Perché Zelda: Breath of the Wild 2 potrebbe essere assente dal Direct di Nintendo all’E3

0

Come tutti sapete, uno dei titoli più attesi per la console ibrida è il sequel di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, che noi chiamiamo popolarmente The Legend of Zelda: Breath of the Wild 2, nonostante non abbia ancora un titolo ufficiale.

L’uscita del titolo era prevista per la fine di quest’anno, ma purtroppo alla fine di marzo il produttore della serie The Legend of Zelda Eiji Aonuma ha condiviso nuove informazioni sulla data di uscita del sequel di The Legend of Zelda: Breath of the Wild: è rimandato alla primavera del 2023.

D’altra parte, anche questo atteso sequel non sarà presente al Nintendo Direct che si terrà all’E3. Per questo motivo, Game Rant ha condiviso i motivi per cui ritiene che Zelda: Breath of the Wild 2 non sarà presente all’evento e quando pensa che potrebbero essere annunciate novità.

Ecco i dettagli che hanno condiviso:

  • Il ritardo è stato accompagnato da una finestra di rilascio più specifica rispetto al passato, il che suggerisce che Breath of the Wild 2 è ancora vicino al completamento. Sembra inevitabile che Nintendo parli di Breath of the Wild 2 nel 2022, tenendo conto di queste informazioni. Ci sono ancora molti contenuti di BotW2 da rivelare, e non sarebbe pratico rivelarli tutti nei primi mesi del 2023.
  • Per il momento, Nintendo inizierà molto probabilmente a parlare del seguito di Breath of the Wild intorno al Natale 2022. Per allora, la maggior parte degli altri giochi di quest’anno sarà stata rilasciata, compresi Pokemon Scarlatto e Viola, che sono probabilmente i più grandi ostacoli sulla strada di Breath of the Wild 2.
  • Avrebbe senso un Nintendo Direct a novembre o dicembre con importanti rivelazioni su Breath of the Wild 2, o forse Nintendo rilascerà un nuovo trailer durante i The Game Awards 2022. Un altro trailer criptico rilasciato durante un Direct estivo non sarebbe troppo sorprendente. Tuttavia, i fan non devono aspettarsi che Breath of the Wild 2 sia il protagonista del prossimo Direct. Nintendo ha troppi progetti in cantiere per concentrarsi su Zelda in questo momento.
  • I ritardi renderanno il sequel di Breath of the Wild migliore nel lungo periodo, ma è comunque un boccone amaro da mandare giù. I fan attendono Breath of the Wild 2 da circa tre anni, quindi la notizia che il gioco richiederà un altro anno per essere rilasciato è molto deludente. Tuttavia, tutti i trailer offrono accenni vaghi e misteriosi sul gioco che incoraggiano le speculazioni e fanno sembrare il gioco speciale.

Comunque sia, in questo 2022 il catalogo di Switch sarà ricco di giochi in grado di intrattenere i fan fino alla lontana uscita di Breath of the Wild. È probabile che il prossimo Nintendo Direct serva a ricordare che la console ibrida ha molto da offrire, indipendentemente dalla presenza o meno di Zelda.

Cosa ne pensate?

Fuente.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.