L’aggiornamento “next-gen” di Grand Theft Auto 5 è la versione migliore

0

PS5 affronta PS4 e l’esperienza PC al massimo.

Grand Theft Auto 5 è arrivato questa settimana con un nuovo aggiornamento progettato per sfruttare le capacità della nuova ondata di console di gioco. Si tratta di un titolo che è stato lanciato per la prima volta nel 2013 su PS3 e Xbox 360 prima di essere rinnovato per PC, PlayStation 4 e Xbox One. Con l’arrivo di questa nuova edizione premium, il mega-gioco di Rockstar arriva ora sulla terza generazione di hardware di gioco con la promessa di tre modalità di qualità, tra cui l’aggiunta di funzioni di ray-tracing con accelerazione hardware.

Affronteremo i confronti tra le piattaforme in un altro articolo (la verità è che abbiamo ricevuto il codice solo il giorno prima dell’uscita, e questo lavoro richiede tempo), quindi oggi ci concentriamo su ciò che la nuova versione offre rispetto alle versioni esistenti del gioco. Se provenite dall’esperienza su console di ultima generazione, che tipo di aggiornamenti riceverete? E se avete giocato in precedenza alla versione per PC di GTA5, abbondantemente scalabile, quanto si avvicina la nuova versione all’esperienza massima? Per i nostri test ci siamo concentrati sulla versione PlayStation 5 del gioco, scoprendo che il nuovo hardware offre un’esperienza d’uso notevolmente migliorata ancora prima di iniziare a giocare!

Non mi riferisco solo al caricamento, ma anche all’installazione. Dopo aver scaricato GTA5 su PS4, ho scoperto che era necessario un ulteriore periodo di installazione, che ha richiesto oltre un’ora (!). Su PS5 c’è molto meno attrito: basta premere play e si entra subito nei video introduttivi e da lì nei menu a 60fps. I menu a frame-rate pieno potrebbero non sembrare una gran cosa, ma è sorprendente che funzionino a 30fps sulle console di ultima generazione e persino sulla versione PC. L’accesso al Rockstar Social Club è una cosa che si può saltare per il giocatore singolo, ma passare dal menu alla modalità storia richiede circa 20 secondi, molto più velocemente di PS4, dove lo stesso processo richiede due minuti e otto secondi sul mio sistema.

La video recensione tecnica di Digital Foundry per il nuovo aggiornamento “next-gen” di Grand Theft Auto 5, testato qui su PlayStation 5.

Sono disponibili tre modalità di rendering: fedeltà a 4K30, prestazioni a 1440p60 e prestazioni RT, sempre a 1440p60. Queste modalità a frame-rate più elevato rappresentano un netto miglioramento rispetto alle versioni last-gen del gioco, che si fermavano invece a 30fps. Ovviamente il feedback visivo è maggiore, ma il frame-rate migliorato attenua anche un problema persistente di GTA5: l’input lag molto elevato. Tornando al gioco oggi, è inaccettabilmente alto e appena sopportabile nelle modalità a 60fps.

Non solo, ma rispetto alla versione PC, Rockstar ha migliorato l’implementazione dei 60fps. Sebbene i 60fps fossero facilmente raggiungibili su PC, presentavano dei problemi: le animazioni dei personaggi non funzionavano a 60fps, anche quando il renderer lo faceva, e anche le panoramiche della telecamera erano discontinue. Nelle nuove versioni per console, il movimento dei personaggi è molto migliorato, ma ho ancora l’impressione che il movimento della telecamera nelle scene tagliate potrebbe essere migliore, e non mi sembra ancora un vero 60fps. Si tratta di un miglioramento, ma non del tutto perfetto: gli effetti dei tessuti vengono ancora eseguiti a un frame-rate inferiore, così come altre animazioni accessorie. Tuttavia, si tratta di un miglioramento rispetto al PC e di un miglioramento netto rispetto alle console di ultima generazione.

A questa maggiore fluidità si aggiungono le modifiche all’elaborazione delle immagini. Nella versione della scorsa generazione, la sfocatura del movimento era basata sulla telecamera, con un uso limitato della sfocatura per oggetto nella modalità in prima persona. Nella nuova versione, la sfocatura del movimento per oggetto è applicata universalmente in tutto il gioco. È sottile a 60fps e più evidente nella modalità fedeltà a 30fps, che appare molto migliorata rispetto al gioco della scorsa generazione che girava allo stesso frame-rate.

Un altro aspetto di questa nuova sensazione di fluidità è dovuto ai miglioramenti della qualità dell’immagine. Su PlayStation 4, il gioco girava a 1080p con un semplice effetto di anti-aliasing post-processuale di tipo FXAA, tipico per il periodo in cui è stato rilasciato, ma che presentava molti problemi di shimmer, dithering e altri problemi di stabilità. Il PC introdusse l’MSAA e una soluzione temporale di Nvidia nota come TXAA, pur mantenendo l’FXAA se lo si desiderava. Era possibile migliorare la qualità dell’immagine della console su PC, ma i costi di rendering erano significativi. Le nuove versioni introducono una soluzione di anti-aliasing temporale più in linea con la tecnologia odierna, simile a quella di Red Dead Redemption 2. Il luccichio, il dithering e il rumore sono stati ridotti in modo significativo al punto che, per certi aspetti, GTA5 a 1440p su PS5 sembra preferibile al PC a 4K nativi.

