ‘Non vuoi farlo.’ Mi ha detto: ‘Sei così vanitoso, non vorrai fare l’avvocato e avrai così tante fottute rughe perché lo stress starai sveglio tutta la notte,’ la madre- su quattro sorrise.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.