Quindi, quale delle tre modalità di qualità si dovrebbe utilizzare? La modalità fedeltà è compromessa a causa dell’aumento dell’input lag e, tra le due offerte di prestazioni, è la modalità ray tracing che consiglio. Il RT viene utilizzato solo per le ombre, in particolare per quelle proiettate dal sole (le ombre interne sono mappe d’ombra standard, anche se di qualità superiore e con un filtraggio adeguato). Le ombre RT riducono in modo significativo i problemi di artefatto, eliminano i punti di taglio stridenti che si trovano nelle cascate di ombre, dove un’ombra di alta qualità passa a una di qualità molto inferiore a distanza ravvicinata e, soprattutto, le proprietà delle ombre nella vita reale sono rese in modo più accurato. Le ombre dei piccoli dettagli vengono mantenute laddove spesso scompaiono con le mappe d’ombra, il cosiddetto effetto Peter Pan. Questo termine descrive il modo in cui la luce trapela attraverso gli oggetti, poiché l’area di contatto non può essere renderizzata correttamente.

Le ombre tracciate a raggiera non presentano questo problema e, inoltre, visualizzano con precisione l’ammorbidimento delle ombre: più un’ombra è lontana dall’oggetto che la proietta, più l’effetto è diffuso. È interessante notare che la versione PC ha le ombre Nvidia PCSS – un tentativo di simulare questo effetto – ma è esattamente questo: un tentativo. Era buono per l’epoca, ma RT svolge il lavoro in modo adeguato. Le ombre RT hanno un bell’aspetto, ma non vengono eseguite alla massima risoluzione, il che può causare un po’ di pop e fizzle. La modalità fedeltà non elimina questi problemi, ma rende le ombre un po’ più precise al pixel grazie alla maggiore risoluzione di uscita.

Finora, il nuovo Grand Theft Auto 5 convince su diversi livelli, ma ci sono ancora diversi aspetti della presentazione in cui vorrei vedere dei miglioramenti, forse dovuti al retaggio delle vecchie versioni del gioco. A cominciare dal filtro anisotropico, che appare molto simile a quello della versione per console di ultima generazione, migliorato solo grazie alla maggiore risoluzione. Poi c’è il livello generale di dettaglio e la distanza di disegno: all’epoca si discuteva molto sul fatto che la PS4 avesse più erba della versione Xbox One, cosa che la versione PC ha portato al livello successivo. Nelle sue modalità a 60fps, la nuova versione di GTA5 utilizza lo stesso preset di densità dell’erba alto usato da PlayStation 4, visibilmente inferiore a quello molto alto o ultra del PC. Ciò forse non sorprende se si considera che l’effetto è ad alta intensità di risorse.

È un po’ corto, ma il trailer di lancio della nuova versione del gioco non è male!

Anche il livello di dettaglio della geometria non mostra alcun reale miglioramento rispetto a PlayStation 4, mentre il PC, guardando in lontananza, mostra un mondo aperto molto più ricco. L’unico modo per migliorare il livello di dettaglio è utilizzare la modalità fedeltà, abbassando il frame-rate a 3-30fps. Questo aumenta il livello dell’erba, ma purtroppo non influisce sul LOD a distanza per la geometria opaca, che sembra essere lo stesso. Al di là di questo, i cambiamenti rispetto alle versioni precedenti sono pochi: stiamo parlando di differenze minori come gli effetti del fuoco rinnovati o il fatto che la profondità di campo non diventa più praticamente invisibile a impostazioni più alte come su PC, ma si tratta di dettagli incidentali.

PlayStation 5 riceve alcuni aggiornamenti del controller DualSense, ma non li definirei rivoluzionari: la guida ha una certa tensione sui grilletti e l’aptica viene utilizzata per provocare piccoli scatti sul controller in base alle condizioni di guida sulla strada, oltre ad altri piccoli ma graditi effetti. Si tratta di cose standard, ma è sempre bello vedere queste cose aggiunte per chi le ama.

Tecnicamente, ritengo che il nuovo Grand Theft Auto 5 sia la versione preferita del gioco: un grande miglioramento rispetto alla versione per PS4/Xbox One e, sotto molti aspetti, migliore anche di quella per PC. Ciò è dovuto ad aspetti come la maggiore fluidità grazie alla sfocatura del movimento e alle cinematiche sistemate, oltre all’inclusione dell’anti-aliasing temporale che ripulisce molti dei problemi di qualità dell’immagine precedenti. Certo, in questa nuova versione mancano alcune caratteristiche visive della versione PC, ma soprattutto, a parte il LOD a distanza, non si notano nel corso del gioco. In definitiva, si ha la sensazione che Rockstar avrebbe potuto fare di più, quindi non aspettatevi un aggiornamento pari a quello di Metro Exodus Enhanced Edition. In termini di aggiornamenti “next-gen”, ciò che otteniamo è l’obbligatorio aggiornamento a 60 fps, un tocco di RT e un’infarinatura di piacevoli rifiniture.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.